Passa ai contenuti principali

Teatro Ivelise presenta "Mamma son tanto felice perchè"


VENERDI’ 5 E SABATO 6 OTTOBRE TEATRO IVELISE PRESENTA LO SPETTACOLO D’APERTURA DELLA NUOVA STAGIONE TEATRALE “LA NOUVELLE SAISON”: “MAMMA SON TANTO FELICE PERCHE’” DI ANGELICA BIFANO 

Venerdì 5 e sabato 6 ottobre alle ore 21.00 sul palco del Teatro Ivelise debutterà lo spettacolo di apertura della nuova stagione teatrale “Mamma son tanto felice perché” di Angelica Bifano.

Lo scelta dello spettacolo, da parte della Direzione Artistica, è avvenuta per la potenza dell’artista scoperta ad un concorso teatrale capitolino. Il monologo originale, presentato durante il concorso, è stato esteso ad un lungo teatrale in occasione de “La Nouvelle Saison”, entrando nella rosa delle collaborazioni artistiche dello storico teatro romano e conquistando con il talento di Angelica Bifano il primo posto in cartellone!

Nel silenzio di una domenica sera, Delfina ripercorre con il corpo e con la mente una storia appena terminata, ciò che prima aveva, ciò che è stato e ora non è più. È una recita per combattere la solitudine, è un drammatico bisogno di sentirsi ancora viva, necessaria, di parlare per non sentire il silenzio che la circonda, di trattenere gli affetti familiari e colmare il vuoto che questi lasciano quando la vita decide di portarli lontano.
“Cosa comporta non accettare l’assenza?” “Quanto tempo serve per elaborare un lutto?” “È possibile ricominciare una nuova vita a cinquant’anni?”

La figura femminile in primo piano intende parlare e mettere in risalto una società matriarcale in cui la donna è responsabile, custode e giudice della casa, caratteristica ancora presente in Sud Italia. Tre generazioni di donne, un secolo di storia grazie a tre personaggi: una Mamma, la figlia Delfina e la nipote Alice. Il passato, il presente e il futuro prendono corpo e dialogano mostrandoci preoccupazioni, necessità e desideri di tre donne attraverso la saggezza popolare di un’anziana donna di campagna, la praticità di una donna in carriera e l’imprevedibilità di una bambina.

ANGELICA BIFANO (BIO)

Classe 1992, di Sapri (SA). Si diploma come attrice nel 2013 all'Accademia Internazionale di Teatro di Roma, metodo Lecoq e nel 2016 alla Civica Accademia d’Arte Drammatica “Nico Pepe” di Udine. Ha lavorato sul mimo e la pantomima con Emmanuel Gallot-Lavallée, sulla figura del Clown con Silvia Marcotullio e con le maschere della Commedia dell’Arte con Carlo Boso e Claudio de Maglio. Successivamente si è confrontata con registi e pedagoghi di livello internazionale come Anatolij Vasiliev, Juri Alschitz, Carolyn Carlson, Julie Anne Stanzak, Antonio Rezza e Flavia Mastrella, Spiro Scimone e Francesco Sframeli, Alessandro Serra, Arturo Cirillo, Marco Sgrosso, Elena Bucci, Maurizio Schmidt. Dal 2016 fa parte del Collettivo “L'Amalgama” con il quale ha realizzato Ribellioni Possibili e Fil rouge. Nel gennaio 2017 prende forma il testo teatrale Mamma son tanto felice perchè... monologo da lei scritto e interpretato, con la collaborazione alla messa in scena di Giovanni Battista Storti e selezionato nell’arco dell’anno per diversi premi di livello nazionale (TangramTeatro - TO; Premio Laura Casadonte - KR; Confronti Creativi - Formello; Giovani Realtà del Teatro – UD; Short Lab - RM; Borsa Teatrale Anna Pancirolli - MI).

Per informazioni:
tel. 06 8952 7016
www.teatroivelise.it - www.facebook.com/teatroivelise




Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol