“L’inquilino” che non ti aspetti. Dubbi, inganni e segreti sotto lo stesso tetto.

17:19


Il campionato di risate promesso dal Martinitt per questa nuova stagione si apre con la comicità fuoriclasse di Enzo Casertano, dalle spassose sonorità e dinamiche partenopee. La partita d’inizio si gioca tra le mura di un appartamento, protagonisti un artista strampalato che non riesce più a pagare il canone, la sua amica del cuore nonché nipote della padrona di casa e un co-inquilino misterioso, troppo perfetto per essere vero. Che cosa nasconderà? 

In scena dal 27 settembre al 14 ottobre.

L’ordinaria follia del nostro quotidiano va in scena al Teatro Martinitt e apre l’ennesima stagione all’insegna di temi attuali e risate intelligenti. La congiura economica, la precarietà, l’amicizia e la fiducia ai tempi della crisi muovono le scene di questa commedia dolce-amara, intrisa di un pizzico di mistero, quel che basta a insinuare il dubbio e mettere a nudo le fragilità dell’uomo moderno. Fidarsi è bene, ma non fidarsi… è triste, sembra essere il motto sotteso alla trama, carica di equivoci ma in fondo maledettamente chiara: nessuno, suo malgrado, è più davvero se stesso. Incalzati dalle musiche degli 883, i protagonisti si consumano a dipanare una matassa che in qualche modo li lega tutti, con il filo degli affetti, dei ricatti, delle seduzioni e del bisogno. Fino a che tutti i nodi verranno al pettine…

L’INQUILINO Categoria Fuoriclasse

di Enzo Casertano, diretto da Roberto D’Alessandro. Con Enzo Casertano (Enzo), Massimo Pagano (Massimo) e Maria Chiara Cimini (Chiara). Produzione I Due Della Città Del Sole & Nuove Frontiere Teatrali. Scene Luca De Nicola, Costumi Samantha Pagano, Musiche Mariano Perrella, Direttore di scena Paolo Orlandelli, Luci Classico Light.

In un quartiere popolare, Massimo è in gravi difficoltà economiche. Il suo incubo peggiore è la vecchia padrona di casa, che vuole riscuotere. Unica nota positiva? La vegliarda affida i solleciti di pagamento alla nipote Chiara, amica di vecchia data di Massimo. Solidale con lui, lo aiuterà a trovare una soluzione: un co-inquilino con cui dividere l'affitto. Entra così in scena Vincenzo, uomo mite ma misterioso. Massimo e Chiara si imbarcheranno in strampalate indagini per scoprire se è veramente chi dice di essere. In una girandola di colpi di scena, tra sospetti, amicizia, innamoramenti e cene a base di spigole all'acqua pazza, emergerà la vera identità dell'inquilino. Ma ci sarà da fidarsi?
-----------------------------
Info e prenotazioni:

TEATRO/CINEMA MARTINITT

Via Pitteri 58, Milano - Tel. 02 36.58.00.10 - Parcheggio gratuito.

Orario spettacoli giovedì-sabato ore 21, domenica ore 18. Il sabato anche alle 17.30.

Biglietteria: lunedì 17.30-20, martedì-sabato 10-20, domenica 14-20. Ingresso: 24 euro spettacoli Fuoriclasse, 26 euro spettacoli Campioni. Abbonamenti a partire da 62 euro.


Il Martinitt

Un teatro entusiasta, dai grandi numeri (oltre 40.000 spettatori lo scorso anno e oltre 2200 abbonamenti in 9 stagioni), che crede davvero nei talenti –consolidati o emergenti- della moderna drammaturgia di casa nostra. Riflettori sempre puntati però anche sulla danza. Al quartiere, infine, il Martinitt ha regalato anche il cinema che mancava.

You Might Also Like

0 commenti