Passa ai contenuti principali

NICOLA LOSITO IN CONCERTO AL MARCONI TEATRO FESTIVAL


Un concerto imperdibile domenica 21 luglio alle ore 21 al Marconi Teatro Festival. Nello spazio all’aperto della Rassegna estiva è di scena il giovanissimo pianista rivelazione Nicola Losito con FANTASIE IN UNA NOTTE D’ESTATE. 

22 anni, considerato uno dei maggiori talenti della sua generazione, a soli 21 anni la rivista Amadeus gli ha dedicato la copertina della rivista con un CD inedito interamente dedicato a Robert Schumann. Nel 2017 ha ricevuto la Medaglia della Camera conferita dalla Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini come riconoscimento al talento. Numerosi i recital in Italia e all’estero, tra Austria, Belgio, Croazia, Francia, Germania, Norvegia, Polonia, Romania, Serbia, Slovenia, Spagna, Stati Uniti e Turchia. In veste di solista, si è esibito con i Solisti Aquilani, l’Orchestra Filarmonica Marchigiana, Serbian National Theatre Symphonic Orchestra, Orchestra Filarmonica Italiana, Klagenfurt Landeskonservatorium Symphony Orchestra, Orchestra Filarmonica della Calabria, Ignacy Jan Paderewski State Philharmonic Orchestra. Dal 2017 è un artista sostenuto dal CIDIM. Nel 2018 ha debuttato a Istanbul, Oslo e a Londra nella Steinway Hall per la Keyboard Trust London.

Numerosi i primi premi in concorsi nazionali e internazionali, tra cui il XXVIII Concorso pianistico “Muzio Clementi” di Firenze, il “6th Isidor Bajic Piano Memorial Competition” di Novi Sad (Serbia), il Premio pianistico Internazionale “Silvio Bengalli” di Pianello Val Tidone, Concorso pianistico internazionale di Osimo, International Piano Competition “Dinu Lipatti” di Bucarest. Ha all’attivo incisioni per la rivista Amadeus e l’etichetta discografica Movimento Classical. È stato ospite in trasmissioni per Rai Radio 1, Radio Classica e Radio Vaticana. Dal 2017 è presidente e direttore artistico dell'Associazione Filarmonica Italiana.

Ad aprire il concerto sarà la seconda Sonata op.27 di Beethoven più conosciuta come “Sonata al Chiaro di Luna”, una delle opere più famose e affascinanti nella Storia della Musica. Beethoven la dedicò alla sua allieva, la Contessa Giulietta Guicciardi, della quale era innamorato. La singolarità di questa sonata la riscontriamo nella scelta dell'Adagio come primo movimento, cosa molto insolita nella forma sonata classica dell'epoca. È proprio il primo movimento ad ispirare il titolo Al chiaro di luna che venne attribuito successivamente durante il romanticismo dal critico tedesco Ludwig Rellstab.

Si prosegue poi con I notturni op.9 n.1 si bemolle minore e il n.2 in mi bemolle maggiore di Frederic Chopin,che si caratterizzano per il loro carattere raffinato, dolce e sognante. Il genere del Notturno venne introdotto nel Romanticismo dal compositore irlandese John Field, dal quale Chopin trasse ispirazione. Il compositore polacco diede molta importanza a questo nuovo genere a tal punto da comporre 21 notturni nell'arco di tutta la sua produzione pianistica. La Fantasia in fa minore op.49 è una delle opere più complesse della produzione del compositore polacco. Come anticipato nel titolo (Fantasia), il brano si distacca da ogni struttura formale e mette in luce tutta la personalità tormentata del compositore.

Seguirà poi “Clair de Lune”, tratto dalla Suite bergamasque (1905) del compositore francese Claude Debussy. Il brano, ispirato all'omonima poesia di Paul Verlain, porta l'ascoltatore in una dimensione onirica attraverso l'uso di timbri ricercati e armonie prive di tensioni.

A chiudere il concerto sarà la Sonata in do diesis minore op.27 n.2 "Al chiaro di Luna" di Ludwig van Beethoven (1770-1827).
----------------

PROGRAMMA

Ludwig van Beethoven (1770-1827)

Sonata in mi bemolle maggiore op.27 n.1 “Quasi una fantasia”

Andante – Allegro

Allegro molto e vivace

Adagio con espressione

Allegro vivace

Frederic Chopin (1810-1849)

Notturno op.9 n.1

Notturno op.9 n.2

Fantasia op.49

Claude Debussy (1862-1918)

Clair de Lune

Ludwig van Beethoven (1770-1827)

Sonata in do diesis minore op.27 n.2 "Al Chiaro di Luna"

Adagio sostenuto

Allegretto

Presto agitato







Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

COPPÉLIA - balletto in tre atti

Martedì 11 Aprile 2017 ore 20,45 - Teatro Manzoni NUOVO BALLETTO CLASSICO direzione artistica Cosi - Stefanescu in COPPÉLIA balletto in tre atti musica di Léo Delibes Coreografia di Marinel Stefanescu Maitre du ballet Liliana Cosi Scene di Hristofenia Cazacu Costumi di Marinel Stefanescu

CALENDAR GIRLS ritorna al Teatro Manzoni

Dal 21 al 26 Febbraio 2017 TEATRO MANZONI AGIDI e ENFI TEATRO  presentano ANGELA FINOCCHIARO e LAURA CURINO CALENDAR GIRLS di TIM FIRTH basato sul film Miramax scritto da JULIETTE TOWHIDE & TIM FIRTH Traduzione e adattamento STEFANIA BERTOLA Regia CRISTINA PEZZOLI