GABRIO GENTILINI DEBUTTA NELLA PROSA CON “LA BISBETICA DOMATA”

13:12


Dopo un recente passato come protagonista del teatro musicale italiano e un debutto lo scorso autunno nella fiction televisiva, Gabrio Gentilini, attore e perfomer di 29 anni originario di Forlì, fa ora il suo ingresso nella prosa teatrale con lo spettacolo di Shakespeare “La Bisbetica Domata”, in scena al Globe Theatre di Roma dal prossimo 31 agosto. 

Nello spettacolo, con la regia, traduzione e adattamento di Loredana Scaramella, Gabrio interpreta il duplice ruolo del servitore Curzio e del vecchio mercante Vincenzo, in un allestimento che traspone il classico shakespeariano alla fine degli Anni ’30 del Novecento portando avanti una riflessione profonda e arguta sul teatro come specchio amplificante della vita e sul rapporto fra artista e potere, oltre che una esilarante rappresentazione della guerra fra i sessi.

Gabrio fa così il suo debutto nella prosa teatrale dopo una carriera di primo piano nel musical italiano dove è stato il protagonista Johnny Castle in “Dirty Dancing” (2014-2015), grande successo al Teatro Nazionale di Milano e poi all’Arena di Verona e al Gran Teatro di Roma, e Tony Manero ne “ La Febbre del Sabato Sera” (2012-2013), ruoli iconici ricoperti al cinema da Patrick Swayze e John Travolta. Dopo aver raggiunto i vertici nel teatro musicale Gabrio ha deciso di dedicarsi al perfezionamento della recitazione al The Acting Studio di New York per estendere la sua carriera dal teatro anche al cinema e alla fiction televisiva ; tra le serie tv a cui Gabrio ha preso parte la fiction di punta della Rai “L’Ispettore Coliandro 6”, in onda nell’autunno 2017.

“La Bisbetica Dometica” sarà in scena dal 31 agosto al 16 settembre nella suggestiva cornice del Silvano Toti Globe Theatre di Villa Borghese a Roma. Il teatro, nato nel 2003, ricostruisce filologicamente il Globe Theatre di Londra, il più famoso teatro del periodo elisabettiano, e propone una ricca stagione teatrale shakespeariana sotto la direzione artistica di Gigi Proietti.

Foto Andrea Ghirelli

You Might Also Like

0 commenti