Passa ai contenuti principali

OSCAR GENERALE PORTA UN “IMMIGRATO” A HOLLYWOOD E REALIZZA IL SUO SOGNO


Oscar Generale, produttore italiano di fama internazionale, ha deciso di puntare sul talento di Samuel Storm. Il giovane, di origine nigeriana ma in Italia da un anno e nove mesi, ha attraversato il deserto a piedi e rischiato la vita in mare per arrivare in Italia (un viaggio lungo nove mesi che l'ha profondamente segnato) e poi ha partecipato a X Factor classificandosi al quarto posto.

“Io credo da sempre nei nuovi talenti e sono rimasto letteralmente folgorato da Samuel. A colpirmi, in particolare, è stata una canzone da lui stesso scritta, in cui racconta il suo doloroso passato. Lui ha infatti lasciato il Lagos di nascosto dalla sua famiglia per cercare fortuna in Italia, ma ha dovuto affrontare un viaggio molto difficile. Un percorso che purtroppo tanti altri immigrati hanno conosciuto” - racconta Generale, che ora ha intenzione di realizzare il grande sogno di questo raffinato cantautore.

Oscar Generale sta infatti producendo Samuel insieme a George Acogny, celebre produttore americano che ha lavorato con nomi del calibro di Peter Gabriel, Sinead O Connor, Natalie Cole , Etta James, Dr John, Aaron Neville, Solomon Burke, Donny Osmond,Youssou N'Dour, Nusrat Fateh Ali Khan e Chaka Khan,

Il giovane artista è quindi pronto per ripartire da Hollywood, anche con una nuova immagine, facendosi chiamare semplicemente Storm.

Per preparare il suo album, Oscar e George stanno contattando musicisti del calibro di Vinnie Colaiuta ( Sting), Steve Lukhater (Toto),Darryl Jones ( The Rolling Stones) Pino Paladino ( The Who, John Mayer), Nathan East (Eric Clapton), Steve Ferronne (Tom Petty), Armand Sabal Lecco (Paul Simon)

Oscar Generale ha intenzione di portare Storm subito nelle prime posizioni delle classifiche internazionali.
Ricordiamo che Storm oltre a cantare è anche autore dei suoi testi.







Sito Oscar Generale: https://www.oscargeneraleproductions.com/

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol