Passa ai contenuti principali

Déjà-vu - Brunella Platania e Gerry Gherardi diretti da Valentina Naselli


Déjà-vu

1-2-3 Giugno 2018 

1 e 2 giugno ore 21
3 giugno ore 18

Teatro Kopò
Via Vestricio Spurinna 47, Roma 
Tel 06-45650052
Prezzo: €12

Con
Brunella Platania
Gerri Gherardi

Scritto e diretto Valentina Naselli
Musiche Piero e Francesco Pintucci
Grafica Daniele Naselli

Sinossi

I soliti pazienti, i soliti problemi, il solito tran tran e forse non era proprio così che il Dottore Psicoterapeuta Carlo Sia, laureato con un soddisfacente 101, si aspettava la sua professione quando ha deciso di seguire il suo sogno, ma in fondo, da uomo pacato e modesto qual è, è un bene, perché complicarsi la vita?! E quando Alice Pagani bussa al suo studio non sembra diversa dagli altri. Mediamente attraente, intelligente, estroversa e di carattere. Il suo unico problema? Qualche incomprensione nella vita privata, il più comune. Dice.

Cosa potrebbe mai andare storto?? Niente.

Se non fosse che lei per prima non sa di vivere una realtà ben più complicata e patologica che le fa perdere qualche…venerdì…e che porterà medico e paziente sull’orlo di una crisi di nervi.

Chi impazzirà per primo??? 
----------------------------------

Note di autore/regia

Déjà-vu nasce da solo, in maniera molto spontanea e con un flusso morbido. Non è stato molto difficile ricreare situazioni divertenti partendo da una memoria labile, forse perché anche io devo ammettere di non avere una forte memoria e questa cosa spesso mi ha portata a trovarmi in situazioni assurde, a trovarmi in difficoltà davanti, ad esempio, a chi ti saluta come se ti conoscesse da sempre e per te è uno sconosciuto, o davanti a amici che si divertono a ricordare momenti passati insieme di cui tu ignori l’esistenza, o delle migliaia di volte che vai a fare la spesa per comprare i limoni e compri tutto tranne i limoni. E queste sono le classiche…a me capita anche di peggio, ma il risvolto positivo…è questo spettacolo.

Diciamo che ho voluto sdrammatizzare una condizione tutt’altro che divertente, portando in primo piano i risvolti comici di tutte le cose, perché credo che in ogni cosa esista un faccia più leggera che a volte può aiutarci ad andare avanti.

I personaggi sono frizzanti e spontanei, ho voluto solo esasperare situazioni comuni, nelle quale molte persone potranno ritrovarsi o nei panni della smemorata Alice o in quelli del semplice e ingenuo Dottor Sia. Le stesse gag presenti sono spesso state create durante l’allestimento, in quanto uscivano naturali per le circostanze che il copione creava.

Il tipo di testo è rapido e dinamico, interrotto da pause studiate e espressioni mute che creano comicità.

Lo scopo è far si che il pubblico empatizzi con entrambi i personaggi.

Ovviamente il testo ha anche un risvolto più profondo, dato dalla patologia trattata che riesce anche ad emozionare…o almeno me lo auguro!

Valentina Naselli
---------------------

Déjà-vu

1-2-3 Giugno 2018 

1 e 2 giugno ore 21
3 giugno ore 18

Teatro Kopò 
Via Vestricio Spurinna 47, Roma 
Tel 06-45650052
Prezzo: €12
Con 
Brunella Platania 
Gerri Gherardi 

Scritto e diretto Valentina Naselli 
Musiche Piero e Francesco Pintucci 
Grafica Daniele Naselli 

Commenti

Post popolari in questo blog

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

BROADWAY CELEBRATION - I GRANDI SUCCESSI DEL MUSICAL IN CONCERTO SPETTACOLO

                                                                  Tour 2021/22 BROADWAY CELEBRATION I GRANDI SUCCESSI DEL MUSICAL IN CONCERTO SPETTACOLO Rocky Horror Show, Jesus Christ Superstar, Rent, Mamma Mia! Sister Act, Les Misérables, Cats, Hairspray, Hair, Grease, Evita, The Phantom of the Opera… PRESENTA UMBERTO SCIDA Una produzione Marco Caselle, Alex Negro per Palco5. I due fondatori uniscono la loro ventennale esperienza nel settore del Musical il primo, e nel Gospel internazionale il secondo, per dar vita ad una serata imperdibile con un cast di 24 performer e musicisti per i grandi successi del Musical. 10 sono i performer di fama nazionale che compongono la sezione dei solisti, accompagnati da una band d’eccezione e supportati da altrettanti coristi. Non sarà un semplice concerto, ma una esperienza di storytelling attraverso parole e canzoni, come insegna il teatro di Broadway. La serata, infatti, verrà raccontata da Umberto Scida, già noto in tutto il Paese

Tornano in scena "I Nuovi Tragici"

            I NUOVI TRAGICI monologhi scritti e diretti da Pietro De Silva TEATRO MARCONI  18/19/20 GIUGNO 2021 Tornano in scena I Nuovi Tragici. La rassegna nata nel 1990 arriva sul palco del Teatro Marconi il 18, 19 e 20 giugno 2021. Si tratta di monologhi scritti e diretti da Pietro De Silva portati in scena da giovani attori che partecipano al Festival. A presentare la serata due ospiti d'eccezione: Marco Simeoli e Bruno Maccallini. Una storica rassegna dunque a cui hanno partecipato circa ottanta attori fra i quali Enrico Brignano, Flavio Insinna, Neri Marcorè, Valerio Aprea, Massimiliano Bruno, Paola Cortellesi, Francesco Pannofino, Paola Minaccioni, Massimiliano Bruno, Valerio Aprea e tanti altri Il termine NUOVI TRAGICI è dichiaratamente ironico. Si tratta di una serie di monologhi sotto forma di casi clinici singolari. Individui disperati che cercano conforto, confessando in pubblico le loro piccole e grandi manie. Si prende di mira la follia e i suoi derivati, con occhio