Passa ai contenuti principali

WAR GAMES – LA PRIMA GUERRA VIRTUALE


TEATRO GHIONE
DAL 5 AL 22 APRILE

WAR GAMES – LA PRIMA GUERRA VIRTUALE

SCRITTO E DIRETTO DA
VERUSKA ROSSI, RICCARDO SCARAFONI, GUIDO GOVERNALE

con: Andrea Amato, Francesco Buccolieri, Niccolò D’Ottavio, Daniele Felici, Aberto Fumagalli, Diego Tricarico

Lorenzo Bruschi, Alessandro Buccilli, Alessio Di Domenicantonio, Riccardo Micheli, Valerio Montanari, Santiago Narciso, Davide Pinter, Tommaso Reitani, Flavio Rossi, Leonardo Salari, Francesco Tiburzi, Alessandro Volpes

La voce di War Game è Chiara Gioncardi

Scene: Lisa De Benedittis – Costumi: Lisa Sorone – Aiuto Regia: Silvia Parasiliti Collazzo – Luci: Luca Palmieri – Audio: Fabrizio Cioccolini – Direttore di Scena: Matteo Palmieri – Foto e Grafica: Patrizio Cocco – Grafica animazione: Simon Quemener – Regia animazione: Fabiana Bruno – DOP Animazione: Ciro Davide Schiano Moriello –

La guerra non è un gioco. La guerra non si dimentica. La guerra non si rinchiude in un libro di storia. Perché la guerra ha la memoria lunga. Pretende coraggio e merita rispetto. Ieri come oggi. ‘War Game – La prima guerra virtuale’ scritto e diretto da Veruska Rossi, Riccardo Scarafoni e Guido Governale in scena al Teatro Ghione di Roma dal 5 al 22 aprile riesce nell’impossibile: far battere il cuore di tre eroi italiani della prima guerra mondiale nel petto di ragazzi di oggi. Perché la guerra non conosce epoche, la guerra è ‘contemporanea’, sempre. Eroi usciti dal passato e adolescenti di oggi su un unico palcoscenico grazie ad un cast di giovani straordinari attori, molti provenienti dalla Compagnia OmnesArtes.

La Prima Guerra Mondiale fu la prima “Guerra Tecnologica”. Per uscire dalle trincee e porre fine alla “Guerra di Logoramento”, i due schieramenti furono costretti a inventare nuove strategie e nuove armi. I lanciafiamme, i primi bombardamenti aerei, i primi attacchi con i gas via via sempre più letali, i primi carrarmati, le prime macchine fotografiche montate su velivoli da ricognizione e molto altro. Pur traendo spunto da episodi realmente accaduti, War Game si propone di unire questi elementi e portarli all’attenzione del pubblico di tutte le età in una veste “contemporanea”.

In tributo ai Cento anni dalla fine della Grande Guerra, la SistemGameStation lancia sul mercato un nuovo gioco virtuale War Game – La prima Guerra Virtuale. Un divertimento iperrealista che conquista il mondo degli appassionati di videogiochi. E’ la realtà virtuale di ultima generazione, il mezzo con cui quella “storia” arriva nelle case di oggi. Una realtà virtuale mai così reale.

Lo spettacolo War Game – La prima guerra virtuale - si propone di omaggiare la memoria di tre eroi italiani. I primi soldati aviotrasportati : I Tenenti Alessandro Tandura e Pier Arrigo Barnaba (Medaglia d’oro al Valor Militare) e il Tenente Ferruccio Nicolosio (Medaglia all’Ordine Militare dei Savoia).

War Game è una storia che parla d’amore, di paure, di individualità, di condivisione. Una storia che parla di Storia ma che soprattutto parla a tutti noi.



Commenti

Post popolari in questo blog

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Spring Awakening - 18 e 19 maggio al Teatro Guanella di Milano

                                             DOPO I DUE SOLD OUT A BUCINE E FIRENZE IL 18 E 19 MAGGIO ARRIVA A MILANO IL PLURIPREMIATO ROCK MUSICAL SPRING   AWAKENING   UN NUOVO ALLESTIMENTO REALIZZATO DAL REGISTA E PRODUTTORE   DENNY LANZA   L’EMOZIONANTE  SCHOOL EDITION  DEL CONTROVERSO MUSICAL SULL’ADOLESCENZA, VEDE PROTAGONISTI GLI ALLIEVI DI MTA – MUSICAL TIMES ACADEMY , L’ACCADEMIA DI MUSICAL PIÙ IMPORTANTE DELLA TOSCANA   Tratto dall’opera di Frank Wedekind Libretto e Testi Steven Sater Musiche Duncan Sheik   Regia Denny Lanza Coreografie Denny Lanza e Giovanni Ceniccola Direzione Musicale Armando Polito Traduzione e adattamento Maria Chiara Chiti Aiuto regia: Rocco Di Donato Questa produzione è presentata grazie a un accordo con Music Theatre International   Musical Times, realtà di formazione e produzione diretta da Denny Lanza, porta in scena il nuovo allestimento italiano di Spring Awakening, il controverso rock musical vincitore di numerosi Tony Awards, basato sull’opera di