Passa ai contenuti principali

In primo piano

Trani Teatro Clown. L'Intervista al direttore artistico Santo Nicito.

  E' stata una prima edizione di grande successo quella del Trani Teatro Clown Festival Internazionale che dal 6 all'11 luglio ha rallegrato la città di Trani con spettacoli, incontri, laboratori e workshop tutti incentrati sulla figura del Clown. Tantissimi i partecipanti per un'edizione che ha rappresentato solo l'inizio di una nuova avventura che continuerà anche d'inverno nella bellissima città pugliese. Abbiamo intervistato Santo Nicito direttore artistico della Rassegna.       E' terminato da poco il Trani Teatro Clown qual è il bilancio di questa esperienza? Assolutamente positiva! I numeri sono dalla nostra parte, questo dimostra che l’offerta messa in campo ha   suscitato curiosità e interesse. Questa prima edizione del Trani Teatro Clown Festival Internazionale è stata la realizzazione di un sogno. Un vero miracolo! Abbiamo gettato le basi per quello che già da settembre, per la seconda edizione, speriamo e vogliamo sia un progetto molto più

WAR GAMES – LA PRIMA GUERRA VIRTUALE


TEATRO GHIONE
DAL 5 AL 22 APRILE

WAR GAMES – LA PRIMA GUERRA VIRTUALE

SCRITTO E DIRETTO DA
VERUSKA ROSSI, RICCARDO SCARAFONI, GUIDO GOVERNALE

con: Andrea Amato, Francesco Buccolieri, Niccolò D’Ottavio, Daniele Felici, Aberto Fumagalli, Diego Tricarico

Lorenzo Bruschi, Alessandro Buccilli, Alessio Di Domenicantonio, Riccardo Micheli, Valerio Montanari, Santiago Narciso, Davide Pinter, Tommaso Reitani, Flavio Rossi, Leonardo Salari, Francesco Tiburzi, Alessandro Volpes

La voce di War Game è Chiara Gioncardi

Scene: Lisa De Benedittis – Costumi: Lisa Sorone – Aiuto Regia: Silvia Parasiliti Collazzo – Luci: Luca Palmieri – Audio: Fabrizio Cioccolini – Direttore di Scena: Matteo Palmieri – Foto e Grafica: Patrizio Cocco – Grafica animazione: Simon Quemener – Regia animazione: Fabiana Bruno – DOP Animazione: Ciro Davide Schiano Moriello –

La guerra non è un gioco. La guerra non si dimentica. La guerra non si rinchiude in un libro di storia. Perché la guerra ha la memoria lunga. Pretende coraggio e merita rispetto. Ieri come oggi. ‘War Game – La prima guerra virtuale’ scritto e diretto da Veruska Rossi, Riccardo Scarafoni e Guido Governale in scena al Teatro Ghione di Roma dal 5 al 22 aprile riesce nell’impossibile: far battere il cuore di tre eroi italiani della prima guerra mondiale nel petto di ragazzi di oggi. Perché la guerra non conosce epoche, la guerra è ‘contemporanea’, sempre. Eroi usciti dal passato e adolescenti di oggi su un unico palcoscenico grazie ad un cast di giovani straordinari attori, molti provenienti dalla Compagnia OmnesArtes.

La Prima Guerra Mondiale fu la prima “Guerra Tecnologica”. Per uscire dalle trincee e porre fine alla “Guerra di Logoramento”, i due schieramenti furono costretti a inventare nuove strategie e nuove armi. I lanciafiamme, i primi bombardamenti aerei, i primi attacchi con i gas via via sempre più letali, i primi carrarmati, le prime macchine fotografiche montate su velivoli da ricognizione e molto altro. Pur traendo spunto da episodi realmente accaduti, War Game si propone di unire questi elementi e portarli all’attenzione del pubblico di tutte le età in una veste “contemporanea”.

In tributo ai Cento anni dalla fine della Grande Guerra, la SistemGameStation lancia sul mercato un nuovo gioco virtuale War Game – La prima Guerra Virtuale. Un divertimento iperrealista che conquista il mondo degli appassionati di videogiochi. E’ la realtà virtuale di ultima generazione, il mezzo con cui quella “storia” arriva nelle case di oggi. Una realtà virtuale mai così reale.

Lo spettacolo War Game – La prima guerra virtuale - si propone di omaggiare la memoria di tre eroi italiani. I primi soldati aviotrasportati : I Tenenti Alessandro Tandura e Pier Arrigo Barnaba (Medaglia d’oro al Valor Militare) e il Tenente Ferruccio Nicolosio (Medaglia all’Ordine Militare dei Savoia).

War Game è una storia che parla d’amore, di paure, di individualità, di condivisione. Una storia che parla di Storia ma che soprattutto parla a tutti noi.



Commenti