Passa ai contenuti principali

La Scuola - con Silvio Orlando nella Regione Lazio


5 date imperdibili per il grande teatro nelle stagioni promosse da ATCL – Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio con il finanziamento della Regione Lazio e del Mibact, con la collaborazione dei Comuni ospitanti. 

Frosinone, Viterbo, Civitavecchia e Tivoli stanno chiudendo la ricca programmazione di spettacoli con uno dei lavori più attesi dal pubblico e dalla critica: La Scuola di Domenico Starnone per la regia di Daniele Luchetti e un cast di grandi attori: insieme a Silvio Orlando, Vittoria Belvedere, Vittorio Ciorcalo, Roberto Citran, Roberto Nobile, Antonio Petrocelli, Maria Laura Rondanini. Il circuito multidisciplinare ATCL conferma in questo modo l’attenzione alla drammaturgia contemporanea italiana e ai grandi interpreti sostenendo nella Regione Lazio una programmazione di qualità tanto da aggiudicarsi il favore del pubblico (già sold out la data di Viterbo). Questo il calendario delle repliche: 

Teatro Nestor, Frosinone – giovedì 26 aprile ore 21.00

Teatro dell’Unione, Viterbo – venerdì 27 aprile ore 21.00

Teatro Traiano, Civitavecchia – sabato 28 aprile ore 21.00 // domenica 29 aprile ore 17.00

Teatro Giuseppetti, Tivoli – lunedì 30 aprile ore 21

La scuola

Era il 1992, anno in cui debuttò Sottobanco, spettacolo teatrale interpretato da un gruppo di attori eccezionali capitanati da Silvio Orlando e diretti da Daniele Luchetti. Lo spettacolo divenne presto un cult, antesignano di tutto il filone di ambientazione scolastica tra cui anche la trasposizione cinematografica del 1995 della stessa pièce che prese il titolo La scuola. Fu uno dei rari casi in cui il cinema accolse un successo teatrale e non viceversa.

Lo spettacolo era un dipinto della scuola italiana di quei tempi e al tempo stesso un esempio quasi profetico del cammino che stava intraprendendo il sistema scolastico.

‘Ho deciso di riportare in scena lo spettacolo più importante della mia carriera; fu un evento straordinario, entusiasmante, con una forte presa sul pubblico’ dice Silvio Orlando. ‘A vent’anni di distanza è davvero interessante fare un bilancio sulla scuola e vedere cos’è successo poi’.
Il testo è tratto dalla produzione letteraria di Domenico Starnone. Siamo in tempo di scrutini in IV D. Un gruppo di insegnanti deve decidere il futuro dei loro studenti. Di tanto in tanto, in questo ambiente circoscritto, filtra la realtà esterna.

Dal confronto tra speranze, ambizioni, conflitti sociali e personali, amori, amicizie e scontri generazionali, prendono vita personaggi esilaranti, giudici impassibili e compassionevoli al tempo stesso. Il dialogo brillante e le situazioni paradossali lo rendono uno spettacolo irresistibilmente comico.
---------------------------------

Cardellino Srl presenta

Silvio Orlando
in

La Scuola

di Domenico Starnone

regia di Daniele Luchetti



con in o.a.

Vittoria Belvedere prof.ssa Baccalauro (ragioneria)

Vittorio Ciorcalo Il prete prof Mattozzi (religione)

Roberto Citran Il preside

Roberto Nobile prof Mortillaro (francese )

Silvio Orlando prof Cozzolino (lettere)

Antonio Petrocelli prof Cirrotta (impiantistica )

Maria Laura Rondanini prof.ssa Alinovi (storia dell'arte)


Scene Giancarlo Basili

Disegnatore luci Pasquale Mari

Costumi Maria Rita Barbera

Assistente alla regia Riccardo Sinibaldi




Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Tartassati dalle tasse - Biagio Izzo alla Sala Umberto

Produzione Tradizione e Turismo - Ente Teatro Cronaca Produzione esecutiva A.G. Spettacoli BIAGIO IZZO in TARTASSATI DALLE TASSE Scritto e diretto da EDUARDO TARTAGLIA Sala Umberto – dal 5 al 17 aprile 2022 Giulio Andreotti soleva dire che l’Umiltà, che di per sé costituisce una grande virtù, si trasforma in una vera iattura quando gli Italiani la praticano in occasione della loro dichiarazione dei debiti. “Io le tasse le pagherei. Ed anche volentieri! Se solo però poi le cose funzionassero veramente!” Quante volte abbiamo ascoltato simili confidenze? E quante volte anche la nostra coscienza di pur buoni ed onesti cittadini ha segretamente partorito concetti del genere? Il problema, però, è che se poi davvero ragionassimo tutti quanti sempre così, come e perché mai le cose potrebbero veramente funzionare? Sarà costretto improvvisamente a domandarselo anche Innocenzo Tarallo, 54 anni ben portati, napoletano, imprenditore nel settore della ristorazione: il classico “self made man”, che d