APPUNTI PER ORESTEA NELLO SFASCIO

16:41


15 – 18 marzo 2018 
dal giovedì al sabato ore 20.00; domenica ore 18.45
nell’ambito di Spazio del Racconto
rassegna di drammaturgia contemporanea 2017/2018 - III edizione

APPUNTI PER ORESTEA NELLO SFASCIO

testo e regia di Terry Paternoster
con Venanzio Amoroso e Patrizia Ciabatta
assistenti: Eleonora Cadeddu, Pierfrancesco Rampino
luce: David Barittoni
scenotecnica: Ambramà
produzione: Officine del teatro italiano
in coproduzione con Florian Metateatro Centro di produzione Teatrale
con la partecipazione e il sostegno di Internoenki Teatro Incivile


Sinossi

Oreste torna a casa dopo un lungo confinamento imposto dalla madre a causa della sua omosessualità marchiata a pelle. Dopo anni di esilio forzato, Oreste è costretto a rivedere la sua famiglia per via di un terribile e inaspettato evento: la morte di suo padre, scomparso prematuramente in circostanze poco chiare. Oreste ritrova sua madre devastata dal peso dei debiti e dell’usura, e per di più precipitata in un totale sfascio di valori. Grazie al confronto con sua sorella, la sua percezione del senso della vita subirà un mutamento, che lo porterà alla riscoperta di una nuova identità. Un evento inaspettato scoperchierà la coltre del silenzio, che l’ha tenuto buono per troppo tempo, rivelandosi in un orrendo e tragico atto finale. “Orestea nello sfascio” racconta le derive della nostra società, corrotta e rassegnata; ed è ambientata nel cuore dell’Altra Terra dei Fuochi, dove Elettra e Oreste sono al centro di un intrigo di scandali sessuali, omicidi mafiosi e rifiuti tossici.


Il percorso di ricerca
“Orestea nello sfascio” nasce da un percorso di ricerca che si è sviluppato attraverso tappe di laboratorio-residenza, presso il Dipartimento di Arti visive, Performative e Mediali dell'Università di Bologna (DAMS), il CSS Teatro Stabile di Innovazione del Friuli Venezia Giulia, L’Università LA SAPIENZA di Roma e l’Università dell’Aquila, con il fine di approfondire, di volta involta, nuovi risvolti del rapporto tra il Mito e i suoi riverberi nel contemporaneo. 



NOTE DI REGIA 

Il tema

"Orestea nello sfascio” è un affondo nella materia drammatica dell'unica trilogia tragica a noi pervenuta, l'Orestea di Eschilo. Addentrandomi tra le fila di un'opera capitale per la letteratura drammatica mondiale, non ho voluto riproporre necessariamente un'ulteriore e aproblematica interpretazione della fabula (l'orrendo ciclo di delitti che culminano con la pazzia di Oreste), ma penetrare nella decadenza dell'inconscio collettivo, in cui si inserisce lo sfascio e la crisi di valori della nostra società. È da qui che muove il progetto, proponendosi di sondare, attraverso la prassi teatrale, la relazione di un'intera collettività con la crisi sociale, politica ed economica. L’intento finale è dunque di interrogare il nostro reale, per provare a capire cosa si cela dietro la precarietà delle emozioni che asfissiano il nostro quotidiano, per smuovere l'indifferenza e pilotarla verso il cambiamento.

La macchina teatrale

Ho desiderato fortemente proseguire, con questo progetto, il percorso di ricerca iniziato con “MEDEA BIG OIL”, spettacolo vincitore della XIV ed. del Premio Scenario per Ustica, riconfermando la mia vocazione per l’indagine di matrice antropologica, con l’intento di analizzare, da un nuovo punto di vista, il comportamento socio-culturale di una famiglia che cade in rovina schiacciata dal peso dei debiti. Anche qui, la madre è una figura chiave come in MEDEA BIG OIL, ma non appare come una donna rassegnata che si abbandona agli eventi; è una finta bigotta che nasconde un terribile crimine dietro la maschera del "va tutto bene grazie": qui la madre rappresenta il riverbero malsano di una società corrotta sin dal basso.

Se in MEDEA BIG OIL lo scenario era la Basilicata, martoriata dalle multinazionali del petrolio, qui si puntano i riflettori nel cuore della Puglia, L'Altra Terra dei Fuochi, dove Elettra e Oreste sono due fratelli al centro di un intrigo di scandali sessuali, omicidi mafiosi e rifiuti tossici.

Durante le tappe di laboratorio ho lavorato principalmente sulla coralità; ed è proprio dall'analisi della funzione narrativa del coro e del buffone contemporaneo che sono arrivata all’esigenza di una sintesi fisico-espressiva, di matrice più intimistica e privata che collettiva e corale. Il corpo del coro scompare, ma continua a vivere nella paura del giudizio che affligge i due protagonisti: due fuochi che si muovono intorno ad una macchina: una struttura astratta, il cui valore semantico si fa strada col gesto e il movimento degli attori che lo fanno esistere come "atto" simbolico. Un omaggio al fatidico monolito di Kubrick in 2001 Odissea nello spazio e alla scala di Caronte, quella macchina teatrale che consentiva agli attori greci di rappresentare la discesa sottoterra, cioè il luogo che, nella finzione teatrale, coincideva con l’oltretomba.


Il peccato originale

Ispirandomi ai principi della Fisica quantistica, secondo cui si deduce che esistiamo se esiste un soggetto osservatore che ci fa diventare "atto", ho scelto di soffermarmi su un concetto che prolifera da tempo nella mia mente come un disturbo micotico: il dubbio amletico dell'essere o non essere. Ho trasferito il disturbo al protagonista e ho cercando di sviscerare cosa c’è alla base del rapporto dialettico che innesca il meccanismo del dubbio esistenziale. Mi sono resa conto che cercare questa risposta può portare alla pazzia. Siamo nell'epoca del tutto è il contrario di tutto, il problema è che dubitare di tutto non ti fa credere più a niente. E' questo il punto di partenza del percorso psicologico dei protagonisti. Due anime smarrite nel caos dell'informazione, due ragazzi di oggi che non credono in nulla, due vite che non investono più fiducia nella giustizia divina, né tanto meno in quella dei tribunali. Due giovani a cui hanno ammazzato il futuro, non solo un padre. Due fuochi riuniti in un tragico "atto" finale: Oreste è il braccio, Elettra la mente; l"atto" è la vendetta di una generazione alienata dal marketing, soffocata dal debito, vittima di un peccato originale ereditato dai padri.


Oreste e Amleto

Rivisitando il mito, ho inoltre messo a confronto altre due anime: Oreste e Amleto, due facce della stessa medaglia. Al contrario di quanto accade ad Amleto, il dubbio esistenziale di Oreste, qui consegue, anziché precedere la vendetta: il piatto che Shakespeare servirebbe freddo.

Se il mondo macroscopico che viviamo e sperimentiamo con l'esperienza soggettiva sembra dominato da leggi inderogabili che lo rendono solidamente reale, il mondo microscopico sembra avvolto nella nebbia fitta dell’indeterminazione. Allora il dubbio permane, non si risolve: Essere o non essere? L’interrogativo esistenziale del vivere (essere) o morire (non essere), che è alla radice dell'indecisione che impedisce ad Amleto di agire, si rivelerà, in Oreste, come atto finale di una vendetta istintiva: un raptus.


Il crollo dei punti fermi

Lo spettacolo è un pretesto per denunciare il crollo totale dei punti fermi, dei riferimenti, la condizione di smarrimento dell'essere umano che sorregge la piramide sociale; è quindi un’occasione per condividere con il pubblico non solo il dubbio dell'esistenza, in cui il potere politico è il soggetto osservatore che determina l'atto del nostro esistere, ma anche alcune riflessioni sul concetto di giustizia: se per i greci era necessario istruire la polis ad una nuova idea di giustizia, istituendo il primo tribunale umano, oggi rimane il dubbio sulla riuscita degli intenti dei nostri antenati. La giustizia potrebbe dunque divenire in questa logica un mero punto di vista, in cui l’atto vendicativo, in alcuni contesti potrebbe per assurdo diventare “un altro modo per dire GIUSTIZIA”. Un esempio potrebbe essere il desiderio delle nuove generazioni di rivendicare il loro futuro, schiacciato e ucciso dagli interessi dei potenti del mondo. L'intento non vuole essere in nessun modo una forma di istigazione a delinquere o esortazione alla violenza. Ho cercato di portare in scena questo percorso che gradualmente condurrà lo spettatore ad una condizione di catarsi. L'umanità è in pericolo e ciò che possiamo ancora fare è stimolare con l'arte lo spirito critico per riappropriandoci della realtà.


L'utopia
Per cambiare l'oggi ci volgiamo indietro, ai passi che abbiamo compiuto, al mito. Un mito che continua instancabilmente a dirigerci, seppur calato in un contesto sociale nuovo. A rimanere totalmente invariato è il peso latente di un peccato originale che si tramanda di famiglia in famiglia, di generazione in generazione, di popolo in popolo. Attraverso gli occhi di Oreste, parteciperemo al sogno di creazione di una nuova coscienza collettiva. Anche se l'utopia è spesso lo smascheramento più violento della cancrena del nostro mondo.


Ringraziamenti

Grazie alla produzione Officine del Teatro Italiano e Florian Metateatro, grazie ai colleghi e compagni di vita del Collettivo Internoenki e grazie a tutta la squadra di professionisti coinvolti nel progetto. Un grazie speciale ad Alessandro Longobardi che ha creduto e sostenuto con grande forza la produzione. Grazie a Germana Giorgerini che ha seguito passo dopo passo e con scrupolosa attenzione tutte le esigenze artistiche e tutte le fasi della produzione. Grazie a Giulia Basel e Massimo Vellaccio, per la fiducia aritistica e per il contributo alla produzione. Grazie a Eleonora Cadeddu e Pierfrancesco Rampino, due preziose figure del Collettivo Internoenki che mi hanno aiutato ad organizzare e a gestire il lavoro di messa in scena. Grazie a Patrizia Ciabatta e Venanzio Amoroso, due attori straordinari, che oltre al talento hanno mostrato un profondo impegno civile, condividendo coraggiosamente la politica del Collettivo Internoenki e le tematiche del progetto. Grazie a tutti coloro che in questi mesi hanno partecipato al processo creativo, fra cui Valentina Vitagliano, attrice che collabora da sempre con Internoenki, Davide Pandolfo. Grazie a Mariastella Cassella per il suo prezioso intervento nelle tappe di laboratorio. Un grazie speciale ad Alessia Iacopetta, Michele Degirolamo, Enoch Marrella, Gianluca Preite, Mauro Cardinali, Davide Lorusso, Giuseppe Messina e Francesco Zaccaro, per il loro vigore attoriale e per lo straodinario apporto artistico al progetto. Grazie a Savio Cannito, Miguel Candido Repolles, Cristian Marangi per il prezioso confronto sulla linea narrativa e sulla rivisitazione del Mito. Grazie a David Barittoni per il confronto sulle scelte estetiche della messa in scena e per lo studio della luce. Grazie ad Ambràmà per la realizzazione della macchina scenica. Grazie a Rossella Oppedisano e Francesca Romana D'Urso che hanno realizzato i costumi nelle fasi di studio. Grazie a Marzia Spanu per il sostegno alla comunicazione e a tutta la squadra che ha contribuito a rendere possibile questo piccolo atto rivoluzionario. Come direbbe Maurizio Grande, uno dei padri della semiotica teatrale: Il teatro è un fare, un fare insieme, un fare collettivo. La scena è una pagina tridimensionale di scrittura. Il mio augurio è che si possa scrivere un’altra pagina di teatro, insieme.


INTERNOENKI TEATRO INCIVILE

Internoenki è un’Associazione di Promozione Sociale per la Ricerca, che opera dal 2010 nell’ambito della formazione e della produzione teatrale. L’Associazione composta principalmente di giovani, si caratterizza per un’attività teatrale e performativa frutto di un lavoro di contaminazioni di diversa estrazione espressiva e sistemi disciplinari. Il background professionale dei componenti si articola su diversi ambiti di spettacolo, nell’intenzione di intraprendere esperienze multidisciplinari derivate dalla dialettica e dal confronto. L'Associazione Internoenki coopera con tutti coloro che, nei più svariati campi della vita culturale e sociale, operano in difesa della dignità umana e per la tutela dei diritti umani.


Chi siamo

Siamo un teatro di resistenza, un teatro scortese, rinnovato, incivile. Un teatro che nasce tra la gente e rifiuta la retorica dei buoni costumi, un teatro attento a ciò che la cronaca trascura e censura, uno strumento d’arte e controinformazione. Ci siamo uniti perché spinti da una comune esigenza di rinnovamento, perché desiderosi di proporre un teatro ignorante, scortese, rinnovato e ‘in-civile’. La nostra drammaturgia non insegue regole conclamate, è anti-grammaticale, un quadro in movimento; una drammaturgia attenta alla cronaca e a ciò che in essa si trascura e censura. Siamo un gruppo di voci e menti accordate al motto del “fare i fatti”. Rifiutiamo l’effetto fine a se stesso ma proponiamo, oltre al “fatto”, la metafora del “fatto”, la cruda poesia dell’amaro che fa scoprire i denti, nel bene o nel male. 
------------------------------------
TERRY PATERNOSTER

Biografia

Terry Paternoster, autrice, regista e attrice teatrale, nasce nel 1979 a Milano. Dopo il Diploma d'Arte Drammatica, si laurea in Arti e Scienze dello Spettacolo - Teatro e Arti Performative, alla Sapienza di Roma. Qui inizia la sua carriera professionale, occupandosi principalmente di teatro. Lavora con registi italiani e stranieri. Come attrice-autrice-regista, riceve numerosi riconoscimenti: Premio Scenario per Ustica - Napoli Teatro Festival E45 Fringe Festival - Premio RadioRAI Microfono di cristallo - Premio Pivi - Rome Web Awards - Premio Imola per il Teatro, Chiave d'Argento - Premio “In Breve” Teatro Puccini di Firenze, ecc. E' ideatrice, co-sceneggiatrice e regista della serie "Welcome to Italy”, la prima serie web sui nuovi italiani, tradotta in 8 lingue, pluripremiata in italia e all’estero. È fondatrice e direttore artistico dell'Associazione di promozione sociale per la Ricerca INTERNOENKI (collettivo teatrale indipendente dal 2010).

Portfolio

Spettacoli a cura del Collettivo Internoenki per la regia di Terry Paternoster:

“The Spiral of Dust” music video

“Spigola al sale” music video con Greg (Claudio Gregori)

"Appnti per un'Orestea nello sfascio"

"Amoressia" di Federico Cervigni

“Medea Big Oil" (Vincitore XIV edizione Premio Scenario per Ustica)

“La iatta mammona” (Vincitore Napoli Fringe Festival 2012)

“Nel nome del padre” (Finalista Premio Calcante per la Drammaturgia 2011)

“Repression” - happening di teatro incivile

“Degeneration” - “La zita vestuta”

“Voci a Rischio” - format di teatro incivile

“La buscia” - “Quando piangono le capre”

“Noi brava gente” - “Volevo essere come loro”

“Samantha” - “Paola” - “Voci a Rischio” - jam session di teatro incivile

“Bash” di Neil LaBute - “Maria Farrar” di Brecht - “New Black” da Euripide


BRANCACCINO
Via Mecenate 2, Roma - www.teatrobrancaccio.it

Biglietto: 14,00 € + 1,50 € d. p.

card open 5 ingressi: 55 €

You Might Also Like

0 commenti