Passa ai contenuti principali

In primo piano

Tornano in scena "I Nuovi Tragici"

            I NUOVI TRAGICI monologhi scritti e diretti da Pietro De Silva TEATRO MARCONI  18/19/20 GIUGNO 2021 Tornano in scena I Nuovi Tragici. La rassegna nata nel 1990 arriva sul palco del Teatro Marconi il 18, 19 e 20 giugno 2021. Si tratta di monologhi scritti e diretti da Pietro De Silva portati in scena da giovani attori che partecipano al Festival. A presentare la serata due ospiti d'eccezione: Marco Simeoli e Bruno Maccallini. Una storica rassegna dunque a cui hanno partecipato circa ottanta attori fra i quali Enrico Brignano, Flavio Insinna, Neri Marcorè, Valerio Aprea, Massimiliano Bruno, Paola Cortellesi, Francesco Pannofino, Paola Minaccioni, Massimiliano Bruno, Valerio Aprea e tanti altri Il termine NUOVI TRAGICI è dichiaratamente ironico. Si tratta di una serie di monologhi sotto forma di casi clinici singolari. Individui disperati che cercano conforto, confessando in pubblico le loro piccole e grandi manie. Si prende di mira la follia e i suoi derivati, con occhio

UFO - Dedicato a Cazimir Liske

Ivan Vyrypaev

UFO


Dedicato a Cazimir Liske

Traduzione e regia Teodoro Bonci del Bene

con Michele Lisi, Stefano Macchi, Carlotta Mangione, Fabio Mascagni, Ludovica Modugno, Francesco Petruzzelli, Cristina Poccardi, Viktor Rizengevich

dal 21 al 25 febbraio
Teatro Cometa Off

Dal 21 al 25 febbraio è in scena Ufo di Ivan Vyrypaev.

Sul palco del Teatro Cometa Off di Roma Michele Lisi, Stefano Macchi, Carlotta Mangione, Fabio Mascagni, Ludovica Modugno, Francesco Petruzzelli, Cristina Poccardi, Viktor Rizengevich diretti da Teodoro Bonci del Bene.

Il regista russo, decide di girare un film sugli alieni. Per realizzarlo, dopo aver fatto alcune ricerche, incontra dieci persone fra le tante che dicono di aver visto gli alieni. Resta con ciascuno di loro alcuni giorni intervistandoli e registrando tutte le conversazioni su nastro. Non riuscendo a farsi produrre il film trasforma la sceneggiatura in una pièce teatrale. Ufo è il risultato di una lavoro di drammaturgia sulle testimonianze dirette di dieci persone che affermano di essere entrate in contatto con esseri extra terrestri. Queste testimonianze, in cui ciascuno dei dieci intervistati tenta disperatamente di comunicare il fatto più importante della propria vita, sono delle confessioni sincere piene di umanità.

Note di regia

Ufo è un testo spiazzante. Nulla di quello che ci si potrebbe aspettare è ciò che avviene, e si comincia a dubitare sulla natura reale del testo da mettere in scena. In Ufo Vyrypaev è in grado di parlare alle persone in maniera naturale e profonda, toccando i temi fondamentali della nostra esistenza con ironia.
Il flusso di parole che investe il pubblico è fatto di energia e significato, e mentre prende forma si fa ritmo. In questo testo, grazie alla qualità della drammaturgia, l’attore è l’unico protagonista, e ha la possibilità di riappropriarsi del proprio ruolo. Quello di una persona che parla con il pubblico. La regia di questo spettacolo è infatti solo un lavoro sull’attore, una direzione e creazione di personaggi in cui la macchina scenica, seppur presente, scompare sullo sfondo. L’ultima scena, a sorpresa, fornisce la chiave di lettura della (o delle) storie, spostando completamente l’obiettivo. In Ufol’elemento chiave non è mai quello su cui si posa l’attenzione.
-------------------------------------------------------

Ufo

Traduzione e regia Teodoro Bonci del Bene

Con Michele Lisi, Stefano Macchi, Carlotta Mangione, Fabio Mascagni, Ludovica Modugno, Francesco Petruzzelli, Cristina Poccardi, Viktor Rizengevich

Assistente alla regia Cristina Mugnaini

Luci Matteo Rubagotti

Conduzione tecnica Marco D’Amelio

Produzione Cristina Poccardi e Teatri D'Imbarco

Foto locandina Marco Montanari

Foto di scena Manuela Di Giusto

Grafica Cosimo Lorenzo Pancini



TeatroCometa OFF

via Luca della Robbia 47

Dal 21 Febbraio al 25 Febbraio Ore 2100

Biglietti a partire da 10 euro

Per informazioni teatro Cometa Off 06 57284637

Commenti

Post più popolari