Passa ai contenuti principali

Ccà nisciun è fisso - L’era della precarietà


Il Teatro Kopó presenta Ccà nisciuno è fisso. L’era della precarietà di Alessandra Faiella e Francesca Puglisi, per la regia di Alessandra Faiella, conFrancesca Puglisi, musiche suonate registrate da Luca Fraula, foto di locandina di Attilio Marasco, in scena dal 16 al 18 febbraio, venerdì e sabato alle 21, domenica alle ore 18. Lo spettacolo, che ha come sponsor Ciak Roncato, si è qualificato come testo finalista al Premio Anima e Corpo del Personaggio Femminile nell’edizione del 2015.
Ccà nisciuno è fisso è un monologo esilarante sul tema più sentito dei nostri tempi: la precarietà. Tutto è suscettibile di una condizione di instabilità permanente, dal lavoro alla casa fino all’amore, di nulla si può dire quanto e se durerà. La realtà, sempre più frammentata, viene vista e raccontata attraverso gli occhi della protagonista, Francesca, che è una giovane attrice di teatro. Svolge il lavoro precario per eccellenza, raccontandolo con umorismo partenopeo e autoironia. 

La sua vita quotidiana, che è anche la nostra, può apparire drammatica o comica a seconda del punto di vista prescelto. La satira sociale, condita da una spassosa autocritica, mira infatti a stabilire un rapporto di forte empatia con il pubblico. La protagonista può dire con amara ironia: Prima noi attori avevamo il privilegio di essere fra i pochi precari nel mondo del lavoro, ci potevamo atteggiare, fare i tormentati,i dissoluti, tutto genio e sregolatezza … Adesso siamo più stabili noi di un manager! Dal lavoro, tuttavia, la precarietà si estende anche all’ambito personale e questo fa sì che perfino un fidanzato venga liquidato per sempre in nome di una vita senza legami forti, senza impegni duraturi, privata, per scelta, di un orizzonte temporale più ampio. 

Ccà nisciun è fisso ci ricorda che la precarietà ha molti volti. Può provocare sofferenza ma anche divenire una sorta di alibi per vivere sempre secondo le proprie esigenze senza prendersi troppe responsabilità. Talvolta l’instabilità è condizione subita, tal’atra può apparire come una scelta coraggiosa. Puglisi racconterà al pubblico tutte queste sfumature della precarietà, in una chiave squisitamente ironica, evocando episodi emblematici della vita sentimentale e lavorativa di un’attrice le cui vicende sono simili a quelle delle persone cosiddette comuni. La lezione è che ridere di se stessi aiuta a campare meglio!




Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide