Passa ai contenuti principali

WILD WEST SHOW - Di Fabio Fassio


OFF/OFF Theatre
Via Giulia, 20 - Roma
Da Martedì 9 a Domenica 14 Gennaio 2018

TEATRO DEGLI ACERBI
presenta

WILD WEST SHOW

Di Fabio Fassio

con Massimo Barbero, Patrizia Camatel, Dario Cirelli, Fabio Fasso e Elena Romano

Regia Elvira Frosini e Daniele Timpano
Scene Francesco Fassone | Costumi Roberta Vacchetta | Luci Marco Alfieri
Regia Video Diego Diaz | Foto Piermario Adorno | Consulenza Musicale Matteo Ravizza

OFF/OFF Theatre: è di scena la folle galoppata nell'ultimo mito dell'occidente

Da Martedì 9 fino a Domenica 14 Gennaio 2018, nel nuovissimo OFF/OFF Theatre di Via Giulia arriva il WILD WEST SHOW, scritto da Fabio Fassio per la regia di Elvira Frosini e Daniele Timpano, candidati al Premio Ubu 2017 per il migliore nuovo testo italiano o scrittura drammaturgica con lo spettacolo “Acqua di colonia”.

Sul palco, in un'immaginaria e folle galoppata nel vecchio e polveroso west, gli interpreti Massimo Barbero, Patrizia Camatel, Dario Cirelli, Fabio Fasso e Elena Romano, metteranno in scena l'ultimo mito dell'occidente imperialista e trionfante, ovvero: il west.

SINOSSI: Un gruppo di attori insegue il sogno di rappresentare il west e il modo in cui lo fa è asciutto e scarno, quasi fosse la sublimazione ascetica di ogni possibile West. Armati solo di parola e movimento, dimostreranno l'ontologica superiorità del qui ed ora. Ma la domanda è, "perché?": "Perché gli americani rappresentano il mito, ma noi ce l'abbiamo dentro!" (disse Pierfrancesco Favino, citazione per noi, decisamente calzante). Wild West Show è la storia di un viaggio mitico alla ricerca di un luogo epico, tra attacchi alla diligenza, duelli, massacri, fughe da Ringo, pistoleri dagli occhi di ghiaccio in stile Clint Eastwood, inseguimenti e chi più ne ha, più ne metta. Un gioco all'insegna di vittime e carnefici, come il destino di noi democratici vuole... La rincorsa al west s'interrompe bruscamente d'innanzi ad un cratere. C'è nebbia, fumo e ciò che rimane è solo la tomba di John Wayne. Non resta che cercare la propria identità incerta, forse meschina e senz'altro insufficiente. Eppure, anche se il west non c'è più, noi non ci siamo ancora trovati.


NOTE DI REGIA: "Ma come cosa stiamo facendo? The Wild West Show! Un grande spettacolo sull'origine di tutto". Nel febbraio del 1890 giungeva in Italia, preceduto da enormi campagne pubblicitarie, con una carovana di 59 vagoni ferroviari, il più grande spettacolo cialtrone di tutti i tempi: il “Wild West Show”, di William Frederick Cody, in arteBuffalo Bill. Centinaia di comparse, artisti, cavalieri, nativi americani, bisonti, cavalli, supportati dai mezzi tecnici più all’avanguardia del mondo. E fu subito West! Grandiosità, spettacolo, mito. Di tutto questo non vedrete nulla! Un esercito di 5 uomini (se ci son donne non conta), mette in scena l'ultimo mito dell'Occidente imperialista e trionfante, ovvero, quello americano. Il West. Uno spettacolo sull’inevitabile presenza dell’immaginario western nelle nostre vite, nei nostri ricordi, nel quotidiano: in noi. Near West, il Vicino Occidente. O Here West, il qui, il noi siamo qui, il noi siamo Occidente (e loro presumibilmente l'Oriente). Una galoppata folle alla folle ricerca di un'identità appiccicata addosso,come una camicia di flanella sudata. Qualunque cosa può succedere da un momento all’altro, qui, nel West. Il West ci attende. Go west!


FOCUS: Il West come avevamo imparato ad amare, quello in cartapesta e celluloide, non esiste più. I cinque avventurieri sullo sfondo di una scena minimale (solo uno schermo fluorescente a evocare canyon e pianure) inseguono gli stereotipi del cinema western in un’illusoria saga a episodi narrata per inquadrature e si agitano forsennatamente, con la fissità imperturbabile degli automi. Le ombre rosse, gli assalti alle diligenze, i pony express, i bivacchi intorno al fuoco, le musiche di Morricone, i risvegli in prigione, i duelli, gli scalpi e il piombo caldo: sono tanti gli “incidenti” narrativi da cui questi sgangherati cowboy entrano ed escono senza sosta, aprendo infiniti squarci sulla realtà di oggi. «Ci hanno scippato i sogni! Ci hanno tolto il West!», lamentano i cinque (anti)eroi. Ma chi l’ha rubato davvero? Chi ha preso la terra dove i sogni di ogni uomo diventano realtà? Se lo sono portati via i pregiudizi patologici, che l’hanno trasformato in quel territorio di nessuno sempre più simile al nostro presente, dove se ti difendi con la pistola dall’aggressione di un malvivente, o una particolare questione non risulta regolamentata da una delle migliaia di leggi in vigore, la metafora del far west fuori controllo è dietro l’angolo. Il far west l’hanno rubato anche i luoghi comuni, sedimentati nel tempo, da quando gli italiani hanno cominciato a farsi ipnotizzare dal faccione bianco di John Wayne, o dalla mira infallibile diClint Eastwood: «il West è l’estetica della sporcizia», «i western sono tutti uguali, come le canzoni di Ligabue», «Bud Spencer mi ha rubato il Tempo delle mele». Valentina Crosetto, da Scene Contemporanee
------------------------------------------------------------------

Durata dello Spettacolo: Atto Unico di 60 Minuti

OFF/OFF THEATRE

Via Giulia, 20 – Roma - Info: +39 06.89239515 - +39 389.4679285 - offofftheatre.biglietteria@gmail.com

Costo Biglietti: intero 25 €; ridotto 18 € Over 65 e Under 26; 10 € per gruppi – info@altacademy,it

Dal martedì al sabato h. 21,00 – Domenica h. 17,00






Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol