Passa ai contenuti principali

Marina Massironi e Alessandra Faiella nel thriller psicologico "ROSALYN"



Al Teatro Carcano di Milano - da giovedì 11 a domenica 21 gennaio 2018

Marina Massironi e Alessandra Faiella nel thriller psicologico ROSALYN di Edoardo Erba, regia Serena SinigagliaEsther O' Sullivan, scrittrice americana di successo, viene accusata dalla polizia di un omicidio avvenuto anni prima. Per discolparsi, rievoca la storia del suo incontro con Rosalyn, una donna delle pulizie goffa e sprovveduta conosciuta il giorno della presentazione di un libro sulla Vera Natura del Sé.

Racconta di quando Rosalyn le aveva confidato la sua relazione clandestina con Ben, uomo bugiardo e perverso che la sottoponeva continuamente a violenze fisiche e psicologiche. Esther, inorridita, l’aveva spinta a reagire; ma di ciò che era successo dopo, dell'imprevedibile evoluzione di Rosalyn, Esther non vorrebbe proprio raccontare...

Avvincente, comico, ricco di colpi di scena, sostenuto da una scrittura incalzante, Rosalyn scava con irriverenza in una zona incandescente della personalità che tutti noi preferiremmo tenere nascosta.

"Ho voluto parlare di quel grumo compresso e segreto che tutti abbiamo dentro - spiega l'autore Edoardo Erba - Una bomba pronta ad esplodere per mandare in frantumi le nostre fragili vite".

Nelle parole della regista Serena Sinigaglia “Rosalyn è un thriller psicologico. Rosalyn ti disorienta. Rosalyn è quando pensi di aver capito tutto e invece no, non avevi capito niente. Rosalyn è un gioco di specchi. Rosalyn è comico, ma all’improvviso diventa tragico. E’ un gioco beffardo, disperato e violento. Senza scampo. Rosalyn è una sfida, un quiz, un meccanismo che si inceppa e tutto precipita. Ciò che appare non è e ciò che è non appare. “

Sul palco due beniamine del pubblico, Marina Massironi (applaudita con Aldo, Giovanni e Giacomo in teatro, televisione e cinema; in tv con Serena Dandini e Corrado Guzzanti in “Comici” e “L’ottavo nano”; protagonista di diversi successi teatrali sotto la direzione di Dario Fo, Cristina Comencini, Giorgio Gallione, Daniele Luchetti; Premio Flaiano 2015, Premio Persefone 2010, David di Donatello 2000) e Alessandra Faiella (in tv con Serena Dandini in “Producer”, “Pippo Chennedy Show”, “Comici”; partecipa a “Zelig”, “Mai dire domenica”, “Glob”, “Markette”; al cinema con Luciana Littizzetto in “La grande prugna”; autrice dei libri “Il lato B” per Fazi Editore e “La versione di Barbie” per Mondadori).
-------------------------------------

Al Teatro Carcano di Milano
da giovedì 11 a domenica 21 gennaio 2018

Marina Massironi Alessandra Faiella

ROSALYN

di Edoardo Erba

Scenografia Maria Spazzi - Costumi Erika Carretta - Sound e light design Roberta Faiolo

Regia Serena Sinigaglia
Produzione Nidodiragno| Coop CMC, Sara Novarese|Teatro del Buratto


Durata: 80 minuti (no intervallo)

Orari: da martedì a giovedì e sabato ore 20,30 – venerdì ore 19,30 – domenica ore 16,00

Prezzi: poltronissima € 34,00 - balconata € 25,00 - ridotto over 65 € 22,00/18,00/17,00/14,50

Ridotto under 26 € 15,00/13,50 – E’ valido l’abbonamento “Invito a Teatro” (tagliando Teatro del Buratto)

Prenotazioni: 02 55181377 – 02 55181362

Prevendite online: www.ticketone.itwww.happyticket.itwww.vivaticket.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol