Passa ai contenuti principali

Lezioni di vita in musical - Next to normal. Visto per voi al "MINDIE".


Ultimo appuntamento di MINDIE - Festival del musical Indipendente al Nuovo Teatro Orione di Roma, e non poteva concludersi meglio di così. Uno spettacolo unico, un cast strepitoso, una storia forte e delicata allo stesso tempo. Sto parlando di Next to Normal.


Prodotto da STM - Scuola del Teatro Musicale, Next to Normal arriva a Roma con una nuova regia, quella della diplomata Costanza Filaroni. Pochi gli elementi scenografici ma essenziali alla storia. Sei artisti di talento in scena.

DIANA : una Francesca Taverni magistrale. In quelle 2 ore sul palco non c’era lei ma c’era realmente Diana!!! Ha dato vita ad una madre distrutta, quasi annullata da quello che è il dolore più grande di una donna: la morte di un figlio. Una donna che non riesce a vedere un’uscita da questo brutto tunnel a volte dimenticandosi di farsi forza per se stessa, per suo marito e sua figlia che sono vicino a lei.
Una donna che alla fine con grande coraggio prende la scelta più difficile: lasciare la sua famiglia per dargli una vita più tranquilla.

DAN: straordinaria interpretazione di Antonello Angiolillo. Un marito che dimostra un amore talmente forte rimanendo accanto alla donna che ha sposato nel bene e nel male. Un uomo tanto forte quanto fragile... che alla fine dimostra a cuore aperto la sua sofferenza per la scomparsa del figlio e che ha sempre tenuto nascosta dentro di lui, mettendo in secondo piano il suo dolore per aiutare la donna che ama.

NATALIE: stupenda Laura Adriani! Dopo averla ammirata nelle sue esperienze televisive e cinematografiche, vederla dal vivo e stata una scoperta. Una giovane Natalie che si ritrova in una realtà particolare con una madre quasi assente ed un padre che per stare vicino alla moglie a volte non si accorge di mettere da parte anche lei... una figlia ribelle, arrabbiata... il suo comportamento è il suo grido di aiuto, di bisogno d’amore quel grido che vuole dire "hey mamma, papà ci sono anche io ed ho bisogno di voi". Una figlia che alla fine riesce a recuperare qualcosa di quel rapporto genitori/figli di cui tanto aveva bisogno e ristabilire un pò di serenità dentro di sè.




HENRY: Un ragazzo come tanti, che si approccia a Natalie in un momento molto delicato per lei, dimostra una grande maturità e rispettando i tempi della ragazza, riuscendo a far breccia nel suo cuore confuso. Bella interpretazione di Massimiliano Perticari.

GABE : è la prima volta che vedo in scena Renato Crudo, viso pulito, presenza scenica e le sue caratteristiche di attore e cantante sono davvero notevoli e intense. E' lui Il figlio scomparso. Il figlio mai dimenticato e ricordato con emozioni diverse dalla madre, dal padre e dalla sorella. Il suo "Sono vivo" è un grido d'amore, di voglia di esserci ancora, un grido verso il quale non si può rimanere indifferenti.

Seppur non presenti spesso i ruoli del Dottor Madden e Dottor Fine sono fondamentali nel loro spazio: due medici diversi tra loro e che, entrambi, incideranno sul percorso di Diana. Bravo 
Matteo Morigi che riesce ad esprimere al meglio questi due personaggi.

Uno spettacolo che sicuramente non può lasciare indiferrente il pubblico perchè dentro ad ognuno di noi c'è qualcosa del passato o del presente, che ha lasciato un segno. Next to normal parla d'amore in ogni direzione, del bisogno disperato di dare e ricevere amore, di essere e di esistere.


Un vero gioiello del teatro musicale che merita di essere visto in tutta Italia.

Roberta Palozzi
-------------------

Foto di Alessandro Morino

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Tartassati dalle tasse - Biagio Izzo alla Sala Umberto

Produzione Tradizione e Turismo - Ente Teatro Cronaca Produzione esecutiva A.G. Spettacoli BIAGIO IZZO in TARTASSATI DALLE TASSE Scritto e diretto da EDUARDO TARTAGLIA Sala Umberto – dal 5 al 17 aprile 2022 Giulio Andreotti soleva dire che l’Umiltà, che di per sé costituisce una grande virtù, si trasforma in una vera iattura quando gli Italiani la praticano in occasione della loro dichiarazione dei debiti. “Io le tasse le pagherei. Ed anche volentieri! Se solo però poi le cose funzionassero veramente!” Quante volte abbiamo ascoltato simili confidenze? E quante volte anche la nostra coscienza di pur buoni ed onesti cittadini ha segretamente partorito concetti del genere? Il problema, però, è che se poi davvero ragionassimo tutti quanti sempre così, come e perché mai le cose potrebbero veramente funzionare? Sarà costretto improvvisamente a domandarselo anche Innocenzo Tarallo, 54 anni ben portati, napoletano, imprenditore nel settore della ristorazione: il classico “self made man”, che d