Passa ai contenuti principali

LADY OSCAR RIVIVE A TEATRO! - VISTO PER VOI





E' ufficialmente partita il 29 dicembre scorso MINDIE, la prima rassegna del musical indipendente al Nuovo Teatro Orione di Roma, con la direzione artistica di Andrea Palotto. Primo spettacolo in scena: LADY OSCAR!


Dopo il debutto del 2009, Andrea Palotto riporta in scena il suo “Lady Oscar – Francois Versailles Rock Drama” per tre date al Teatro Orione di Roma (29 – 30 – 31 dicembre 2017). 
La storia è quella del manga originale di Riyoko Ikeda, diventato poi famosissimo anime conosciuto e amato da intere generazioni e tutt'ora trasmesso in televisione. Una storia avvincente, intrigante, dai mille risvolti emozionali e, vederla a teatro, è stato come toccare con mano qualcosa che fa parte della nostra vita da sempre.

Questo nuovo allestimento ha avuto la piacevolissima aggiunta dell'orchestra che ha eseguito dal vivo, in modo magistrale tutti i brani dell’opera.



In scena, insieme a grandi professionisti del teatro musicale e non, gli allievi della AIDM, Accademia Internazionale del Musical
Un vero e proprio piacere, sia per gli occhi che per le orecchie, è stato l’aver visto sul palco lo straordinario Giorgio Adamo nel ruolo di Andrè, il talento e la grande presenza di Cristian Ruiz nel ruolo di Augustin, il bravissimo Igino Massei nei panni del duca D’Orleans e la carismatica Cristina Noci, nel ruolo di Marie. 
Ottima interpretazione anche per Massimiliano Micheli (Robespierre), Igor Petrotto (Bastien) e Carlo Valente nel ruolo di Luigi XV e come eccezionale fisarmonicista.

Grandi emozioni le hanno regalate anche la giovane Chiara Famiglietti, volto e voce di Lady Oscar, Elisa Abozzi nel ruolo di Maria Antonietta e Francesco Miniaci nelle vesti dell'affascinante Duca di Fersen: tre artisti che si sono rivelati una gradita sorpresa all’interno del cast.


Ulteriore nota di merito per le scenografie di Gianluca Amodio, il disegno luci di Daniele Ceprani e i bellissimi costumi d'epoca di Bianca Borriello.

Molto interessante la regia di Andrea Palotto che alterna alla sfarzosa nobiltà dell'epoca, un teatrino di marionette governato da Robespierre con cui, mettendo alla berlina la nobiltà, mette in risalto le due realtà sociali della Parigi dell'epoca, contraddistinta da una nobiltà menefreghista nei confronti del popolo, straziato da tasse, povertà e fame e in piena rivolta per veder riconosciuti i propri diritti.


La "Premiata Ditta Palotto - Spatuzzi", dopo i successi de "L'ultima strega" e "Processo a Pinocchio", ci regala un altro grande spettacolo di qualità, creato da un sodalizio artistico che, chi ama il teatro musicale, conosce molto bene e spera di poter vedere LADY OSCAR in tour in giro per l'Italia.

Antonio Oliva
---------------------

Lady Oscar- François Versailles Rock Drama

musical in 2 atti basato su “Le Rose di Versailles” di Riyoko Ikeda

scritto e diretto da Andrea Palotto

regia associata Emanuela Maiorani

Fotografie di Andrea Damiano

CAST DELLA REPLICA DEL 29 DICEMBRE 2017

LADY OSCAR FRANCOIS
Chiara Famiglietti

ANDRE’
Giorgio Adamo

ROBESPIERRE
Massimiliano Micheli

AUGUSTIN
Cristian Ruiz

MARIA ANTONIETTA
Elisa Abozzi

FERSEN
Francesco Miniaci

BASTIEN
Igor Petrotto

SOPHIE
Giordana Vitaliti

MARIE
Cristina Noci

DUCA D’ORLEANS
Igino Massei

CONTESSA
Elisa Franchi

LUIGI XVI
Beppe Carvutto

MARGUERITE
Anna Guerra / Miriam Balducci

MARIA TERESA
Valentina Lazzari

LUIGI XV
Carlo Valente

MARTIN/ DOTTORE
Alessandro Angelini

ANCELLA 1
Viviana Lepore

ANCELLA 2
Alma Passanisi

ANCELLA 3
Carmelita Luciani

VALLETTO/SOLDATO
Roberto Giannuzzi

SOLISTI
Rocco Stifani
Giuseppe Ranieri
direzione musicale Marco Spatuzzi
direzione e programmazione tastiere Federico Zylka
chitarra Stefano Candidda
basso Andrea Scordia
batteria Tiziano Cofanelli
coreografie Claudia Scimonelli
light design e direzione tecnica Daniele Ceprani
scene Gianluca Amodio
costumi Bianca Borriello



Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol