Passa ai contenuti principali

"IL SENSO DELL'ARCO" A CURA DELLA CAMERA MUSICALE ROMANA


Per questo appuntamento di fine Gennaio la Camera Musicale Romana ospita un duo formato dal violinista Fabrizio Falasca, considerato uno dei più valenti della sua generazione, Assistant Concertmaster presso la Philharmonia Orchestra di Londra, e la pianista milanese Stefania Redaelli, impostasi fin da giovanissima come solista in diverse orchestre, assistente di Accardo e Filippini e docente di musica da camera al conservatorio di Vicenza.

I due giovani talenti provenienti dalle migliori scuole di alto perfezionamento italiane, artisti tenaci e sensibili insieme, propongono in questo concerto la Sonata n, 3 di J. Brahms, la Sonata n. 3 in Sol minore di C. Debussy concludendo con la Sonata in Si minore di O. Respighi
-----------------

Giovane violinista Italiano, Fabrizio Falasca, è stato definito “un grande talento violinistico con un suono straordinariamente bello e potente, una tecnica brillantissima unita ad una intonazione formidabile, elevata maturità di interpretazione ed espressione musicale”.

Nato nel 1988 ha cominciato lo studio del violino in giovane età, mostrando subito uno straordinario talento musicale, e affermandosi rapidamente vincendo numerosi concorsi nazionali ed internazionali, tra i più importanti, nel 2010 è stato premiato al prestigioso 29° Concorso Biennale di Violino “ Premio Città di Vittorio Veneto” , dove la critica l’ha definito “un talento eccezionale dotato di una grande maturità stilistica e interpretativa, nonché un solista di altissimo valore ” .

Successivamente è stato premiato al Concorso Internazionale di musica contemporanea Il Violino del XX e XXI secolo “Premio V.Bucchi” di Roma ed al XX Concorso Internazionale Violinistico “ Premio A.Postacchini” di Fermo.

È considerato da Salvatore Accardo uno dei migliori giovani violinisti italiani della sua generazione.

Si è esibito come solista in importanti stagioni e festival musicali in tutto il mondo, nonché per numerose istituzioni di prestigio come la Stagione Cameristica del Teatro di San Carlo di Napoli, Stagione Cameristica e Concertistica del teatro G.Verdi di Salerno, Festival di Ravello, Società della musica di Mantova, Festival Dei Due Mondi di Spoleto, Festival di Cremona, Unione Musicale di Torino in Italia, Festival di Kassel in Germania, VarFestival in Svezia, Gulangyu festival in Cina, Evmelia Festival in Grecia, Roudaki Foundation in Iran, Philharmonia chamber music series in Inghilterra ed in importanti teatri e sale da concerto quali Teatro Verdi di Salerno, Teatro Caio Melisso di Spoleto, Teatro Alighieri di Ravenna, Teatro San Carlo di Napoli, Teatro Vittoria di Torino , Auditorium Neyemair di Ravello in Italia, Auditorium Boa Nova di Estoril in Portogallo, the Sharon performing Arts Center in Florida, Salle Garnier di Montecarlo in Francia, Kongress Palaice di Kassel in Germania, Gulangyu concert hall in Cina, Vadhat hall di Theran, Musikverein Brahms Saal di Vienna, Royal Festival hall di Londra e tante altre. Si è inoltre esibito presso il famoso Museo Stradivariano di Cremona, invitato dal M° S.Accardo e dalla Fondazione Stradivari a suonare il violino A.Stradivari Clesbee 1669.

Suona regolarmente, svolgendo attività cameristica e solistica, insieme a musicisti della levatura di S.Accardo, F.Petracchi, D.Waskiewicz, L.Piovano, A.Pompa-Baldi, T.Atschba, S.Kang, S.Coles, M.van der Wiel, T.Walden ed insieme a numerose prime parti dei teatri più prestigiosi d’Europa. Ha inoltre registrato per Radio Vaticana e RAI, ed ha recentemente inciso per CPO , Veradeis e Centaur records.

Ha suonato come solista con numerose orchestre tra cui Orchestra di Padova e del Veneto, Orchestra Filarmonica Salernitana G.Verdi, l’Orchestra da Camera Italiana (OCI), Orquestra de Camara de Cascais e Oeiras, World Youth Chamber Orchestra, Orchestra Giovanile Italiana (OGI) , Solisti del Teatro San Carlo di Napoli, The Villages Philharmonic Orchestra, collaborando con numerosi direttori.

È stato invitato da Daniel Oren ad esibirsi più volte come solista al teatro G.Verdi di Salerno ricevendo sempre grande acclamazione di pubblico e critica.

Per quanto concerne l’attività orchestrale, ha fatto parte e collaborato con orchestre quali Orchestra del Teatro di San Carlo di Napoli, Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino. Nel 2016 è risultato vincitore del concorso di Spalla dei Primi Violini della Tiroler Symphonie Orchester Innsbruck, nello stesso anno è iniziata la sua collaborazione come Spalla dei Primi Violini della Philharmonia Orchestra di Londra, con la quale si è esibito anche come solista nel febbraio 2017 alla Royal Festival Hall.

Collabora regolarmente come Spalla dei Primi Violini dell’Orchestra Filarmonica G.Verdi di Salerno su invito di D.Oren ed è regolarmente invitato da Gustav Kuhn a ricoprire il ruolo di Primo Violino di Spalla dell’Orchestra del Tiroler Festspiele Erl, in Austria.

Ricopre attualmente il ruolo di Assistant Concertmaster presso la Philharmonia Orchestra di Londra.

Fabrizio si è diplomato con il massimo dei voti, lode e menzione speciale al conservatorio di Salerno ed ha continuato i suoi studi all’Accademia W.Stauffer di Cremona e all’Accademia Chigiana di Siena con S.Accardo, alla Scuola di Musica di Fiesole con F.Cusano, al Mozarteum Salzburg e alla Scuola di Musica di Pienerolo con D.Schwarzberg.

Ha successivamente conseguito il Master Degree in Performance con il massimo dei voti alla Royal Academy of Music di Londra sotto la guida di So-Ock Kim. Si è perfezionato ed ha partecipato a prestigiose Master Class internazionali con M.Vengerov, L.Kavakos, F.Graffin, Z.Bron, R.Friend, L.Ciulei, G.Pauk, Y.Horigome e molti altri.

Artista tenace e sensibile possiede un repertorio variegato e in continua evoluzione che spazia dal barocco al romantico e alla musica contemporanea.
Suona un violino Joseph Guarneri del 1727 appartenuto al violinista Cesare Barison, per gentile concessione della famiglia.



STEFANIA REDAELLI, pianoforte
Milanese, ha studiato al Conservatorio di Milano, con Ernesto Esposito, dove si è
diplomata con il massimo dei voti. E’ stata solista con le orchestre della RAI di Milano, dei Pomeriggi Musicali e dell’Angelicum di Milano, con l’orchestra sinfonica di S.Remo, l’orchestra da camera di Padova e del Veneto e con l’orchestra Aretusea di Siracusa.

Ha suonato con Accardo, Bartoli, Bellocchio, Brunello, Filippini, Fiorentini,Giuranna,
Krilov, Meloni, Meunier, Meyer, Nordio, Pay, Quarta, Rizzi, Stagni, Tamiati, Tchakerian,
Zosi…

E’ presente nelle più importanti sedi musicali: Boston Symphony Hall, Schauspielhaus di
Berlino, Wigmore Hall di Londra, Festival de Musique en Mer, Bodensee Festival di
Lindau, Teatro La Scala di Milano, Cemat Resit Rey di Istanbul, Serate Musicali di Milano,
Accademia Chigiana, Settimane Internazionali e Teatro S.Carlo di Napoli, Unione
Musicale di Torino, Festival di Stresa, Festival MITO, GOG di Genova, IUC di Roma,
Biennale di Venezia, i Concerti di Radio3 (Concerti al Quirinale, Radio3 Suite).

Ha tenuto concerti in Russia, Cina, America e Sud America. Ha studiato anche con B. Canino, M.Perahia, P.Borciani, Dario De Rosa, C.Romano e N.Brainin.
E’ stata assistente di Accardo e Filippini ed ha accompagnato masteclass e corsi della
Kabaiwanska, di Gulli, Yo-Yo Ma,Tretiakov, Hagen, Asier Polo e di Belkin.

E’ docente di musica da camera al Conservatorio di Vicenza.

Ha inciso per Warner Fonit Cetra, Warner classics, Brilliant, AS disc, Stradivarius e
Dynamic.

E’ di recente uscita, per l’etichetta “Bottega Discantica”, un cd con musiche di Gabrio
Taglietti dove è impegnata come pianista e direttore.
---------------------------

Domenica ore 18:30

“Il Senso dell'Arco”

Musiche di J. Brahms, C. Debussy, O. Respighi

Fabrizio Falasca, violino

Stefania Redaelli, pianoforte

Sala Immacolata del Convento dei SS. Apostoli di Roma

Via del Vaccaro, 9

Info e pren.

+39 333 45 71 245


Programma:

J. Brahms:
Sonata n. 3 in re minore per violino e pianoforte, op. 108


C. Debussy:
Sonata n. 3 in sol minore per violino e pianoforte, L 148


O. Respighi:
Sonata in si minore per violino e pianoforte, P 110

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Tartassati dalle tasse - Biagio Izzo alla Sala Umberto

Produzione Tradizione e Turismo - Ente Teatro Cronaca Produzione esecutiva A.G. Spettacoli BIAGIO IZZO in TARTASSATI DALLE TASSE Scritto e diretto da EDUARDO TARTAGLIA Sala Umberto – dal 5 al 17 aprile 2022 Giulio Andreotti soleva dire che l’Umiltà, che di per sé costituisce una grande virtù, si trasforma in una vera iattura quando gli Italiani la praticano in occasione della loro dichiarazione dei debiti. “Io le tasse le pagherei. Ed anche volentieri! Se solo però poi le cose funzionassero veramente!” Quante volte abbiamo ascoltato simili confidenze? E quante volte anche la nostra coscienza di pur buoni ed onesti cittadini ha segretamente partorito concetti del genere? Il problema, però, è che se poi davvero ragionassimo tutti quanti sempre così, come e perché mai le cose potrebbero veramente funzionare? Sarà costretto improvvisamente a domandarselo anche Innocenzo Tarallo, 54 anni ben portati, napoletano, imprenditore nel settore della ristorazione: il classico “self made man”, che d