Passa ai contenuti principali

Urlando Furiosa - un poema etico


Da martedì 12 a domenica 17 dicembre - PRIMA NAZIONALE
Teatro Verdi, Milano
Rita Pelusio
in

Urlando Furiosa
un poema etico

di Domenico Ferrari, Riccardo Piferi, Riccardo Pippa e Rita Pelusio
con Rita Pelusio
regia Riccardo Pippa

assistente alla regia Andrea Bettaglio
costumi Anna Cingi
scultura scenica Simone Fersino
light designer Paolo Casati
sound designer Luca De Marinis
co produzione Anna Marcato PEM HABITAT teatrali e C.M.C – Nido di ragno
in collaborazione con Teatro Verdi – Teatro del Buratto
organizzazione Sara Novarese
fotografie Laila Pozzo

Vale la pena battersi per battaglie considerate perse?
"cos'è un gesto Epico?" chiese Urlando alla Luna.
"E' un'impresa più grande di te che sai che potrebbe anche finire male ma che decidi ugualmente di compiere"
"ah" rispose Urlando e tornò a dormire.

Urlando Furiosa è un buffone poetico e irriverente nato dalla fantasia di Rita Pelusio, attrice e autrice che da anni sperimenta un teatro che sappia essere al contempo comico e civile.
Lo spettacolo che gioca con l'immaginario dell'epica, ci presenta un'eroina all'incontrario, piena di dubbi, in crisi, perennemente bastonata dalla realtà.
Attraverso le sue riflessioni e il racconto delle sue battaglie perse si interroga sulle contraddizioni del presente e si chiede se ha ancora senso credere nell’incredibile, sfidare il cinismo e la disillusione, immaginare il futuro con più incanto.

Note di regia

Urlando Furiosa è un personaggio nella testa di un’attrice in crisi creativa e in una forte crisi ideale. Non si tratta di una riscrittura, ma due cose dell’Orlando abbiamo sentito molto vicine: l’eroe con in mano le sorti di un regno che perde la testa per un amore.
A questo Orlando perduto, senza senno, imbestialito, fuori da ogni ideale cavalleresco noi abbiamo voluto bene. La seconda riguarda la genesi del poema, cioè che Ariosto ci ha lavorato per trent’anni; un lungo processo creativo, sicuramente travagliato, avvincente e doloroso, come ogni creazione artistica se, come è auspicabile, essa è prima di tutto una ricerca umana. Quando Ariosto riusciva a ritagliarsi del tempo dalle faccende di corte, e lui odiava la falsità di quel mondo, si dedicava alla sua grande opera.

E’ bello far spettacoli, ma per chi fa teatro è altrettanto bella la creazione, anche se, in genere, te ne accorgi solo dopo il debutto. Non sono solo le repliche la ragione del nostro fare, tanto più per un regista il cui lavoro si spera finisca con la prima, ma anche il percorso, gli incontri, l’entusiasmo, le liti, le risate, i pianti, i viaggi, le seghe mentali, gli stalli, le intuizioni e le scoperte.
Questo può essere un sentire condiviso da chiunque si sia dedicato ad un qualsiasi progetto con passione.
Con spietatezza e ironia, la nostra Urlando Furiosa richiama la sua autrice alla necessità di una continua messa in discussione e ad un costante, necessario, salvifico allenamento alla fantasia.
----------------
TEATRO VERDI MILANO, via Pastrengo 16

Orari:

da martedì a sabato ore 20.30
domenica ore 16.30

lunedì riposo


Info e prenotazioni:

02 6880038 prenotazioni@teatrodelburatto.it


da martedì a venerdì dalle 15.00 alle 18.30 e solo nei giorni di spettacolo dalle 18.30 alle 20.30
sabato dalle 17.00 alle 20.30 (solo nei giorni di spettacolo)
domenica dalle 14.00 alle 16.30 (solo nei giorni di spettacolo)



Prezzi:

da 20€ a 10€
giovedì posto unico 10€

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol