Passa ai contenuti principali

STAND UP, GUZZ!


Giovedì 14 Dicembre ore 21.00
Venerdì 15 Dicembre ore 21.00
Sabato 16 Dicembre ore 20.00
Domenica 17 Dicembre ore 18.00

STAND UP, GUZZ!


di e con Paolo Guzzanti

a cura di Francesco Sala

Stand Up vuol dire “in piedi”, ma anche: schiena dritta, non ti piegare. Il genere, nato in America, ha avuto in Italia un precursore come Ettore Petrolini. Paolo Guzzanti, che ha portato al Brancaccino nel 2015 “La Ballata del Prima e del Dopo” torna sul palcoscenico per lanciare una ridicola sfida alla tragedia umana partendo dalla domanda cui nessuno ha saputo rispondere: perché si ride? 

Per quale oscuro e ridicolo motivo il riso è già incluso nel nostro disco rigido? Ci hanno già provato Bergson e Freud, ma con risultati noiosissimi. Ci prova Guzzanti trattando l’umorismo come un’App che ci impone di forzare la rottura di ogni confine spingendo il ridicolo oltre limiti estremi ma sempre superati dall’ultima provocazione. 

La necessità di ridere è insopprimibile come la libido e ha portato a conseguenze terroristiche con la strage di Charlie Hebdo. Roghi, anni di prigione e di manicomio, domicilio coatto ed esecuzioni clandestine. Lo Stand Up cerca di sfondare l’ultima decenza esponendo se stesso al ridicolo, perché l’umorismo è prima un comico sacrificio umano. Guzzanti racconta la storia di quest’avventura partendo dagli stand up Neanderthal e Cromagnon passando per Ettore Petrolini, gli americani e il francese Gad Elmaleh, invadendo sgraziatamente la cristalleria delle psicoterapie e degli inganni linguistici, partendo dai tempi in cui esistevano le vocali, esistevano le consonanti, ma non esistevano le parole. In quegli oscuri millenni l’attore stand up veniva usato come scorta alimentare per gli inverni più rigidi. La messa in scena è curata da Francesco Sala.
--------------------

BRANCACCINO

Via Mecenate 2, Roma - www.teatrobrancaccio.it

Biglietto: 15,50 €

Card open 5 ingressi: 55 €

BOTTEGHINO DEL TEATRO BRANCACCIO Via Merulana, 244 – Roma | tel 06 80687231 | botteghino@teatrobrancaccio.it

UFFICIO PROMOZIONE tel 06 80687232 | promozione@teatrobrancaccio.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol