Passa ai contenuti principali

POKER FACE


Petr Kolečko

POKER FACE


Il 4 dicembre al PACTA SALONE il testo graffiante dell’enfant terrible Ceco in una produzione LegalAliens International Theatre in collaborazione con il Centro Culturale Ceco.

Il FOCUS DIRITTI NEL MONDO, filone tematico di teatro civile, continua al PACTA SALONE con un progetto pan-europeo sul conflitto generazionale: il 4 dicembre 2017 POKER FACE di Petr Kolečko, una produzione LegalAliens International Theatre in collaborazione con il Centro Culturale Ceco in inglese sottotitolato in italiano, sulla crisi economica e il crollo degli ideali. Mentre in TV il mondo piange la morte di un presidente, una cena di Natale si trasforma in un gioco pericoloso in cui niente è ciò che sembra.

Praga, 2011. Jana è una campionessa di poker che gira il mondo in prima classe. Sarcastica e impenetrabile, ha un difficile rapporto con la figlia Pavlína, che disprezza il suo materialismo ed è innamorata di Viktor, un giovane convinto di poter cambiare la società via Twitter. Pavlína non sa che Jana è perseguitata dal suo passato: dalle lettere che il padre Franta le scriveva dall'Africa, dal senso di colpa per non essere riuscita a piangere la sua morte nel 1989, troppo presa dai dissidenti della Rivoluzione di Velluto. Quando, alla vigilia del funerale del presidente Václav Havel, Jana sorprende Pavlína e Viktor ad amoreggiare nel suo lussuoso appartamento, un'imbarazzante cena di Natale si trasforma in un pericoloso gioco in cui la posta è più alta di ciò che sembra. Pavlína è davvero la figlia di Havel? Che cosa vuole veramente Viktor?

Arguto e provocante, Poker Face è un testo grottesco, nella tradizione del teatro dell'assurdo, mescola realismo e surrealismo, azione scenica e immagini filmate, giocando con il teatro in tutte le sue forme in uno stile originale che ha conquistato pubblico e critica in Gran Bretagna. La regia di Becka McFadden abbraccia l'ambiguità e il gusto surreale del testo, e crea un mondo in cui niente è ciò che appare. Non solo i personaggi fanno il doppio e triplo gioco, ma cose e situazioni continuano a sorprendere. Le decorazioni natalizie diventano sushi che gli attori divorano con ingordigia. Le pistole diventano banane.

In inglese e Ceco, con sovratitoli italiani.

Petr Kolečko è uno dei drammaturghi Cechi di maggior successo dell'ultimo decennio. Nel 2007 a soli 21 anni vince il premio Evald Schorm con Láska, vole. Nel 2008, Britney goes to Heaven debutta al teatro Petr Bezruč di Ostrava e viene poi tradotto in inglese, polacco e rumeno e presentato come lettura all'Immigrants’ Theatre Project di New York. Con Tomáš Svoboda scrive il musical Jaromír Jágr, Kladeňák, per il teatro Kladno. Per sette anni è direttore artistico di A Studio Rubín, a Praga, dedicato totalmente al teatro Ceco contemporaneo. In questo periodo, in collaborazione con Svoboda, scrive Kouzelník e Kauza Medeia. Nel 2010 scrive "l'anti-musical" Pornohvězdy sul mondo delle pornostar, seguito da Game Boy, Klub autistů, e Buchty a bohyně. Nel 2012 è parte del progetto Generation Icons per cui scrive Poker Face.

Recentemente si è dedicato prevalentemente a cinema e TV. Anche due testi teatrali Zakázané uvolnění e Padesátka sono stati adattati per lo schermo. Il film Nagano, dovrebbe uscire nel 2018.

LegalAliens Theatre è una compagnia con sede a Londra dedicata alla promozione del teatro Europeo in traduzione inglese con produzioni dallo stile originale, graffiante e visivo. Usando un metodo di traduzione collaborativa in cui il cast partecipa al processo di ri-creazione del testo originale in inglese, nelle produzioni di LegalAliens la lingua originale è sempre "ricordata" in scena (attraverso video, canzoni, interventi audio). Composto da artisti di vari paesi Europei, il gruppo promuove interculturalismo e collaborazioni internazionali, con uno specifico programma di opposizione alla chiusura culturale rappresentata da Brexit, al nazionalismo, al populismo, e agli stereotipi culturali.
--------------------
PACTA SALONE

4 dicembre 2017

DonneTeatroDiritti

FOCUS DIRITTI NEL MONDO 2:


POKER FACE prima nazionale

di Petr Kolečko

traduzione Eva Dáničkova

regia Becka McFadden

con Mark Ota, Daiva Dominyka, Lara Parmiani e la partecipazione in video di Arnost Goldflam

design Cassandra Fumi

video Jan McGregor, Becka McFadden

produzione LegalAliens International Theatre in collaborazione Centro Culturale Ceco

inglese con sovratitoli in italiano



Durata 65’ (senza intervallo)



INFO

PACTA SALONE

via Ulisse Dini 7, 20142 Milano

MM2 P.zza Abbiategrasso-Chiesa Rossa, tram 3 e 15

Per informazioni: www.pacta.org - mail biglietteria@pacta.org - promozione@pacta.org - tel. 0236503740 – ufficio scuole: ufficioscuole@pacta.org

Orari biglietteria: via Ulisse Dini 7, 20142 Milano - dal lun al ven dalle ore 16.00 alle ore 19.00 - nei giorni di spettacolo: dal mar al sab dalle 16 – dom dalle 15

Biglietti: Intero €24 | Rid. Convenzioni €18 | Under 25/over 60 €12 | CRAL e gruppi €10 (min. 10 persone) | gruppi scuola €9 | Prevendita €1,50

Orari spettacoli da martedì a sabato ore 20.45, domenica ore 17.30, lunedì riposo



ABBONAMENTI: ALL YOU CAN SEE ingressi illimitati €130,00 - CARTA AMICI DI PACTA 6 spettacoli €60,00 - CARTA TANDEM 2 ingressi a 2 spettacoli €38,00 – CARTA FAMIGLIA (minimo 3 persone) €24,00 – SCIENZAINSCENA (ingresso a tutti gli spettacoli, conferenze e laboratori del festival) €30,00 - TEATRO METROPOLITANO (PACTA SALONE-ScenAperta Tirinnanzi) 2 spettacoli+visita guidata Milano zona 5/Legnano Turismo Sempione euro 18,00

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol