Passa ai contenuti principali

IL CLUB DELLE VEDOVE


Ancora un dubbio esistenziale: crogiolarsi nel rimpianto o riaffacciarsi alla vita? Fingere buonismo o sfogare vecchi rancori? Tre amiche di vecchia data si confortano e confrontano, spettegolando su un’altra amica, quella che si risposa sempre. Sentimenti buoni e cattivi alla fine vengono mediati. Almeno fino a che a creare scompiglio non arriva… un vedovo. Perché amore e attrazione non hanno età. Una splendida fotografia di una fase della vita spesso oscurata, che vibra invece ancora di emozioni. Dal 19 dicembre al 7 gennaio. 

Il 31 dicembre, Speciale Capodanno con spettacolo anticipato alle 20, quindi brindisi e piccolo buffet in compagnia di attori e autori (40 euro).

Amicizie antiche e nuovi amori, annullamento e riscossa, accondiscendenza e intransigenza, devozione e ribellione… la terza età è tutto fuorché la tomba dei sentimenti. Lo insegna la commedia delle Feste, che ci regala un ritratto –un po’ dolce e un po’ amaro- di un’età che spesso trascuriamo od oscuriamo e che invece grida inascoltata la sua voglia di vivere. Ancora e di nuovo. Quattro amiche di lunga data, tre vedove e una ex-vedova seriale (che si risposa in continuazione), si ritrovano e si abbandonano ai ricordi, risvegliando una sfera di emozioni sopite o mai svelate, che danno vita a un vivace confronto. Emerge il bisogno, nel dolore più che mai, di sostenersi a vicenda ma senza mortificare le singole personalità, diversissime l’una dall’altra. Tutti i santi, insomma, paiono finire in gloria ma… un elegante e fascinoso galantuomo scatenerà il caos e rimetterà tutto in discussione. Vivere nel rimpianto o tornare a vivere una nuova vita? La domanda è sempre quella: essere o non essere?

IL CLUB DELLE VEDOVE è una commedia di Ivan Menchell, diretta e adattata da Silvio Giordani, con Caterina Costantini (Camilla), Lorenza Guerrieri (Dora), Marina Occhiena (Ada), Lucia Ricalzone (Samantha) e Alberto Mancini (Carlo). Produzione Planet Production.

Aiuto Regia Vita Rosati, Scene Vera Roman, Costumi G&P Roma, Musiche Eugenio Tassitano.

Tre vedove si riuniscono per rimpiangere insieme i propri mariti. Invece del tè coi pasticcini o dello shopping, organizzano spedizioni al cimitero. Molto divertenti però, perché il carattere delle tre donne è nonostante tutto allegro. Insieme ridono, chiacchierano e… spettegolano. Soprattutto di quella quarta amica, Samantha, che nel loro club non può entrare perché si risposa in continuazione. Lungi dal cedere alle lacrime, Camilla, Dora e Ada formano un sodalizio perfetto, il cui equilibrio verrà però spezzato dall’arrivo di un vedovo. La componente maschile non è contemplata nell’allegro trio, se poi il galantuomo si mette pure a corteggiare! Questa love story non s’ha da fare.
-------------------------

Info e prenotazioni:

TEATRO/CINEMA MARTINITT

Via Pitteri 58, Milano - Tel. 02 36.58.00.10 - Parcheggio gratuito.

Orario spettacoli giovedì-sabato ore 21, domenica ore 18. Il sabato anche alle 17.30.

Biglietteria: lunedì 17.30-20, martedì-sabato 10-20, domenica 14-20. Ingresso: 22 euro, ridotto 16 euro.

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol