Passa ai contenuti principali

BABBO NATALE E LA POZIONE DELLE 13 ERBE


PRODUZIONE FONDAZIONE AIDA E RICOLA 
presentano

BABBO NATALE E LA POZIONE DELLE 13 ERBE

Con Carlo Alberto Montori, Marco Gabrielli, Danny Bignotti, Agnese Fallongo
Partecipazione straordinaria di: Elisa Cipriani, Luca Condello (primi ballerini/solisti del corpo di ballo dell'Arena)
Scene: Andrea Coppi
Costruzioni scene: Andrea Coppi, Guglielmo Avesani, Alessandro Bonvenuti
Costumi: Antonio Munaretti
Tecnici: Manuel Garzetta, Michele Carli, Matteo Lodigiani, Zeno Rebesani
Service audio: Evo Service di Matteo Zanella, EPA Sound di Mirko Marogna
Liriche e musiche originali: Laura Facci
Arrangiamenti: Moreno Piccoli
Aiuto regia: Luigi Di Raimo
Drammaturgia: Pino Costalunga, Raffaele Latagliata

Regia di: Raffaele Latagliata

Per il terzo anno consecutivo si conferma una collaborazione importante. Quella tra Fondazione Aida e Ricola in una delle produzioni natalizie più apprezzate dal pubblico delle famiglie e non solo: Babbo Natale e la pozione delle 13 erbe.


Una commedia musicale in stile fantasy in grado di appassionare grandi e piccini con trama e canzoni completamente originali.
L’atmosfera è quella tipica del Natale nella quale gli spettatori vivranno un viaggio ricco di avventure e sorprese che li condurrà nel magico laboratorio di Babbo Natale, nei boschi incantati della lontana Svizzera per arrivare, addirittura, al palazzo di ghiaccio della Regina Tormenta. Sorprese, colpi di scena e tanto altro per giungere alla scoperta della magica pozione, l’unica in grado di liberare Babbo Natale dal terribile incantesimo di cui è rimasto prigioniero.

In scena oltre a Babbo Natale e la Regina Tormenta l’apprendista Nikolas e la fidata renna dal naso rosso Rudolph.
Saranno proprio loro a ricercare il Vecchio Gnomo Saggio l’unico in grado di indicare dove si trovano le famose 13 erbe necessarie a realizzare la pozione magica che potrà liberare Babbo Natale dall’incantesimo che, su di lui, ha scagliato la temibile Regina Tormenta. La regia è affidata, ancora una volta, a Raffaele Latagliata che, diplomatosi presso la BSMT, Berstein School of Musical Theatre, vanta una lunga collaborazione con la Compagnia della Rancia. È, inoltre, direttore artistico di Fondazione Mantova Capitale Spettacolo e Ars.Creazione e Spettacolo con Federica Restani.

Liriche e musiche originali di Laura Facci drammaturgia di Raffaele Latagliata e Pino Costalunga attore, regista ed esperto di letteratura per ragazzi.

Il cast una vera garanzia di successo con Danny Bignotti, Agnese Fallogno, Marco Gabrielli e Carlo Alberto Montori. Importante la partecipazione straordinaria di Luca Condello ed Elisa Cipriani ballerini solisti del Corpo di ballo dell’Arena di Verona. In occasione delle repliche sarà possibile assaggiare le caramelle Ricola assaporando tutta la bontà e il gusto delle erbe officinali svizzere. I giovani spettatori riceveranno, inoltre, un gustoso omaggio Ricola.
--------------------------------------

Lunedì 25 dicembre ore 17,30

Teatro SALA UMBERTO di Roma

Prezzi da 23 a 17 euro

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol