Passa ai contenuti principali

Al Teatro Manzoni ritorna il FESTIVAL DELLA MAGIA


Dal 2 al 7 gennaio 2018
TEATRO MANZONI
feriali ore 20,45 - domenica e 6 gennaio ore 15,30

RAUL CREMONA
presenta il

FESTIVAL DELLA MAGIA

a Milano - III edizione
“FUNNY MAGIC”

da un’idea di Raul Cremona

con Norbert Ferré (Francia), Ernesto Planas (Cuba), I Disguido (Italia),

Jordan Gomez (Francia), Miguel Munoz (Spagna),

le incursioni di Felipe e altri ospiti magici a sorpresa

Una Produzione Agidi e Showlab

Dopo le edizioni sold out del 2016 e del 2017, anche il 2018 si aprirà con il sorprendente viaggio magico condotto da Raul Cremona.

Per la terza edizione il prestigiatore e comico milanese proporrà ricche novità, a partire dal titolo: Funny Magic, perchè quest'anno protagonista sarà la magia comica.

Sul palcoscenico si alterneranno alcuni degli artisti più interessanti del panorama italiano e internazionale, che proporranno uno stile di magia meno tradizionale, con numeri stravaganti e divertenti affiancandoli a numeri di magia classica.

A fare gli onori di casa come sempre ci sarà Raul Cremona nella collaudata veste di presentatore, ma non solo: in occasione di questo terzo festival in chiave comica, ci saranno le apparizioni di alcuni dei suoi personaggi storici, che, insieme agli altri eclettici artisti, daranno vita a un cast di veri maghi della risata.

A completare questo divertentissimo viaggio ci saranno le incursioni di Felipe, che confermeranno il Festival come un appuntamento imperdibile nel mondo incantato e meraviglioso della magia.


BIGLIETTI

Poltronissima Prestige € 27,00 - Poltronissima € 25,00 - Poltrona € 18,00 - Under 26 € 13,50
------------------------------------
NORBERT FERRÉ (FRANCIA)

L'attrice Anne Hathway che lo ha visto esibirsi a New York nel 2016 ha detto di lui: "La magia di Norbert Ferré emana un’emozione incredibile attraverso una tecnica impeccabile e nel bel mezzo di un’attenzione spirituale riesce a trovare la via che porta dritto al cuore".

Ha partecipato ai più importanti congressi internazionali di magia, e ha vinto premi prestigiosi come il "Magic Masters Award for Creativity" a Las Vegas per l’originalità della sua esibizione. A Londra, Norbert è stato proclamato membro onorario del famoso club inglese il Magic Circle, e l’Accademia Francese delle arti magiche gli ha assegnato il prestigioso Mandrake d’Or. Nel 2003 in Olanda, Norbert è stato nominato “Grand prix FISM” – diventando così Campione del Mondo di Magia. L’Associazione Francese degli Artisti Prestigiatori gli conferì per l’occasione la medaglia d’oro Jean Eugène Robert-Houdin.

I suoi numeri di magia combinano manipolazione e umorismo verbale e possono essere interpretati in otto lingue diverse: tedesco, inglese, spagnolo, francese, italiano, giapponese, polacco e russo. Da Sydney a Bogota, da Tokyo a New York, dal Her Majesty’s Theatre di Londra al Crazy Horse di Parigi, il bambino in lui vive un sogno che condivide con il pubblico che viene ad assistere ai suoi spettacoli.


ERNESTO PLANAS (CUBA)

Nel 1980, dopo aver assistito alla brillante performance di un giovane talento della magia cubana, decide di imparare questa affascinante arte e diventa rapidamente uno dei più conosciuti e apprezzati maghi di Cuba. Ma non si ferma qui, Ernesto Planas è il primo mago cubano a vincere un Grand Prix internazionale.

Il suo numero con gli Ombrelli è considerato unico al mondo ed è certamente una delle performance internazionali con il più alto impatto visivo.

L'emittente nazionale cinese l'ha recentemente definito "il tesoro magico cubano", la stella del firmamento magico inetrnazionale Juan Mayoral ha detto di lui: “Avere Ernesto nel proprio show, equivale ad avere un puro sangue in una corsa di cavalli".

Con la sua magia si è esibito nei migliori teatri e sui palchi di tutto il mondo, è un artista che coniuga eleganza e carisma insieme ad una tecnica raffinata, passando con grande facilità dalla magia Close Up ai grandi numeri sul palcoscenico.

I DISGUIDO (ITALIA)

Pluripremiati in Italia e all’estero, nel 2013 si sono aggiudicati il prestigioso Mandrake d’Or, l’Oscar della Magia;
nel 2015 hanno rappresentato l’Italia ai Mondiali nella categoria Comedy Magic e nel Febbraio 2017 hanno vinto il terzo premio ai Campionati Europei di Magia a Blackpool. Sono Maestri nella Chapeaugrafie, l’antica arte di manipolare un semplice cerchio di feltro con un buco al centro, creando così innumerevoli cappelli per un’infinità di personaggi. Attraverso quest’arte hanno creato un’esilarante performance visuale dedicata alla storia del Cinema.

Sono un duo di fantasisti, una coppia sul palco e nella vita e il loro spettacolo “Disillusion” è un mix originale ed eccentrico di illusionismo mimo e cabaret.

JORDAN GOMEZ (FRANCIA)

"Jordan è un manipolatore creativo e di talento che ti affascina con il suo sorriso e poi ti distrugge con la sua magia. "- MAGAZINE MAGAZINE.

La straordinaria performance di Jordan Gomez è apparsa sulle principali emittenti di mezzi di comunicazione di massa. Dal 2009, il suo numero di manipolazione è presente negli eventi più prestigiosi di tutto il mondo. Ha vinto i più prestigiosi premi internazionali e nel 2009, a soli 17 anni, si è classificato tra i migliori 5 manipolatori al Campionato mondiale di magia a Pechino. Da quell'evento, Jordan ha fatto la scelta di interrompere i suoi studi e ha deciso di vivere la sua vita come performer a tempo pieno.

MIGUEL MUNOZ (SPAGNA)

Miguel è un mago e artista di circo.

Ha iniziato a studiare magia a 14 anni, da allora ha sviluppato le sue abilità con tecniche circensi, teatro e movimento per creare un nuovo modo di interpretare la magia.

Uno dei suoi numeri più noti è Acqua, un misto di giocoleria di contatto, magia e teatro fisico che è stato rappresentato in tutto il mondo.

Ha ricevuto numerosi premi internazionali come: Grand Prix alla Russian Magic Convention e alla Convention spagnola di Magic, oltre ad avere un Fakson Award e un European FISM Award.


Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol