Passa ai contenuti principali

UNDICESIMO COMANDAMENTO Uccidi chi non ti ama



UNDICESIMO COMANDAMENTO Uccidi chi non ti ama

1 dicembre alle 20.45

Nuovo Teatro Ariberto di via Daniele Crespi 9.

Con gli attori detenuti ed ex detenuti della Casa di Reclusione Milano Opera e Maria Chiara Signorini.
Tratto dall’omonimo romanzo di Elena Mearini, con gli scritti degli attori

Montaggio drammaturgico e regia: Ivana Trettel. Coreografie: Claudia Casolaro. Luci: Ivano Frau

Il 25 novembre questo spettacolo sarà presentato a Roma a un gruppo di studenti, alla presenza del Ministro Valeria Fedeli e del Cardinal Ravasi, per l’evento organizzato dal Miur e dal Cortile dei Gentili, dal titolo “Dialogo per contrastare la violenza sulle donne”.

Restare umani e non perdere la fiducia nella legge. E' un doppio invito quello che rivolgono al pubblico del Nuovo Teatro Ariberto gli attori della compagnia Opera Liquida, tutti detenuti o ex detenuti nel carcere di Opera. A chiedere di riscoprire la forza tranquilla, il coraggio quotidiano e il fascino discreto della legalità sono proprio loro che la legge l'hanno aggirata. Un messaggio rivolto prima di tutto alle donne violate perché non rinuncino a reagire. Ma nel corso dello spettacolo le connotazioni si confondono fino a perdersi completamente: gli uomini in scena si trasformano così in femmina, madre, folla silente per sottolineare come non ci sia spazio per differenziazioni di genere e di sorta là dove non è rimasto più spazio per il rispetto e per il diritto. Destinataria dello spettacolo è, allora, la società nel suo complesso, i tanti lati della violenza che ancora ne compongono lo spettro e i molteplici reati che si è soliti definire "minori". L'appello è a restare consapevolmente umani sempre, a non riscoprirsi tali solo quando ormai è troppo tardi, solo quando una donna muore, solo quando il reato minore si compie in tutte le sue più estreme conseguenze.

Nuovo Teatro Ariberto, Via Daniele Crespi 9

Una sala che ha riaperto a settembre 2013 con una stagione professionale di alto profilo. Da allora ha ospitato, tra gli altri, Laura Curino, Assemblea Teatro, Beppe Casales, Pacta dei Teatri e il vero e proprio “caso” sulle scene milanesi Storia e Narrazione, di Chiara Continisio e Paolo Colombo.

Prezzo unico 12,00 €

Info e prenotazioni:

Tel. teatro 0258104586 (ore 15-19)

3385268503 - 3482453298

Sito. www.nuovoteatroariberto/prenotazioni/



Come raggiungere il teatro:

MM2: fermate Sant’Ambrogio e Sant’Agostino

Autobus: 74, 47 e 59 (capolinea P. za Cantore), 94 (P. za Resistenza Partigiana)

Tram: 14 e 2 (C. so Genova – Via Ariberto)

Parcheggio BikeMi: P.za Sant’Agostino

Parking a pagamento: Via Ariberto



Informazioni e contatti:

Via email: stampa@nuovoteatroariberto.it

Sul web: www.nuovoteatroariberto.it,

Su Facebook: Nuovo Teatro Ariberto

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol