Passa ai contenuti principali

TUTTI AL MACELLO RITORNA IN SCENA A ROMA


ACCADEMIA PLATAFISICA – LE TEMPS D’UNE PAUSE

Presenta

Tutti al Macello

(Una commedia musicale paramilitare in un atto lungo)
da Boris Vian

Con musiche dal vivo

E LA PARTECIPAZIONE STRAORDINARIA DI BRUNELLA PLATANIA NEL RUOLO DELLA MADRE

Adattamento e regia Antonio Cervigni

Teatro Altro Spazio
Via Tiburno 33 Roma

Domenica 26 Novembre 
doppio appuntamento ore 17 e ore 21 formula aperitivo+ spettacolo

Info e prenotazioni: altrospazioinfo@gmail.com
Line up 393075995
Compagnia marchigiana consolidata in quindici anni e con un ricco carnet di titoli, tra Musical e Teatro di tradizione, Accademia Platafisica /Le Temps d’une pause -con la Direzione artistica di Maria Laura e Brunella Platania torna a Roma il 26 novembre per un doppio appuntamento alle 17 e alle 21 al TEATRO ALTRO SPAZIO con un suo titolo di punta Tutti al Macello – rappresentato più volte a sold out costanti - in una veste rinnovata e scintillante nella formula aperitivo+ spettacolo.

L'absurdité des batailles qui sont des batailles de mots mais qui tuent des hommes de chair, Boris Vian

É l'alba del 6 Giugno del 1944 ad Arromanches, paesino della tranquilla Normandia.

Qualcuno lo chiamerà il giorno più lungo consegnandolo alla storia del mondo, ma per lo scorticatore e la sua bizzarra famiglia è solo un altro giorno da portare a termine tra cavalli da macellare insieme al suo mite garzone, figlie da sposare, vicine invadenti, mogli stralunate. Fuori il finimondo, tra le mura domestiche una apparente tranquillité, non fosse per quel fetore che impregna l'aria...

Arromanches, ultima spiaggia, improbabile Samarcanda scovata dall'avo dello scorticatore per fuggire via dalla pazza folla e diventata d'un tratto il cuore vivo di una follia devastante raccontata da Boris Vian con pennello noir intinto in una magnifica tavolozza surreale, perché come lui stesso dichiara "Forse quello che spiega il rifiuto che manifestiamo di ciò che è serio, di ciò che non lo è, in quanto per noi, è esattamente la stessa cosa, è patafisica" .La patafisica, scienza delle soluzioni immaginarie, le uniche praticabili in un mondo a testa in giù senza anima, né sentimenti, infilato nella sgangherata casacca di un ordine inventato. Alla violenza della storia, lo scorticatore oppone l 'onestà, condita da vigliaccheria, del suo antico e tramandato mestiere...

Una denuncia della logica straniante dei potenti e delle "loro" inutili guerre, ma anche della viltà dei popoli, per questa pièce di teatro- canzone sostanziato dall'intrigante trama musicale dello stesso Boris Vian.

Divertente, esilarante, grottesca la storia, preziose le canzoni.

Un omaggio al timido stralunato ragazzo - aveva appena trentanove anni quando il suo generoso cuore cessò di battere - Boris Vian , musicista jazz, compositore, scrittore, l'altra faccia della Parigi esistenzialista post bellica, l'altra faccia della musica, l'altra faccia di un modo di ridere a bocca larga della peggiore delle vite masticando veleno.

Per sputarlo in faccia, ieri e ancor più oggi, a chi questo mondo lo vuole scorticare. Vivo.
-----------------------------

Il pubblico marchigiano non mancherà l’appuntamento successivo nella nuovissima struttura del BABAU THEATRE SPACE il 3 Dicembre alle 21,30 con la stessa formula.

Babau Theatre Space
Via Peranda 26
Sforzacosta (Mc)

Domenica 3 Dicembre ore 21,30 formula aperitivo+ spettacolo
Info e prenotazioni: info@babauclub.com
Line up 3498051483


Cast

Il padre- Elsid Lumi

La madre- Brunella Platania

La vicina-Chiara Spernanzoni

Marie-Paola Reschini

Cyprienne-Michela Ardito

Catherine-Daniela Domizi

Jacques-Fedrico Vita

Andrè-Giorgio Gentili

Heinz-Asia Angelini

Il soldato americano-Nicola Pallotto

Il soldato tedesco-Jacopo Pizzichini

Il capitano-Fabio Caporaletti

L'impiegata delle poste-Maria Giuseppina Salciccia

Il pastore-Carlo Maceratini

La suora e Bobi-Grazia Di Gioia



Musiche originali di Boris Vian eseguite dal vivo

Coreografie Daniela Domizi

Realizzazione Grafica Paola Reschini

Direzione artistica Maria Laura Platania 






Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol