Passa ai contenuti principali

THE WAM GAME - IL GIOCO DI MOZART


THE WAM GAME - IL GIOCO DI MOZART, lo spettacolo di Venti Lucenti riservato alle Scuole dal 7 novembre 2017 al 16 febbraio 2018, diciannove recite al ridotto della galleria del Teatro del Maggio. Coinvolgimento dei ragazzi del pubblico che diventa interprete oltre che spettatore, gioco e momenti di riflessione, la musica coinvolgente di Mozart che in poco più di un’ora trasporta i giovani spettatori nella Vienna e nell’Europa di fine ‘700. The WAM GAME è anche rappresentato nel ciclo del Maggio Metropolitano con 10 appuntamenti nell’ambito della Città Metropolitana. In collaborazione con Le chiavi della Città e il Comune di Firenze.

THE WAM GAME - IL GIOCO DI MOZART

The WAM Game è uno spettacolo. The WAM Game è un gioco. The WAM Game è un racconto.
La vita di uno dei più grandi compositori della storia raccontata attraverso la sua straordinaria musica, gli avvenimenti più significativi del periodo, i personaggi che amarono e venerarono il grande musicista, oppure lo detestarono. Il pubblico viene quindi coinvolto in una sarabanda di gag e accelerazioni narrative diventando di volta in volta spettatore o interprete. In poco più di un’ora, si viene quindi trasportati nella Vienna e nell’Europa della fine del ‘700 fra cortigiani feroci, nobili annoiati, impresari arruffoni e librettisti italiani. Quattro attori guidano un viaggio fatto da decine di personaggi che cambiano continuamente di costume, di ruolo, di stato, ma anche di parole, di note meravigliose (opere, concerti, sonate, minuetti, musica sacra) e poi castelli, abbazie, regge, teatri, imperatori, re, papi, duchi, marchesi, cantanti svenevoli, compositori e inventori, odio, desideri, passioni. Un costante intreccio fra l’arte e la vita dal quale emerge un ritratto originale e appassionato e alle volte malinconico del grande Wolfgang Amadeus Mozart!

La regista Manu Lalli dice: “Il pubblico dei ragazzi una volta arrivato in teatro sarà coinvolto, in alcuni momenti della rappresentazione, in esercizi di mimo, di gestualità e di identificazione nei personaggi dello spettacolo. Gli attori-animatori suggeriranno semplici azioni e movimenti cercando di portare il pubblico a scoprire, per qualche breve momento e in prima persona, la vicenda umana e musicale di uno dei più grandi compositori di tutti i tempi. Un gioco, ma anche un momento di riflessione sulla storia umana del geniale Amadeus, di ascolto della musica (dal vivo) e un momento di “didattica” dello spettatore. Poiché anche essere “spettatore attivo” richiede competenze complesse: il silenzio, l’attenzione, l’ascolto, l’immediata reazione agli stimoli el’acquisizione della capacità critica necessaria a districarsi nella miriade di stimoli della realtà presente. La grande musica, e quella di Mozart lo è senz’altro, ci investe con la sua potenza trasformatrice. Può, se siamo disposti all’ascolto, spalancare le porte della nostra immaginazione ed insegnarci, ci si augura molte cose nuove”.

The WAM GAME è anche rappresentato nel ciclo del Maggio Metropolitano con 10 appuntamenti nell’ambito della Città Metropolitana con spettacoli a Bagno a Ripoli, Barberino di Mugello, Certaldo, Figline e Incisa Valdarno, Fucecchio, Greve in Chianti, Lastra a Signa, San Casciano in Val di Pesa, Scandicci, Vicchio.

Repliche al Teatro del Maggio:
Mar 7 novembre, ore 10; Mar 7 novembre, ore 11:30; Mer 8 novembre, ore 10; Mer 8 novembre, ore 11:30; Gio 9 novembre, ore 10; Gio 9 novembre, ore 11:30; Ven 10 novembre, ore 10; Ven 10 novembre, ore 11:30; Ven 9 febbraio, ore 10; Ven 9 febbraio, ore 11:30; Dom 11 febbraio, ore 11; Mar 13 febbraio, ore 10; Mar 13 febbraio, ore 11:30; Mer 14 febbraio, ore 10; Mer 14 febbraio, ore 11:30; Gio 15 febbraio, ore 10; Gio 15 febbraio, ore 11:30; Ven 16 febbraio, ore 10; Ven 16 febbraio, ore 11:30.

Regia e scrittura scenica, costumi Manu Lalli
Direttore e trascrittore Andrea Basevi
Scene Daniele Leone
Realizzate dal Laboratorio del Maggio Musicale Fiorentino

Attori

Michele Monasta, Gabriele Zini, Chiara Casalbuoni, Cecilia Russo

Soprano Sara Cervasio
Orchestra Ensamble WAM

In collaborazione con Le Chiavi della Città e Comune di Firenze.

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol