Passa ai contenuti principali

Retrospettiva Produzioni Nostrane – Ultras Teatro



Retrospettiva Produzioni Nostrane – Ultras Teatro

Amleto Punk - Antigone fotti la legge -
Bernarda - Agenti e castisti

Regia Giovan Bartolo Botta

Con Isabella Carle, Krzysztof Bulzacki Bogucki, Mariagrazia Torbidoni, Flavia Germana De Lipsis e Giovan Bartolo Botta

Costumi di Francesca Renda (SerigraFata)
Progetto grafico di Leonardo Spina

Dal 16 al 26 novembre 2017 - Teatro Studio Uno via Carlo della Rocca, 6 Roma

In scena al Teatro Studio Uno dal 16 al 26 novembre una Retrospettiva sulle opere di Giovan Bartolo Botta e la sua compagnia Produzioni Nostrane – Ultras Teatro, un viaggio psichedelico tra classicismo e ipocondria, tra logorrea e silenzi spessi attraverso una selezione di quattro diversi spettacoli della sua produzione: Amleto Punk(16-17 novembre), Antigone fotti la legge (18-19 novembre), Bernarda (23-24 novembre), Agenti e castisti (25-26 novembre).

Una folle corsa per conoscere il lavoro di un attore fuori dal comune, unico e geniale, in scena con un altrettanto straordinario cast di attori, Isabella Carle, Krzysztof Bulzacki Bogucki, Mariagrazia Torbidoni, Flavia Germana De Lipsis, da lui diretti, con i quali propone una ricerca singolare e complessa sui testi classici, rivisti e riadattati ad un linguaggio contemporaneo.

I testi diventano così originali, completamente rimaneggiati. Lasciando del pulviscolo classico unicamente l’odore. L’idea primordiale. Il linguaggio poiché parla per archetipi, una caratteristica che solletica l’eternità. Produzioni Nostrane toglie alla messa in scena costumi storici intrisi di polvere, catartici giochi di luci, musiche da ambientazione e trombonismi vocali, tornando così all’urgenza, all’essenziale. Al puro lavoro sull’attore. All’interazione sul palcoscenico tra elementi vivi. Che non hanno appigli. Che possono contare solo su loro stessi. Come nella vita.

Amleto Punk (16 -17 novembre)

La storia di Giovan Bartolo Botta raccontata da Amleto. Dunque la storia parallela di Amleto. Quella che non è mai stata scritta. Quella che non è mai esistita. Un Amleto recitato sul momento. Totalmente improvvisato. Totalmente in balia degli eventi. L'attore entra ed esce dal testo. Divaga. Guadagna tempo. Apre parentesi. Parla di altro. Dice ciò che gli pare. Amleto racconta i suoi miti calcistici. I suoi dubbi politici. Le sue ipocondrie. I suoi amori corrisposti solo a metà. Meglio ancora se taciuti. Che poi sono gli stessi di Giovan Bartolo Botta. Amleto si confessa, si sfoga. In un vortice di parole che mescola persona/personaggio/attore e pure qualche poesia. Amleto Punk. L'alternativa farmacologica all'Amleto di sempre.

BERNARDA o il kaos di Bernarda Alba (23- 24 novembre)

Bernarda Alba ha un problema. Ha molti problemi. È solo un problema. Le sue figlie sono un problema. Assettate di vita. Vita vissuta. Pretendono il motorino, il piercing, il tatuaggio, la libera uscita senza coprifuoco, il superalcolico, l'esperienza psichedelica e la giusta dose di sentimentalismo compulsivo. I compiti li scopiazzano, l'andamento scolastico è pessimo, ingollano junk food, non fanno attività fisica, disprezzano le generazioni precedenti, non credono in Dio, non credono nel caso, non credono e basta. L'assistente sociale alza bandiera bianca, il terapeuta si suicida, il confessore si inginocchia sui ceci. Tutto pur di non aver a che fare con loro. La loro storia non interessa a nessuno. Piace giusto a noi attori che dobbiamo lavorare per mangiare. E ci tocca farci carico dei problemi dei personaggi come se non ne avessimo già abbastanza noi come persone.


Antigone fotti la legge – spettacolo teatrale in salsa punk (18- 19 novembre)

Antigone fotte la legge per forza di cose, per causa di forza maggiore, per forza di inerzia, per abitudine, per un sacco di buoni motivi, non fosse altro che per non farsi fottere. Da chi? Da chiunque. Emone non fotte. È fottuto. Ismene è fottutamente ottusa. Euridice è una fottuta lussuriosa. Creonte se ne fotte. È tutto un fottersi a vicenda nella Tebe dei diritti e dei doveri. Ma in verità cos'è Antigone per un attore? Una scusa. Una scusa per esibirsi. Certo, si poteva utilizzare una Locandiera, ed esibirsi con quella. Lo si farà prossimamente se i Maya vorranno. Se non ci sarà la fine del mondo. Intanto per gli attori di teatro ogni giorno è un po' la fine del mondo. Ergo si va in scena senza tanti fronzoli. Perché domani chissà...


AGENTI & CASTISTI – spettacolo teatrale in salsa ipocondriaca (25-26 novembre)
“AGENTI & CASTISTI” mette in primo piano le vicende grottesche di un'agenzia di spettacolo i cui dipendenti hanno un solo scopo: piazzare i propri clienti/attori per poter scalare un'assurda classifica interna ed evitare il licenziamento. Un gioco surreale e ironico in cui l’unica regola è “nessuna regola”, ogni sotterfugio, espediente e macchinazione sono consentiti per scavalcare i propri colleghi, emergere vincere e sopravvivere Una commedia dai ritmi serrati e dalla messa in scena scarna ed essenziale dove gli attori, senza l’ausilio di effetti di luce, costumi e scenografia, tirano le fila di un racconto tristemente attuale in cui l’ossessione del lavoro, qualsiasi esso sia, diventa l’unica speranza di sopravvivenza, l’ultimo baluardo a cui aggrapparsi con tutte le proprie forze a discapito di tutto e tutti.
-----------------------------------------


Retrospettiva Produzioni Nostrane dal 16 al 26 novembre 2017 | Sala Specchi

Teatro Studio Uno, Via Carlo della Rocca, 6 (Torpignattara)

Ingr. 12 euro. Tessera associativa gratuita
Giov – Sab ore 21.00, Dom. ore 18.00


PRENOTAZIONI http://j.mp/prenotaTS1

Per info: 349 4356219- 329 8027943

www.teatrostudiouno.cominfo.teatrostudiouno@gmail.com

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol