Passa ai contenuti principali

QUALCOSA DI ALICE - di Ivan Ristallo




QUALCOSA DI ALICE

di Ivan Ristallo

con Ivan Ristallo, Sara Panci, Barbara Donzella, Terr Amos, Lucia Bochicchio, Giulia Bochicchio, Elisabetta Vasta

Teatro Porta Portese
19 e 20 novembre 2017
ore 21.30

Continuano gli appuntamenti di BurlAsque Upload la rassegna di Teatro e Burlesque ideata e prodotta da Lizzy Brown performer italiana di burlesque. Il 19 e 20 novembre dopo il successo del primo appuntamento, sarà in scena Qualcosa di Alice scritto e diretto da Ivan Ristallo. Insieme al regista sul palco del Teatro Porta Portese saranno in scena Sara Panci, Barbara Donzella, Terr Amos, Lucia Bochicchio, Giulia Bochicchio, Elisabetta Vasta.

Il primo attore ballerino di Lindsay Kemp, il famoso coreografo britannico, con il quale ha recitato nei più grandi teatri di tutta Europa, dà vita ad una versione di Alice molto diversa dalle fiabe lette o ascoltate nell’infanzia. Liberamente ispirato ai racconti di Lewis Carrol, in “Qualcosa di Alice” ritroviamo un Alice disperata, quasi pazza, reduce dalla tragica perdita dei genitori in un misterioso incidente e rinchiusa in manicomio. Tormentata da strane visioni e dal senso di colpa per la grave perdita resta sempre in bilico tra la ragazzina che era e la donna che sta diventando.

In questo ritorno al paese delle Meraviglie, ambientato tra Inghilterra, India e Giappone, ritroveremo personaggi come il Cappellaio Matto, lo Stregatto e il Coniglio Bianco, ma anche il Coniglio Nero, Fiori-Gheishe che ridono e danzano, una Dea indiana come Brucaliffo e una Regina di cuori fortemente in bilico tra il maschile e il femminile, forte citazione del teatro di Lindsay Kemp.

BurlAsque Upload è la rassegna di Burlesque: un appuntamento al mese per unire più talenti artistici, ognuno con la sua unicità e portare l'arte del burlesque fuori dai locali e dalla sua nicchia per farla conoscere anche al pubblico teatrale solitamente più abituato a spettacoli di prosa. La sala Brecht del Teatro Porta Portese ospiterà le performance di artisti internazionali che mescolano la danza, la magia, la recitazione, il canto a un'arte solitamente legata al solo concetto di streeptease. Il risultato sarà uno spettacolo sempre nuovo, allegro e aperto a tutti.

NOTE DI REGIA

Alice è un romanzo che ha fortemente segnato la mia generazione.

Lewis Carrol esplora un mondo sotterraneo, qui inserisce personaggi fiabeschi che vivono secondo regole comprensibili solo se viste nella loro dimensione onirica. Il sottomondo di Alice è la dimensione gotica di ognuno di noi: luoghi inesplorati e a tratti spaventosi che ho voluto rappresentare attraverso la danza, il mio strumento espressivo. In un contesto dark e sopra le righe, i personaggi si trasformano di continuo e la storia corre veloce alternando i sogni e gli incubi di Alice. Uno spettacolo di musica e teatro per fare quello, che secondo me, dovrebbe appunto fare il teatro, intrattenere.
--------------------------

QUALCOSA DI ALICE

di Ivan Ristallo

con Ivan Ristallo, Sara Panci, Barbara Donzella, Terr Amos, Lucia Bochicchio, Giulia Bochicchio, Elisabetta Vasta

Voce Off “Regina di cuori” Valeria Pistillo”

Musica originale Francesca Varani

Immagine di locandina e foto Luisa Briganti

Teatro Porta Portese

19 e 20 novembre 2017 ore 21.30

tel 06.58.12.395

ore 21.30

www.facebook.com/teatroportaportese

Biglietti

15€ + 2€ tessera

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol