Passa ai contenuti principali

MOSTRA FOTOGRAFICA RUDY FALOMI


La galleria Fabbrica Eos presenta nel prestigioso Bar Jamaica, caffè degli artisti nel cuore di Brera, la mostra di Rudy Falomi. 

Rudy Falomi nato a Milano nel 1964, si è diplomato in Comunicazioni Visive - Cinema, Televisione, Grafica e Fotografia - presso l’ITSOS di Via Pace a Milano. In trentacinque anni vissuti nel campo della stampa dove si è occupato principalmente di lavori nell’ambito dell’arte, del Teatro e della musica dal vivo, la passione per la fotografia non lo ha mai abbandonato, riemergendo sempre più e imponendosi fortemente in questo particolare momento epocale in cui viviamo una realtà aumentata, dove tutto non è scandito dal tempo, ma dalla velocità che applichiamo in esso. 

Un chiaro esempio di questo sono la rete e i social, che divorano ogni cosa, vita, notizie e immagini…. E così, molto spesso, quello che facciamo nelle nostre giornate si perde nella memoria breve. Alla luce di queste riflessioni nasce il progetto che vede Milano da un punto di vista particolare, riflessa nello specchietto retrovisore dell’auto: “un giorno, guidando, mi accorgo che l’Arco della Pace visto dallo specchietto retrovisore è più suggestivo, è come se fosse diventato più mio; 40 secondi prima gli ero passato affianco e non l’avevo visto così bello” racconta Falomi “lui era lì, il presente ormai passato da 40 secondi e davanti a me, dietro il parabrezza, avevo il futuro Presente che quaranta secondi dopo sarebbe diventato Passato”. 

Ecco che scatta il pensiero del Passato Presente e lo specchietto, come per magia, diventa il “rallenty”, la pausa nel traffico frenetico che viviamo nel quotidiano; è come se fosse l’intervallo, l’immagine ferma della RAI con la foto del Gregge e sotto la didascalia “gregge”. Lo specchietto è come se fosse uno schermo, lo specchietto è il contenitore della memoria breve, quella che la frenesia ci fa perdere. In mostra sette fotografie e tre lastre, supporto scelto dall’artista che per anni ha inciso lastre di ogni lavoro passato in tipografia per poi vederle gettate “loro sono il tocco di magia della stampa, possono riprodurre centinaia di migliaia di copie, ma queste in esposizione non hanno tirato un foglio, loro meritano di essere il lavoro finito”. 

Il Jamaica, nato come fiaschetteria nel 1911, divenuto poi con “mamma Lina” e suo figlio Elio, il bar ritrovo preferito di giornalisti, poeti ed artisti e il fulcro della vita artistica e intellettuale milanese, rappresenta quindi un passaggio obbligato per questo foto “rallenty” di Rudy Falom

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol