MADAME BOVARY - scritto e diretto da Luciano Colavero

18:32

Foto di Paolo Porto
TEATRO LIBERO
18 novembre – 23 novembre 2017 | Compagnia ospite

MADAME BOVARY


scritto e diretto da Luciano Colavero
con Chiara Favero
scenografia Alberto Favretto e Marcello Colavero
suono Michele Gasparini
luci Elisa Bortolussi
costumi Stefania Cempini
produzione Strutture Primarie

vincitore STAZIONI DI EMERGENZA – ATTO VI

In una piccola striscia di spazio che può percorre solo andando avanti e indietro, Emma vive la sua fuga immaginaria.

Non un semplice adattamento del romanzo di Gustave Flaubert ma una scrittura originale. “Ho osato una riscrittura radicale”, dice l'autore. “Ho imprigionato Emma nel momento del suicidio. L’ho lasciata da sola, a morire sulla scena per un’ora. Volevo farla parlare liberamente, perché volevo dissezionarla ed estrarne il cuore: il suo desiderio di essere altrove, di vivere un’altra vita, di essere qualcun altro.”

Perché Madame Bovary? “Quando ho cominciato a scriverlo”, continua Luciano Colavero, “questo testo non era Madame Bovary. Era solo un breve monologo nato dalla lettura di Consumo dunque sono di Zygmunt Bauman, un saggio molto interessante che individua nella nostra società una vera e propria fame di felicità che il consumismo tiene in vita all’infinito senza mai soddisfarla. Su questo tema avevo qualcosa da dire. Ho capito solo in un secondo momento che quel materiale poteva dialogare con il romanzo di Flaubert.”

La Bovary che vediamo in scena è un essere umano in gabbia, che non può mai raggiungere ciò che desidera. Chiara Favero è intrappolata in una pedana lunga quattro metri e larga 50 centimetri. Un palcoscenico troppo stretto per recitare, dal quale non scende mai per tutta la durata dello spettacolo. Messo in queste condizioni il corpo dell’attrice non può mai essere del tutto al sicuro, vuole istintivamente cambiare la sua condizione, vuole fuggire. Ma non può fuggire.

“Quando immagino madame Bovary”, conclude il regista, “vedo una donna che ha fame, vedo una donna drogata di desiderio. La sua droga non sono gli oggetti, la sua droga è l’immagine, la visione, il sogno di ciò che non possiede. Lei vede qualcosa che non ha, lo desidera e corre. Il desiderio l’avvelena, ma nello stesso tempo la rende viva. Lei vuole l’impossibile e questo la rende viva. Di fronte a lei, alle spalle del pubblico, c’è un obiettivo che non può raggiungere, e in mezzo un marito, degli amanti, una vita che si deve spostare, togliere di mezzo per farle raggiungere ciò che desidera: morire e, insieme, vivere a Parigi.”

Stralci di rassegna stampa

“Più che un monologo, si tratta del diario di un martirio claustrofobico. Colavero essicca Flaubert in una versione contemporanea e minimale di Bovary, riuscendo a condensare – e far ugualmente esplodere – il dramma su una panca/non luogo beckettiano che è simultaneamente vetrina, galera, rifugio, trampolino pronto per il salto decisivo e patibolo d’esecuzione. Di cui la stessa Bovary – una convincente Chiara Favero – è l’artefice. L’ultima cosa che sentiamo, prima del buio finale, è un microfono che amplifica il battito affannato del suo cuore”.

Francesca Saturnino – La Repubblica


“L'interprete sale sul palco che il regista ha sfrondato di ogni riferimento temporale, lasciando solo una passerella-pontile al centro della scena, sollevata dalla realtà su cui a fatica, nella vita, ha cercato di non poggiare i piedi. Una passerella che sarà percorsa dalla Favero avanti e indietro, come a perdere lo slancio verso quell’infinito che l’anima non riuscirà mai ad abbracciare, e dove alla fine si ritroverà a penzoloni, nel silenzio. Il desiderio infinito si trova così non nella realtà ma nell’immaginazione che armeggia con speranza, illusioni, amore, comprime il petto, ingabbia il respiro; e ha l’essenza dell’arsenico, veleno insapore che lentamente brucia anima e corpo. Il continuo ronzare di mosche tiene in sospeso il personaggio tra il morire e l’essere già morta, e in questa terra di mezzo Emma/Chiara rivive il dramma della libertà e il dramma del desiderio”.

Rita Borga – Krapp's Last Post



“Costretta per tutto il tempo a muoversi su uno stretto e lungo praticabile perpendicolare alla platea, un corridoio nel vuoto senza alcuna uscita, l’attrice costruisce con precisione le azioni fisiche che la portano a contorcersi sull'orlo della ribalta negli spasmi causati dal veleno, a volteggiare col suo pastrano nero nell’episodio del ballo, a lanciarsi in fughe impossibili. [...] E il dramma del desiderio rifiuta di chiudersi in rimpianto per tramutarsi in una estrema affermazione di libertà”.
Fernando Marchiori – Venezia Musica e dintorni



“L’Emma Bovary interpretata da Chiara Favero non sembra affetta da alcun paradigmatico bovarismo: la noia che la affligge non è più la deformazione angosciosa di un sogno da ceto medio, bensì una fame di vita popolana e popolare, una confusa voracità primitiva. È un’ingordigia che divora lo spazio, che la fa muovere ferina come un animale in cattività, è una pulsione che le agita le membra e le ubriaca la voce, e che sembra essere il riflesso di un caos suburbano contemporaneo, piuttosto che della quieta sonnolenza della campagna francese”.
Alessandro Iachino – Teatro e Critica


Note di regia

“Nel nostro spettacolo Emma entra correndo. La sua casa è vuota. Per pagare i suoi debiti hanno sequestrato tutto. Hanno messo le mani dappertutto. Hanno portato via tutto. Sul palco c’è solo una pedana lunga e stretta. Nient’altro. Una semplice pedana di legno e ferro che forse è un corridoio. Ma anche un confine, una lama di rasoio, una passerella, un trampolino, un luogo da cui spiccare il volo, una fessura attraverso cui infilarsi e scivolare via, un sentiero da percorrere fino in fondo, un palcoscenico che è troppo stretto per recitare e dal quale si potrebbe cadere in ogni istante.
Penso spesso che Emma Bovary, oggi, non sarebbe diversa da molti di noi. La sua fuga nell'impossibile, i suoi desideri irrealizzabili, la sua compulsione al consumo, tutto questo lo conosciamo anche noi. Anche oggi si è raramente felici di ciò che si è. Si desidera spesso avere di più, oppure di meno, di ciò che si ha. Per cambiare, per essere diversi si compra un'infinità di cose inutili. E spesso non si può pagare, non si arriva a pagare, ma si continua a comprare, perché non si corrisponde ancora all'immagine che si vorrebbe avere di sé, perché mentire su se stessi, sul proprio ruolo, sulle proprie ricchezze, sui propri titoli è molto più facile che essere semplicemente se stessi.
È in questo modo che Emma ha finito per perdere tutto. E proprio in questo frangente noi la incontriamo, quando tutto è già successo”. Luciano Colavero


LUCIANO COLAVERO

Regista e drammaturgo, dopo essersi diplomato come regista all'Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico” collabora con Peter Stein come “dramaturg” ed è assistente alla regia (dal 2005 al 2010). Tra i riconoscimenti ricevuti il Premio Internazionale Ennio Flaiano (2000) e il Premio Selezione Campiello Giovani (1996). È stato finalista al Premio Platea (2016), al Premio Riccione (2001, 2007) e al Premio Patroni Griffi (2006). Realizza regie per l’INDA di Siracusa, l'ERT di Modena, il TAU l'AMAT e il Teatro Stabile delle Marche, il CRT e il CRT Artificio di Milano. I suoi testi e i suoi spettacoli vanno in scena in Germania, Austria, Brasile, Messico, Grecia, Spagna, Albania, Tunisia. Nel 2012 ha fondato con Chiara Favero la compagnia Strutture Primarie.


CHIARA FAVERO

Attrice, si forma presso la “School After Theatre” diretta da Jurij Alschitz in collaborazione con l’istituto G.I.T.I.S. di Mosca. Studia con Tage Larssen e Donald Kitt all'Odin Teatret di Holstebro e con Michele Abbondanza, Renato Gatto, Toni Cafiero, Serena Sinigaglia. Lavora con Adriano Jurissevich, Giampaolo Gotti, Fabio Cherstich, Luciano Colavero. Ha studiato anche danza classica e contemporanea con Laura Boato, Nicoletta Cabassi e Silvia Gribaudi. Nel 2012 ha fondato con Luciano Colavero la compagnia Strutture Primarie.


DATE E ORARI:

da sabato 18 a giovedì 23 novembre 2017

domenica ore 16.00, giorni feriali e sabato ore 21.00

biglietti: interi 18 euro, ridotti 13 euro

INFO BIGLIETTERIA:

biglietteria@teatrolibero.it

telefono: 02.8323126

www.teatrolibero.it

Pr acquisto online: https://www.teatrolibero.it/madamebovary

You Might Also Like

0 commenti