Passa ai contenuti principali

La Telefonista - di Dino Buzzati



venerdì 10 e sabato 11 Novembre 

Antonella Morassutti


La Telefonista

di Dino Buzzati

con Antonella Morassutti

regia e luci di Riccardo Ricci e Antonella Morassutti
costumi di Ilenia Rossit
produzione Associazione Culturale Villa Buzzati Belluno

Si tratta di un atto unico scritto da Dino Buzzati nel 1964 per l’attrice Laura Adani e, all’epoca, mai rappresentato. Il testo, per una sola attrice, è poco conosciuto in quanto pubblicato postumo nel 2006.

L’attrice Antonella Morassutti, pronipote di Dino Buzzati, l’ha messo in scena per la prima volta nel 2012 nella casa natale dello scrittore a Belluno.

Il monologo vede come protagonista la centralinista di un grande albergo alle prese con il suo lavoro quotidiano ed è costruito su due binari paralleli alternati: da un lato c'è il vociare insistente dei clienti dell'hotel, che pretendono di avere all'istante la linea per le destinazioni più diverse, dall’altro e contemporaneamente, c'è la voce sempre più angosciata di Laura Britti, la telefonista, che tenta di scoprire verità e sentimenti attraverso una conversazione con il suo amato.

La messa a nudo di un’anima femminile nei confronti di un partner maschile che la mette alla prova in una situazione obbligata e costretta, nella quale non si può essere liberi di esprimersi a causa della circostanza.

La protagonista infatti è sul posto di lavoro e, non potendosi staccare dalla sua postazione di telefonista, viene contrastata dalle continue chiamate dei clienti che la distraggono dal suo stato emotivo.

La regia è concepita per seguire fedelmente il testo, necessariamente raccontato dai minimi atteggiamenti del corpo e dal sensibile timbro della voce dell’attrice.

Lo spettacolo è stato presentato in Prima Assoluta il 23 luglio 2012 in Villa Buzzati a Belluno, in occasione della manifestazione Ricordando Buzzati per le celebrazioni del 40° della scomparsa di Buzzati in provincia di Belluno e Trento; e a Milano, nel dicembre dello stesso anno, al Museo del ‘900 nella prestigiosa Sala Fontana in collaborazione col Comune di Milano.

Nel 2016 a Feltre per Buzzati 110 e a Treviso.

Nel 2017 ha partecipato a IT Festival, alla Fabbrica del Vapore a Milano.

Antonella Morassutti, attrice e danzatrice, è la pronipote di Dino Buzzati. E’ nata e vive a Milano. Si diploma giovanissima all’Accademia dei Filodrammatici di Milano e si perfeziona con D.Manfredini e altri maestri italiani e stranieri, tra cui D. De Fazio, J. Alschitz, M.Dioume, C.Morganti. Ha inoltre una formazione musicale (studia il pianoforte dai 10 ai 17 anni) e in danza classica e contemporanea con C.Carlson, M.Airaudo, Sosta Palmizi. Ha lavorato in diverse produzioni del Teatro alla Scala di Milano con registi quali R.Wilson, L.Cavani, R.Carsen, G.Vick, L.Ronconi. In teatro con A.Sixty, W.Manfré, C.Beccari, P.Delbono e in produzioni televisive e cinematografiche in Italia tra le quali Vivere, Cento Vetrine e in Svizzera. Dal 2006 è socia fondatrice dell’Associazione Culturale Villa Buzzati- il granaio di Belluno, con la quale organizza e dirige da undici anni Giardino Buzzati, evento estivo di teatro, musica, danza e arti visive, dedicato alla valorizzazione della casa natale di Dino Buzzati attraverso l’arte.


Alta Luce Teatro
Alzaia Naviglio Grande 192 - 20144 Milano
Info e prenotazioni: 348.7076093 - alt@altaluceteatro.com
Prezzi: 13 euro con tessera associativa (costo 2 euro. Valida per la stagione 2017/2018)
Orario spettacolo: ore 21. A seguire brindisi con gli artisti

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol