Passa ai contenuti principali

IN THE NIGHT TIME (BEFORE THE SUN RISES)



24 / 25 / 26 novembre 

IN THE NIGHT TIME (BEFORE THE SUN RISES)


di Nina Segal

traduzione Emiliano Russo

con Marcello Gravina e Diletta Masetti

coreografia Monica Scalese
disegno luci Massimo Sugoni
foto promozionali Giuseppe De Angelis
ufficio stampa Rocchina Ceglia

regia Emiliano Russo

produzione Capsa Service in collaborazione con Ar.Ma Teatro

Arriva a Roma al Teatro Belli IN THE NIGHT TIME (BEFORE THE SUN RISES) il testo della drammaturga Nina Segal in scena dal 24 al 26 novembre. La traduzione è curata da Emilano Russo che firma anche la regia. Sul palco Marcello Gravina e Diletta Masetti.

Vi siete mai chiesti se fare un figlio sia un atto di grande responsabilità o di puro egoismo? Considerati il costante bombardamento dei titoli dei giornali e le notizie di tragedie umane, di catastrofi naturali e sugli scontri politici globali, possiamo davvero giustificare la volontà di due persone di mettere al mondo un bambino? Con In the Night Time (Before the Sun Rises), Nina Segal ci mette davanti, in maniera allucinatoria, alle paure di una coppia che decide di avere il primo figlio. Durante una notte qualunque, un uomo e una donna cercano di calmare il pianto della loro bambina – ma con il passare delle ore, i due iniziano ad accusare la perdita del sonno e il mondo intorno a loro inizia ad andare in pezzi, e gli orrori che affliggono il nostro pianeta si riversano nella camera della bambina. Decidere di fare un figlio in un modo dilaniato come il nostro, sarà stata una buona idea?
--------------------

Teatro Belli

Piazza di Sant'Apollonia 11

dal 24 al 26 novembre 2017

ore 21.00

domenica ore 18.00 e ore 21.00

Biglietti 10€ - info e prenotazioni tel 065894875
---------------------

Nina Segal è una drammaturga che lavora sia a Londra che a New York. In The Night Time (Before The Sun Rises) è la sua prima opera ed ha debuttato al Gate Theatre nel 2016. I suoi lavori successivi sono: Big Guns (Yard Theatre, 2017); Becky and Lucy (New Ohio, NY, 2017/18); Twenty to Five (Bushwick Starr Reading Series, 2017); e That Something Exists (in lavorazione con HighTide). È stata finalista per lo Yale Drama Series Prize 2016 e per l’ Adrian Pagan Award 2015 e al momento sta lavorando per HighTide.

Diletta Masetti nasce a Spoleto il 18 giugno 1988. A soli quindici anni si esibisce con artisti del calibro di Milena Vukotic e di Pietro Biondi in "Parole Suadenti", spettacolo diretto da Anna Leonardi per l'Estate spoletina del 2003. Nel 2012 approda all'Accademia Nazionale d'Arte drammatica "Silvio d'Amico", dove ha la possibilità di studiare con maestri del calibro di Lorenzo Salveti, Massimiliano Civica, Anna Marchesini, Bruce Meyers e Michele Monetta. Nel 2013 vince il Premio Siae con il testo inedito sul femminicidio intitolato "Mia figlia". Nel 2015 riceve un permesso accademico per concludere anticipatamente gli studi e per lavorare con Marco Filiberti in "Il crepuscolo di Arcadia: dieci quadri per un'Opera-Mondo" e con Gabriele Lavia in "Medea", spettacolo che andrà in tournèe nel 2016 a Napoli, a Scandicci e a Como. Dal 2014 è inserita nella Compagnia #SIneNOmine costiruita dall'unione di attori professionisti e detenuti presso il carcere di massima sicurezza di Spoleto e diretta da Giorgio Flamini che cura diverse regie inserite all'interno della programmazione del Festival dei Due Mondi di Spoleto. Ha recitato in “from PINOCCHIO – una drammaturgia di gruppo” e in “Girls Like That” di Evan Placey, entrambi per la regia di Emiliano Russo.

Marcello Gravina nasce a Caserta il 2 febbraio 1993. Sin da piccolo dimostra attitudini nella recitazione e giovanissimo frequenta l'Officina Teatro diretta da Michele Pagano a S.Leucio. All'età di 20 anni intraprende un percorso professionale presso l'Istituto Nazionale Del Dramma Antico di Siracusa dove studia con Maestri del calibro di Mauro Avogadro, Graziano Piazza, Maurizio Donadoni , Carlo Bosi, Paolo Magelli, Dario la Ferla. Prende parte alle rappresentazioni classiche dirette da Luca de Fusco. Daniele Salvo, Moni Ovadia, Federico Tiezzi, Paolo Magelli, Carlo Cerciello. A teatro ha lavorato inoltre con Pierpaolo Sepe, Mirko de Martino, Paolo Magelli e con la giovane compagnia Dietro la Maschera costituita durante gli anni all'Accademia. Debutta al cinema nel film dei The Jackal “Addio fottuti musi verdi”, in tv è nel cast della 3 stagione di Gomorra la serie.

Emiliano Russo: Nel 2010 si laurea in Mediazione Linguistica presso “La Sapienza” Università di Roma con la tesi “Under her skin: poetry and violence in Sarah Kane’s theatre”. Nel 2013 si diploma in Regia presso l’Accademia Nazionale d’arte drammatica “Silvio D’Amico”. Nel Dicembre 2011 vince il premio S.I.A.E. per la miglior regia di un corto teatrale. Nell’ Agosto del 2012 vince una borsa di studio internazionale per partecipare al workshop tenuto dal regista tedesco Matthias Langhoff e dal drammaturgo francese Michel Deutsch, a Delfi in Grecia. Nello stesso anno partecipa alla 69a Mostra del Cinema di Venezia, con “6 sull’autobus” di cui scrive e dirige il primo episodio “Unghie” (nominato per il Queer Lion Award). Ha diretto e scritto piece come:“Femminilità Deviate: Studio su Shakespeare”(2009),“Synthetic Wounds: sperimentazione asettica su soggetto XX”(2010),“StorieStorte: racconti demenziali di critica sociale”(2011),“ANTIPANICO: uscita d’emergenza per fuggire dall’Italia”(2012). Altri lavori includono: “Trachis Hospital: Diagnosi Ospedaliera su Le Trachinie di Sofocle”(2011), “L’albero di Corallo: storia di Emma”(2010) “Pamela II: percorso di ricerca sulla crudeltà goldoniana”(2012) “Le Regine” (2012), “Il sentiero dei Passi Pericolosi” (2013) “from PINOCCHIO” (2013) prodotti dalla “Silvio D’Amico”. Nell’Aprile “from PINOCCHIO” vince i premi Best Directing and Best International Project (SETKANI/ENCOUNTER FESTIVAL di Brno, Repubblica Ceca – Aprile 2014). Nel mese di Maggio 2014 lo spettacolo è stato ospite all’ International Theatre Festival YOUR CHANCE (Mosca). Il suo “Scarpette Rosse” è stato finalista al Premio SCENARIOinfanzia 2014. Nel Gennaio 2015 debutta «Assolutamente Deliziose», di Claire Dowie, spettacolo che prenderà parte a diversi festival (Cantieri Contemporanei, Fontanone Estate, Venus Rising Festival, Illecite//Visioni, TREND). Nell ’Agosto del 2015 collabora con la danzatrice del Tanztheatre di Wuppertal Marigia Maggipinto a «Come Bestie allo Stato Brado», la prima residenza teatrale del Comune di Cisterna di Latina per EXPO2015, coinvolgendo più di trenta artisti provenienti da tutta Italia. Nel Settembre del 2015 viene inviato dal Teatro di Roma a prendere parte alla Masterclass sull’Elektra di Hofmannstal presso il Maly Theatre di Mosca. Nel 2016 vince il premio S.I.A.E. per la regia del corto teatrale “Mercuriocromo”. Nel 2016 firma la regia originale del debutto nazionale di “Girls Like That” di Evan Placey (Giardini della Filarmonica Romana, TREND, Lei – Attraversamenti Femminili).







Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol