Passa ai contenuti principali

IL MISANTROPO - dal 16 novembre Teatro San Paolo di Roma


IL MISANTROPO

di Molière

con Marco Belocchi, Eleonora Pariante, Giustino De Filippis, Giuseppe Alagna, Maurizio Castè, Vittorio Ciardo, Valentina Maselli, Teresa Marra.

Regia Marco Belocchi

al Teatro San Paolo di Roma
via Ostiense 190

dal 16 al 26 novembre

16/19novembre – 22/26 novembre

ore 21.00 domenica ore 17.30

Da giovedì 16 novembre fino a domenica 26 novembre al Teatro San Paolo di Roma è in scena “Il Misantropo”. Dopo il successo dello scorso anno torna la commedia di Molière diretta da Marco Belocchi. Il testo interpretato dallo stesso regista anche quest'anno vede in scena Eleonora Pariante, Giustino De Filippis, Giuseppe Alagna, Maurizio Castè, Vittorio Ciardo, Valentina Maselli, Teresa Marra.

Lo spettacolo teatrale, tratto da uno dei grandi capolavori di Molière, è andato in scena per la prima volta nel 1666. Il protagonista della commedia è Alceste, uomo inflessibile, ostile alle ipocrisie che la vita nella società impone. Nonostante la sua etica, egli è innamorato diCéliméne, una bella ragazza civetta, che proprio per questo risulta un personaggio ridicolo. Come contraltare c’è il suo amico e uomo di mondoFilinte. Molto più accomodante, accetta le regole imposte dalla società. L’intransigenza del protagonista lo porta ad isolarsi da un mondo che non accetta, e a rinunciare all’amore di Celimene. La donna, non è disposta a vivere da eremita. Una commedia amara in cui il lieto fine è assegnato solo all’amico Filinte che riesce a sposarsi e vivere l’esistenza all’insegna della convivenza civile.

Il testo di Molière risulta modernissimo, è il tentativo di fuga da un mondo che si vorrebbe giusto e leale, ma che non lo è. La scelta di Alceste è difficile, ma ci mette di fronte ad un bivio, isolarsi o scendere a compromessi con la società che ci circonda. È uno dei grandi dilemmi che ancora oggi ci poniamo.

La messa in scena, ambienta l’opera dello scrittore francese, agli inizi del novecento, per rendere ancora più attuale il testo. Qui Bellocchi, non vuole protendere per l’una o l’altra scelta. Il suo intento è quello di sottolineare l’aspetto comico e ridicolo del protagonista a causa della sua intransigenza. Nello stesso tempo si attua una critica alla superficialità del mondo che lo circonda con le sue ingiustizie, presunzioni e tradimenti. Il regista lascia al pubblico la scelta di decidere da quale parte schierarsi.
------------------------
Il Misantropo

di Molière

diretto da Marco Belocchi

con Eleonora Pariante, Giustino De Filippis, Giuseppe Alagna, Maurizio Castè, Vittorio Ciardo, Valentina Maselli, Teresa Marra

aiuto regia Vittorio Ciardo

Scene e Luci Manuela Barbato

Costumi Maria Letizia Avato

Foto di scena By Sambiago

Assistente alla regia Anna Pizzato

Assistente Scenografa Francesca Forcella

Ufficio stampa Rocchina Ceglia



TEATRO SAN PAOLO

via Ostiense 190

ore 21.00 domenica ore 17.30

Info e prenotazioni 06.59606102 – 3484746899

Bigliett: Intero 18 € - ridotto 12 €

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol