Passa ai contenuti principali

IL FILO SPINATO DELL’AMORE



20 novembre 2017 ore 20,45 
Teatro Manzoni

SABINA NEGRI dialoga con FRANCESCO ALBERONI

IL FILO SPINATO DELL’AMORE

Patty Rossi voce
Simone Spreafico chitarra e voce
Luca Garlaschelli contrabbasso
a cura di Lorenzo Loris
un ringraziamento particolare a Gianni Ansaldi

“Il filo spinato dell’amore”, un lungo viaggio nel continente dell’amore

Un adolescente abituato a cambiare continuamente partner sessuale potrà essere un adulto capace di stabilità affettiva?

Che futuro ha la famiglia?

Perché ci si sposa e si fanno figli sempre più tardi?

Siamo degli eterni (ed eterne) Peter Pan?

Che cos’è l’amicizia rispetto all’amore? E come facciamo a distinguere l’uno dall’altra?

Le fantasie amorose delle donne sono diverse da quelle degli uomini?

Che cos’è l’innamoramento?

Come facciamo a sapere di essere realmente innamorati?

Che differenza c’è tra innamoramento e infatuazione?

A cosa può portare la degenerazione dell’infatuazione?

La gelosia è un sentimento che fa male sia a chi lo prova, sia a chi lo subisce: è una malattia?

C’è un modo per imparare ad amare meglio?

Queste solo alcune delle incalzanti domande che la giornalista Sabina Negri porrà al prof. Francesco Alberoni, unico studioso ed esperto europeo del sentimento amoroso, nello spettacolo “Il filo spinato dell’amore”, che andrà in scena il 20 novembre prossimo, all’apertura della settimana contro la violenza sulle donne. “Il filo spinato dell’amore” è un excursus al confine fra teatro e indagine della realtà, un serrato dialogo a due arricchito da musica e recitazione.

“Quando si uccide non si ama, si odia”, sostiene il prof. Alberoni, che si propone di esaminare il sentimento amoroso nella sua luce e nei suoi luoghi oscuri.

Analizzare il femminicidio senza parlare del percorso amoroso e di tutte le sfaccettature dei sentimenti, significa infatti evitare il problema.

L’amore non può essere criminale. L’amore è amore.

Francesco Alberoni e Sabina Negri cercheranno di aprire una porta sui sentimenti più profondi accompagnati dalle canzoni suonate da Simone Spreafico e Luca Garlaschelli e interpretate dalla bellissima voce di Patrizia Rossi. Da Vasco Rossi a Lucio Battisti, da De Andrè a Mina, molti grandi protagonisti della musica italiana hanno cantato l’amore nelle sue diverse declinazioni. E sarà proprio una canzone di Mina, “Ahi, mi’ amor” (“Ahi mio amor , di quella nostra storia io non capirò mai niente, ahi mio amor con questo dubbio resterò, tutta la vita non saprò se mi hai amato oppure no …”) a fare da filo conduttore di una serata dedicata a noi, alle nostre vite, a ciò che le rende uniche.


BIGLIETTI Posto unico € 5,00

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

COPPÉLIA - balletto in tre atti

Martedì 11 Aprile 2017 ore 20,45 - Teatro Manzoni NUOVO BALLETTO CLASSICO direzione artistica Cosi - Stefanescu in COPPÉLIA balletto in tre atti musica di Léo Delibes Coreografia di Marinel Stefanescu Maitre du ballet Liliana Cosi Scene di Hristofenia Cazacu Costumi di Marinel Stefanescu

CALENDAR GIRLS ritorna al Teatro Manzoni

Dal 21 al 26 Febbraio 2017 TEATRO MANZONI AGIDI e ENFI TEATRO  presentano ANGELA FINOCCHIARO e LAURA CURINO CALENDAR GIRLS di TIM FIRTH basato sul film Miramax scritto da JULIETTE TOWHIDE & TIM FIRTH Traduzione e adattamento STEFANIA BERTOLA Regia CRISTINA PEZZOLI