Passa ai contenuti principali

Città Inferno - liberamente ispirato a “Nella Città, l’inferno”


TEATRO SALA VIGNOLI
Rottamiamo gli schemi, supervalutiamo la creatività
presenta

n0 (Dance first. Think Later)
in

Città Inferno

liberamente ispirato a
“Nella Città, l’inferno”

di Renato Castellani

regia di Elena Gigliotti

Una produzione di Cardellino srl/ Fondazione Luzzati Teatro Della Tosse/ nO (Dance first. Think Later)

con
Rachele Canella, Melania Genna, Elena Gigliotti, Carolina Leporatti, Demi Licata, Elisabetta Mazzullo, Daniela Vitale

e con Maurizio Lombardi nel ruolo delle Suore (voce off)

2-3 dicembre 2017

Terzo spettacolo della seconda stagione del Teatro Sala Vignoli è Città Inferno, in scena il 2 e 3 dicembre 2017.

All’interno di una prigione vivono le protagoniste di questa storia, liberamente ispirata al film: “Nella Città, l’inferno” di Renato Castellani, con Anna Magnani e Giulietta Masina. Assassine,fattucchiere, adultere e ladre seriali provenienti da tutta Italia e realmente esistite nelle pagine di cronaca nera dagli anni 40 a oggi sono costrette a occupare un ristrettissimo spazio vitale:una cella di 2m x2m.

Quando una ragazza innocente verrà sbattuta dentro per uno sbaglio, le detenute - come delle voci interiori -la condurranno a poco a poco verso la vita disperata della galera, segnando così a vita il suo destino, non potendo capire la possibilità stessa dell’innocenza. Eccetto che: sono donne. Sono donne anche loro. Hanno amato, e ameranno. Hanno un corpo, ol’hanno avuto.

Questa è una storia che ha il sapore della realtà, e il suo compito è quello di indagarne strettamente la causa: il debito d’amore, la nostra più grande ferita. Indelebile e senza tempo.

Città/inferno è un musical di dolori e abbandoni, dei vivi fuori invocati come i morti, delle superstizioni, delle canzoni passionali, dell’Italia del nord e del sud, passando per il centro. Illinguaggio e la poetica sono volti alla fusione della scrittura scenica in improvvisazione insieme alla danza, eseguita da attrici che indagano la loro espressività fisica e vocale, inserendola sempre in un contesto drammaturgico complesso e ricco di spunti.

Città Inferno è vincitore della Menzione Speciale al Festival Scintille 2015.
-----------------------------------

Città inferno

da “Nella Città, l’inferno”

di Renato Castellani

2 e 3 dicembre 2017

regia di Elena Gigliotti

Una produzione di Cardellino srl/ Fondazione Luzzati Teatro Della Tosse/ nO (Dance first. Think Later)

con Rachele Canella, Melania Genna, Elena Gigliotti, Carolina Leporatti, Demi Licata, Elisabetta Mazzullo, Daniela Vitale

e con Maurizio Lombardi nel ruolo delle Suore (voce off)

scene Carlo De Martino

costumi Carlo De Marino, Giiovanni Stinga

luci Giovanna Bellini

editing audio Claudio Corona Belgrave

progetto video Daniele Salaris

strutture ferrose Anelo 97.

foto dossier Miriam Di Cola.

foto di scena Donato Aquaro

regista assistente Dario Aita.

regia e partiture fisiche Elena Gigliotti.

Si ringraziano Annalisa Martinisi per la gentile concessione dell’arrangiamento di “Maruzzella” , Melissa Bartolini e Flavio Furno per il loro supporto artistico e tecnico



Teatro Sala Vignoli

Via Bartolomeo D’Alviano, 1

2 e 3 dicembre 2017

sabato ore 21.00, domenica ore 16.30

Biglietti: Intero 15,00 euro - Ridotto 12,00 euro

Tessera associazione euro 3,00

Cell: 3711627502

Biglietteria www.etes.it

www.teatrosalavignoli.it

teatrosalavignoli@gmail.com



Campagna Abbonamenti

Abbonamento a 10 spettacoli escluso Edda Ciano

95 euro + tessera

se ti abboni entro il 31 ottobre 2017 85 euro + tessera

Abbonamento a 6 spettacoli a scelta escluso Edda Ciano

60 euro + tessera.

Particolari convenzioni e ridotti con Cral e Associazioni contattando

teatrosalavignoli@gmail.com

Prenotando attraverso la mail prenotazione@teatrosalavignoli.it si potrà avere biglietto ridotto a 12,00 euro

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol