B/RIDE - SPETTACOLO VINCITORE DELLA Prima edizione del Concorso teatrale #inplatea

09:07


Avviso ai Soci 
L'Associazione Culturale Teatro Trastevere
presenta

LO SPETTACOLO VINCITORE DELLA Prima edizione del Concorso teatrale #inplatea

B/RIDE

SCRITTO E DIRETTO DA: Giacomo Sette

29 e 30 novembre ore 21
Teatro Trastevere,via Jacopa de Settesoli 3,00153 Roma

IDEA E CONTRIBUTI AL TESTO:

Martina Giusti

CON: 
Martina Giusti, Azzurra Lochi e Simone Caporossi

MUSICHE: Luca Theos Boari Ortolani

e un brano inedito di Alice Giorgi

AIUTO REGIA: Azzurra Lochi

Una collaborazione “Anonima Sette” & Martina Giusti

Durante le due serate sia la platea presente in sala che i giurati della rivista voteranno lo spettacolo vincitore del concorso. All'entrata saranno distribuiti dei tagliandi grazie ai quali sarà possibile votare lo spettacolo in trentesimi.

Il 30 novembre la premiazione in base alla somma dei voti.

Se B/ride riuscirà a convincere gli astanti riceverà il premio #inplatea che rappresenta uno spettatore seduto su una poltrona teatrale, se invece non ci riuscirà, vincerà la poltrona vuota.

“Se una ragazza si sente realizzata nell'idea perfetta di una coppia da cerimonia, cosa le rimane quando questa crolla? E cosa resta del suo compagno?”

"B/RIDE" è un racconto teatrale ispirato al cortometraggio "Finché morte non ci separi", di Damian Szifron. Una vera e propria parabola in cui una sposa, davanti all’evidenza di un tradimento, deciderà di distruggere tutto ciò che aveva progettato mettendo in discussione convenzioni, famiglia, “bon ton". Farà a pezzi l’immagine della “sposa modello” per scoprire una nuova sé e trascinerà in questo vortice anche il suo uomo. Il tutto nel tempo di un ricevimento di nozze. Aperta la crepa del dubbio, del sospetto, dell'infedeltà e spogliati di macchine d'epoca e fotografie patinate, restano la donna e l'uomo – in tutta la loro imperfezione. La nostra sposa si scoprirà prima adultera, poi violenta, rissosa, vendicativa, e una volta svuotata, pronta per amare. Amare quello sposo adultero, violento, rissoso, vendicativo, svuotato che sarà, di riflesso, pronto per amarla. Un processo di catarsi, di liberazione da tutto ciò che è preteso come "coppia" per ritrovarsi uno davanti l'altra, non più sposi ma amanti, finalmente sinceri. Liberati da ogni inibizione, mandando all’aria “ciò che si conviene”, i due finalmente si scopriranno. Con gli abiti stropicciati, il trucco colato, il respiro affannato, si guarderanno e si conosceranno. Per la prima volta. Quello sguardo sarà l’inizio di una nuova storia. “B/RIDE” racconta la distruzione, il brivido di demolire e la meraviglia di rinascere dalle macerie.

Sulla scena Martina Giusti, voce narrante e “burattinaia” della storia, è accompagnata dai “D.Um.Mi.Es.” – Doppi Umani Mitologici Esperimenti – Azzurra Lochi e Simone Caporossi, nei ruoli dei due sposi B. e Pier. La forma del monologo viene dunque messa in discussione dalla presenza di tre attori: un essere parlante e due “fantocci umani”, materie vive con cui interagire.

“Una coppia immobile, dentro.
Un rapporto che non va da nessuna parte.
Un uomo e una donna ridotti ad essere l’ombra di sé stessi. Davanti a questa banale e comune crisi esistenziale e di rapporto, i due rispondono con il matrimonio ma non sembra essere la reazione adeguata. Simone Caporossi e Azzurra Lochi, lo sposo e la sposa, sono semplici pupazzi nelle mani di Martina Giusti, deus ex machina del dramma. Unica voce e corpo attivo dell’intero spettacolo, è ora i pensieri nascosti della sposa, ora quelli dello sposo, ora un’amante, ora un aitante bagnino, ora un padre, ora una madre – in definitiva il racconto.

Raccontare, per cercare qualcosa che si cela dentro e si crede perduto. I nostri due pupazzi non sono però completamente disumanizzati. Dentro hanno ancora qualcosa che preme per uscire.

Il loro corpo vive, reagisce, in modo impercettibile.

Quella che vogliamo creare è una mappa, appena percettibile per l’occhio, della complessità e vastità delle emozioni. Microscopica, infinitesimale, cavalcata e condizionata dal Fool narrante, l’emozione si muove per frammenti nella scena. Gli attori sono disposti geometricamente nello spazio, senza scenografia - uno spazio per le sole immagini stimolate dalla parola, dall’interpretazione e per le microazioni dei pupazzi. La scelta delle musiche composte da Luca Theos Boari Ortolani e del solo di Alice Giorgi seguono questa linea – la necessità di pulizia e chiarezza per far emergere ciò che di più profondo si muove dentro di noi. Questa pulizia non sempre è elegante: il suono può essere duro, ferito, aggressivo. Ma il tentativo è proprio questo: creare qualcosa che è così come si vede, complesso e nitido come la vita. Un’immagine dentro cui occhio ed emozione possono perdersi- pur nell’apparente stasi- fino alla catarsi finale, lasciata alla libera interpretazione degli attori entro i limiti della storia che portano.”


Cit Giacomo Sette

RASSEGNA STAMPA

“Un tessuto di profonda ironia fra pubblico, burattini e burattinaia, filato con precisione registica e con una tecnica accurata, fresca e dettagliata al contempo, che parla dell’individualità come meta e non come punto di partenza: uno spettacolo ispirato al cortometraggio “Finché morte non ci separi” di Damian Szifron, che va oltre al racconto e si sofferma sul percorso individuale, in un’ottica più sincronica che diacronica.

Uno spettacolo in cui liberarsi dal velo e dal papillon, immergersi in un lago e purificarsi.

Da quei “noi stessi” come ci hanno sempre voluti gli altri.”

Clizia Riva - «concretamentesassuolo»

“Sul palco spoglio del teatro attraversato solo da brevi e pertinenti intermezzi musicali, è Martina Giusti il demiurgo/la narratrice/l’interprete a due voci che si occuperà di muovere in tutto lo spazio i fili invisibili dei due attori-marionette – la cui muta ed efficace espressività del movimento riesce a ben controbilanciare l’accentuato istrionismo di Giusti – e le fila di una storia d’amore cucita sui corpi con tutte le sue relative fasi. Una storia come tante, quasi stereotipata ma che, grazie alla regia pulita ed equilibrata di Giacomo Sette, sfida la convenzionale forma-monologo, trasfigurandolo in una partitura a tre per movimento e voce e conferendogli quindi nuova linfa e originalità.”

Sarah Curati - «teatrosocialegualtieri»
-------------------------------------------------
Teatro Trastevere,via Jacopa de Settesoli 3,00153 Roma
orari: martedì-sabato h 21.00, domenica h 17.30

You Might Also Like

0 commenti