Passa ai contenuti principali

Scherzi del Cechov



GABRIELE MARCONI
IN

SCHERZI DEL… CECHOV

atti unici di Anton Cechov
regia di Luca Pennacchioni


con

Gabriele Marconi

e con Valentina Mauro, Claudia Spedaliere, Luca Pennacchioni

Alla fisarmonica M° Gianni Mirizzi



TETRO BIBLIOTECA QUARTICCIOLO

14 SETTEMBRE 2017

ore 21.00

Gabriele Marconi torna a teatro. Dopo il debutto al Teatro Ar.ma l'attore, comico romano, arriva al Teatro Biblioteca Quarticciolo il 14 settembre con Scherzi del ...Cechov, atti unici di Anton Cechov. Con Marconi, sul palco, anche Valentina Mauro, Claudia Spedaliere, Luca Pennacchioni che firma anche la regia e alla fisarmonica M° Gianni Mirizzi.

Lo spettacolo articolato in due atti unici, mette in scena “L’orso” e “Domanda di matrimonio”. Nel Primo assistiamo alla storia di una vedova inconsolabile che ha giurato, dopo la morte del marito, di non uscire più di casa e di non frequentare più alcun uomo, nonostante le insistenti preghiere a ripensare la sua decisione da parte del suo servitore. La situazione si capovolge quando un ufficiale di artiglieria in congedo, interpretato dallo stesso Marconi, va dalla vedova a riscuotere delle cambiali. Il rifiuto di lei a pagare e la volontà di lui ad esigere quanto dovuto originano un dialogo concitato, che degenera in un duello fra la vedova e l'ex ufficiale con un imprevedibile esito finale. In Domanda di matrimonio, invece, fra ruggini antiche di buon vicinato e comici squarci di vita campestre, si assiste al ruvido approccio fra due rampolli di buona famiglia in cui i battibecchi si alternano a riappacificazioni preludendo a quello che sarà la futura vita matrimoniale. Luca Pennacchioni, nei panni di Lomov, si presenta in casa del vicino, possidente terriero, interpretato da Gabriele Marconi, per chiedere in moglie la figlia (Claudia Spedaliere). La giovane pensa che Lomov sia venuto per un contratto d'affari e scopre solo alla fine che si trattava di un contratto di matrimonio. Partendo da una piccola disputa sulla proprietà di un prato o da un diverbio sulle capacità dei propri cani, i due continueranno a scambiarsi invettive in un crescendo di battibecchi comici dallo scoppiettante finale.


Note di regia

In questi “scherzi”, come amava definirli Cechov, non siamo di fronte a personaggi con personalità di rilievo ma piuttosto a “caratteri”, ridicole figure dai contorni borghesi, esseri puerili, talvolta prigionieri di sogni volgari e di ambizioni futili a volte pieni di sorprendente vitalità pronti ad esplodere e a fermar- si d’improvviso per ripiombare nel buio della società che li ha creati. Con Cechov scorre tutta la contraddizione del teatro, tragedia e commedia ad un tempo, per questo per mettere in scena questi due atti unici, mi sono rivolto ad un gruppo di attori di qualità e spessore indiscutibile, guidati da tutta l’esperienza e la bravura di Gabriele Marconi . Per creare invece un ponte fra la cultura popolare russa e quella Italiana mi sono affidato alla musica, e più precisamente alla fisarmonica, strumento popolare per eccellenza che proprio in quel periodo storico prendeva prepotentemente piede nella cultura musicale euro- pea, a suonarla dal vivo ci sarà il compositore e maestro Gianni Mirizzi musicista profondo conoscitore della fisarmonica in tutte le sue possibili espressioni conosciuto e apprezzato concertista in tutta Europa.
--------------------------------

SCHERZI DEL… CECHOV

atti unici di Anton Cechov

regia di Luca Pennacchioni

con Gabriele Marconi,

e con Valentina Mauro, Claudia Spedaliere, Luca Pennacchioni

Alla fisarmonica M° Gianni Mirizzi

Assistente alla regia Gabriella Onofri

Costumi Fjorilda Dyli

Scenografia Luca Pennacchioni

Foto di Scena Agnese Ruggeri

Disegno Luci Massimo Sugoni

Tecnico Luci Gianpaolo Amico


Teatro Biblioteca Quarticciolo

via Ostuni 8, Roma

(tra via Prenestina e viale Palmiro Togliatti)

14 settembre 2017

www.teatrincomune.roma.it

Per info e prenotazioni

Mail info@capsaservice.it - Tel 06 98951725

Biglietti: Intero 10€ – Ridotto 8€ (over 65, under 24, possessori di Bibliocard)

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol