Passa ai contenuti principali

Quindicesima stagione del Teatro della Cooperativa dedicata a Strehler




3 – 5 OTTOBRE 2017

MAESTRO! memorie di un guitto

scritto, diretto e interpretato da Stefano de Luca

luci Claudio De Pace

assistente alla regia Linda Riccardi
---------------------------

20 – 22 OTTOBRE 2017

GIORGIO STREHLER E IO

Quarant’anni di Gian Carlo Dettori al Piccolo Teatro

di Claudio Beccari

con Gian Carlo Dettori

Io so e non so – spiega perché lo faccio il teatro ma so che devo farlo, che devo e voglio farlo facendo entrare nel teatro tutto me stesso, uomo politico e no, civile e no, ideologo, poeta, musicista, attore, pagliaccio, amante, critico, me insomma, con quello che sono e penso di essere e quello che penso e credo sia vita. Poco so, ma quel poco lo dico. Giorgio Strehler

E’ dedicata al maestro Giorgio Strehler a 20 anni dalla sua scomparsa la quindicesima stagione del Teatro della Cooperativa. Dopo la festa di inaugurazione, ormai appuntamento cult della stagione teatrale milanese, si comincia il 3 ottobre (in replica fino al 5 ottobre) con un lavoro scritto, diretto e interpretato da Stefano de Luca dal titolo MAESTRO! memorie di un guitto.

Un testo, molto intimista e personale, in cui il regista Stefano de Luca, mettendosi a nudo dal punto di vista artistico rievoca il suo percorso verso le tavole del palcoscenico. Ed è proprio il sottotitolo dello spettacolo “memorie di un guitto” a ribadire orgogliosamente l’appartenenza a un mondo di artisti che scelgono i voli pindarici del teatro e della poesia. Si tratta di un omaggio, un dichiarato atto d’amore verso i suoi maestri, quelle personalità, fuori e soprattutto dentro al teatro, che lo hanno spronato, scelto, guidato, a volte anche criticato duramente per portarlo a essere l’uomo di teatro che è oggi. Ed è anche una trasmissione di saperi sulla necessità della relazione umana, sull’insegnamento come arte nobilissima e fondamentale. L’attore, autore e regista, con toni confidenziali e slanci immaginifici diverte e commuove, attraverso aneddoti personali e soprattutto attraverso un personale ritratto del suo più grande maestro, quel Giorgio Strehler che ha segnato il teatro italiano del dopoguerra. Non un deus ex machina, nume tutelare solenne e distante, ma un uomo di straordinarie virtù e manifesti difetti. Il grande regista che sapeva comunicare con un solo sguardo, il mago delle luci, il conoscitore di anime e severo esaminatore diventava anche l’uomo dai toni bruschi, dai giudizi taglienti, l’uomo inafferrabile da conquistare con fatica. Proprio questo lo rende “Maestro” con la emme maiuscola e de Luca lo dimostra con ogni evidenza.

Spiega il regista: Da anni ormai sento la necessità − l’urgenza quasi − di raccontare, soprattutto alle giovani generazioni, qualche frammento dell’esperienza vissuta nell’arco di dieci anni accanto a Strehler. E poiché, come scrive Louis Jouvet, “il teatro esiste soltanto nell’atto del teatro”, ho deciso di dare forma teatrale a questi ricordi e a queste riflessioni e di presentarle al pubblico in forma di monologo.

Si continua dal 20 al 22 ottobre con GIORGIO STREHLER E IO, Quarant’anni di Gian Carlo Dettori al Piccolo Teatro di Claudio Beccari con Gian Carlo Dettori che per quarant’anni ha lavorato con Giorgio Strehler al Piccolo Teatro, prendendo parte a spettacoli che hanno segnato la cultura italiana del ’900.

Oggi, a vent’anni dalla scomparsa del grande regista, Gian Carlo ne ripercorre il cammino, testimoniando le tappe di un percorso strettamente intrecciato con la storia del nostro Paese:

− l’opera di rinnovamento del teatro che si rese necessaria nel dopoguerra, con la scelta di autori e testi completamente nuovi e con il radicale cambiamento richiesto agli attori, convinti a fatica a imparare la parte a memoria, rinunciando al suggeritore;

−l’idea fondante del Piccolo Teatro, concepito non come luogo di svago, ma come punto di incontro di un’intera comunità, luogo di riflessione e di discussione e, di conseguenza, la convinzione che il teatrante avesse una responsabilità “sociale” nei confronti dell’opinione pubblica; − le amarezze degli ultimi anni, quando Strehler fu tra i primi a intuire che la cultura italiana avrebbe attraversato un periodo molto difficile.

Il punto di vista, ovviamente, è quello del palcoscenico: dall’Arlecchino all’Opera da tre soldi, dalla Grande Magia al Campiello, Gian Carlo ci conduce a scoprire i segreti del metodo di lavoro di Strehler che, contrariamente a quanto si può pensare, non si basava sull’imposizione di schemi preconcetti, ma puntava a stimolare la sensibilità dell’attore, liberandone la creatività.

Grazie al rapporto di amicizia nato nel corso degli anni, Dettori ci può parlare di Strehler anche su un piano più personale, con divertenti episodi che ne illustrano la debordante, contraddittoria personalità. Sempre con quella cifra di intelligente ironia che contraddistingue lo stile di Gian Carlo Dettori.
--------------------------------------

Teatro della Cooperativa
SPETTACOLI: feriali ore 20.45 – domenica ore 16 –

PREZZI: intero 18 euro – ridotti 15/9 euro
www.teatrodellacooperativa.it - Via Hermada 8, Milano – tel. 02.6420761

Commenti

Post popolari in questo blog

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

BROADWAY CELEBRATION - I GRANDI SUCCESSI DEL MUSICAL IN CONCERTO SPETTACOLO

                                                                  Tour 2021/22 BROADWAY CELEBRATION I GRANDI SUCCESSI DEL MUSICAL IN CONCERTO SPETTACOLO Rocky Horror Show, Jesus Christ Superstar, Rent, Mamma Mia! Sister Act, Les Misérables, Cats, Hairspray, Hair, Grease, Evita, The Phantom of the Opera… PRESENTA UMBERTO SCIDA Una produzione Marco Caselle, Alex Negro per Palco5. I due fondatori uniscono la loro ventennale esperienza nel settore del Musical il primo, e nel Gospel internazionale il secondo, per dar vita ad una serata imperdibile con un cast di 24 performer e musicisti per i grandi successi del Musical. 10 sono i performer di fama nazionale che compongono la sezione dei solisti, accompagnati da una band d’eccezione e supportati da altrettanti coristi. Non sarà un semplice concerto, ma una esperienza di storytelling attraverso parole e canzoni, come insegna il teatro di Broadway. La serata, infatti, verrà raccontata da Umberto Scida, già noto in tutto il Paese

Tornano in scena "I Nuovi Tragici"

            I NUOVI TRAGICI monologhi scritti e diretti da Pietro De Silva TEATRO MARCONI  18/19/20 GIUGNO 2021 Tornano in scena I Nuovi Tragici. La rassegna nata nel 1990 arriva sul palco del Teatro Marconi il 18, 19 e 20 giugno 2021. Si tratta di monologhi scritti e diretti da Pietro De Silva portati in scena da giovani attori che partecipano al Festival. A presentare la serata due ospiti d'eccezione: Marco Simeoli e Bruno Maccallini. Una storica rassegna dunque a cui hanno partecipato circa ottanta attori fra i quali Enrico Brignano, Flavio Insinna, Neri Marcorè, Valerio Aprea, Massimiliano Bruno, Paola Cortellesi, Francesco Pannofino, Paola Minaccioni, Massimiliano Bruno, Valerio Aprea e tanti altri Il termine NUOVI TRAGICI è dichiaratamente ironico. Si tratta di una serie di monologhi sotto forma di casi clinici singolari. Individui disperati che cercano conforto, confessando in pubblico le loro piccole e grandi manie. Si prende di mira la follia e i suoi derivati, con occhio