Passa ai contenuti principali

In primo piano

NASCE L' ASSOCIAZIONE STEFANO D'ORAZIO

                                                           Ad un anno dalla scomparsa di uno dei più amati artisti italiani   NASCE L’ASSOCIAZIONE STEFANO D’ORAZIO   UN PROGETTO RIVOLTO A GIOVANI ARTISTI DI TALENTO   «Vorrei poter contribuire ad accendere degli entusiasmi e delle attenzioni verso qualcuno che meriti una storia di successo fortunata come la mia» Stefano D’Orazio     Ad un anno dalla scomparsa di un grande artista, che insieme ai Pooh ha fatto la storia della musica italiana nasce l’Associazione Stefano D’Orazio, un progetto rivolto a giovani artisti di talento. Lo scopo dell’Associazione è quello costituire un polo di eccellenza nel settore artistico-musicale-imprenditoriale, un’accademia di alta formazione professionale ed imprenditoriale per giovani artisti, quale strumento di integrazione sociale e culturale, con potenziale innovativo e di crescita per il sistema economico, occupazionale e sociale. Associazione Stefano D’Orazio si pone come obiettivo quello di organi

Mario Ortiz è Gabe in “Next to Normal”

Foto di Alessandro Morino

Al Teatro della Luna dal 19 ottobre 2017

Dopo St. Jimmy in “Green Day’s American Idiot”, una nuova prova d’attore per il giovane Ortiz

“Next to Normal” e i drammi della famiglia Goodman tornano in scena dal 19 al 29 ottobre 2017 al Teatro della Luna con una novità nel cast: Mario Ortiz interpreterà il ruolo di Gabe, figlio di Diana e Dan, fratello di Natalie.

Dopo il suo debutto nel teatro professionale a gennaio 2017 nel ruolo di St. Jimmy in “Green Day’s American Idiot” con la regia di Marco Iacomelli, il giovane attore classe 1995, diplomato alla STM - Scuola del Teatro Musicale, sarà nel cast dello spettacolo Premio Pulitzer a fianco di Francesca Taverni, Antonello Angiolillo, Laura Adriani, Renato Crudo e Brian Boccuni.

“Next to Normal” è uno dei maggiori successi di Broadway dell’ultimo decennio, una drammaturgia pensata e scritta per il teatro da Brian Yorkey, creatore di “13” la popolare serie Netflix, sulle musiche di Tom Kitt, musical di Broadway vincitore nel 2009 di tre Tony Awards tra cui Migliore Orchestrazione.
La versione italiana di “Next to Normal”, prodotta nel 2015 da STM – Scuola del Teatro Musicale in collaborazione con Compagnia della Rancia con la regia di Marco Iacomelli, ha ottenuto due riconoscimenti al Musical Day 2016. Un cast di rilievo porta in scena temi sociali come disturbo bipolare, allucinazioni, elettroshock e psicofarmaci, con una partitura musicale di stampo rock, 37 brani cantati in italiano, che sorregge un’infinita gamma di sfumature emotive.
“Next to Normal” in Italia sin dalla sua prima rappresentazione ha sancito l’inizio di una rivoluzione nel mondo del Teatro Musicale, sia per le innovazioni tecniche e artistiche che utilizza, sia per le tematiche affrontate, distanti dalla tradizione italiana del genere.

Poliedrico e versatile, Mario Ortiz dopo aver interpretato Gabe, figlio prediletto dalla faccia pulita e dalle grandi speranze a cui è affidato il toccante brano Sono Vivo in “Next to Normal”, tornerà a indossare nuovamente i panni maledetti e oscuri di St. Jimmy in “Green Day’s American Idiot” dal 2 al 12 novembre al Teatro della Luna e nella tournée invernale. Accanto a 20 giovanissimi interpreti e la band dal vivo di 4 elementi, si cimenterà con la musica dei Green Day tra cui Know your Enemy, brano a cui dona la sua energia vibrante. Vincitrice di due Tony Awards nel 2010, “Green Day’s American Idiot” è la prima punk rock opera in Italia, terza al mondo dopo Broadway e Londra. Con scenografie ispirate a Basquiat, videomapping, luci ispirate al mondo dei live e controluce drammaturgici, la produzione italiana è una co-produzione STM – Scuola del Teatro Musicale, Fondazione Teatro Coccia e Reverse Agency.


Biglietti in vendita su Ticketone

repliche dal giovedì al sabato ore 21.00 – sabato e domenica ore 15.30

nexttonormal.it | Next to Normal – Italia | #n2nItalia

Commenti

Post più popolari