Passa ai contenuti principali

Il Salotto di pulcinella. Una cena per presentare la stagione



Piccolo Teatro - Il Salotto di Pulcinella

Chiamarlo Risto – Teatro è riduttivo


"Ne Il Salotto di Pulcinella l'arte culinaria e quella artistica si fondono e si sposano per regalare sensazioni uniche agli spettatori più esigenti"

Un nuovo spazio teatrale sta per dare vita ad una nuova ed esilarante stagione proprio nel cuore della città eterna. Si tratta de Piccolo Teatro - Il Salotto di Pulcinella, un delizioso spazio diretto da Vincenzo De Vivo. È proprio il direttore artistico che, nel 2015, ha fatto in modo che quell'ex ristorante riaprisse le sue porte e diventasse uno spazio dedicato alla cultura e all'arte partenopea e non solo.

Cantante, amante del teatro e della canzone napoletana, Vincenzo De Vivo insieme al fratello, rileva il ristorante Pulcinella, situato proprio di fronte al famoso Teatro Manzoni, dove, tra la fine degli anni trenta e la metà degli anni cinquanta, il teatro di rivista ospitava artisti come Petrolini, Anna Magnani, Rascel, Macario e il grande Totò. Non solo grandi attori ma anche assidui frequentatori di quel ristorante antistante il teatro.

Purtroppo, intorno agli anni ‘60, iniziò il declino e il teatro, ormai fatiscente, calò il sipario per sempre. Fino al 1999 i locali vennero utilizzati per stampare il quotidiano ‘Il Messaggero’, e così le rotative, i serbatoi di inchiostro e la carta presero il posto delle tavole del palcoscenico.

Nel quartiere tutti speravano nella rinascita del teatro, ma la proprietà, passata ad un costruttore, ne decise le sorti, facendolo diventare un lussuoso palazzo di abitazioni private tralasciando la memoria del Teatro.

“Se oggi le mura del Salotto di Pulcinella potessero parlare, ci racconterebbero come e cosa mangiavano gli artisti che per anni hanno frequentato il ristorante, le curiosità, i loro incontri a cena con impresari, accordi di paghe, malumori, gioie, speranze, in pratica la loro vita di quell’epoca”, spiega i Vincenzo De vivo.

“E' per questo che ho deciso di conciliare, negli spazi del mio locale, l’arte del teatro con quella della ristorazione”.

Il Salotto di Pulcinella offre, infatti, agli spettatori un’esperienza unica: prima dello spettacolo ci sarà la degustazione di alcuni piatti tipici della tradizione napoletana, tutto accompagnato da buon vino.

Non vengono, comunque, tralasciate le abitudini dei romani: infatti, nelle serate dedicate al teatro dialettale romano, vengono serviti piatti tipici della tradizione di Roma.

Il cartellone della stagione 2017/2018, la seconda del teatro, offre una serie di spettacoli, la gran parte dedicati alla grande tradizione del teatro napoletano, con commedie, musica e tanto divertimento. Marco Simeoli, Anna Rita del Piano, Vittorio Marsiglia, Rita Rondinella, Lucia Cassini definita Totò in Gonnella, Nando Citarella, Enzo Avolio, Francesca Nunzi, Geppi di Stasio e Sandro Scapicchio, Giulia Maglione, Mariano Perrella e Gianni Mauro, I Pandemonium sono solo alcuni tra gli artisti che arricchiscono il cartellone di Vincenzo de Vivo che è pronto, anche quest'anno, a far vivere ai suoi ospiti un'esperienza unica
--------------------------

IL SALOTTO DI PULCINELLA

via Urbana, 11 - 00184 Roma

tel. 06 48.23.339 - cell. 347.7327033 - email: info@ilsalottodipulcinella.com

Spettacoli con degustazione menù completo:

h. 20.30 – Euro 25

Spettacoli con degustazione dolci:

h. 18.00 – Euro 20

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Tartassati dalle tasse - Biagio Izzo alla Sala Umberto

Produzione Tradizione e Turismo - Ente Teatro Cronaca Produzione esecutiva A.G. Spettacoli BIAGIO IZZO in TARTASSATI DALLE TASSE Scritto e diretto da EDUARDO TARTAGLIA Sala Umberto – dal 5 al 17 aprile 2022 Giulio Andreotti soleva dire che l’Umiltà, che di per sé costituisce una grande virtù, si trasforma in una vera iattura quando gli Italiani la praticano in occasione della loro dichiarazione dei debiti. “Io le tasse le pagherei. Ed anche volentieri! Se solo però poi le cose funzionassero veramente!” Quante volte abbiamo ascoltato simili confidenze? E quante volte anche la nostra coscienza di pur buoni ed onesti cittadini ha segretamente partorito concetti del genere? Il problema, però, è che se poi davvero ragionassimo tutti quanti sempre così, come e perché mai le cose potrebbero veramente funzionare? Sarà costretto improvvisamente a domandarselo anche Innocenzo Tarallo, 54 anni ben portati, napoletano, imprenditore nel settore della ristorazione: il classico “self made man”, che d