Passa ai contenuti principali

Ho scritto Italia con la sabbia - Eka Erica Abelardo al Teatro Delfino



La pittura con la sabbia (Sand Art) o arte di animazione con la sabbia (Sand Animation) è una delle più straordinarie forme di pittura.

E’ una tecnica ancora poco famosa nel mondo questa arte di manipolare dei granelli di sabbia e trasformarli in figure animate grazie ad un particolare uso della luce. Tra le tante definizioni date a questa forma artistica, la più emozionale è che “la Sand Art è una magia bianca nelle mani di maghi contemporanei”.

Le immagini, create esclusivamente dal vivo, sono proiettate su un grande schermo così da permettere allo spettatore di godere un’atmosfera avvolgente e suggestiva. Nel mondo frenetico e digitalizzato come quello di oggi, queste immagini affascinano proprio per la loro semplicità creando profonde emozioni.

La pittura con la sabbia fissa ogni momento dello spettacolo e lo rende unico come ogni istante della vita. Forse è proprio per questo che lo spettatore viene toccato in modo così profondo nel cuore.

Eka usa solo le dita e i palmi delle mani per creare le immagini, le trasforma mutandole in altre forme. Subiscono una metamorfosi, in pochi attimi tutto si crea e si distrugge, ogni immagine è persa…..rimane solo nella memoria dello spettatore.

Le dita di Eka danzano in armonia con la musica. La sabbia prende forma creando meravigliose storie. Con pochi movimenti della mano l’artista crea un’immagine, ma solo per un momento. Una volta che l’immagine appare pronta viene cancellata e una nuova ne viene creata.

Le figure create si trasformano di continuo, evolvono, scompaiono e riappaiono.

Eka, al secolo Erica Abelardo, nasce a Chieti da padre artista e mamma manager. Ha conseguito gli studi di grafica pubblicitaria e fotografia presso l’istituto Bellisario di Pescara proseguendo poi gli studi di moda e design presso l’università di Urbino.

Visual designer, affronta la comunicazione visiva delle tecniche più tradizionali dal disegno a matita fino a quella più moderna del digital painting.

“Ho scritto Italia sulla sabbia” è il titolo dello spettacolo che Eka porterà in tour in Italia e in Europa.

Un viaggio attraverso il Belpaese, opere d’arte, personaggi che hanno fatto grande la storia italiana, città, momenti di costume e tanta bella musica italiana.

Vedremo il Duomo di Milano, il Palio di Siena, la terrazza del Commissario Montalbano. La Fontana di Trevi con Marcello Mastroianni, la Vespa di Vacanze Romane e in Piazza San Pietro risentiremo la voce del Papa Buono che mandava una carezza a tutti i bambini.

Ma ci sarà anche Carosello, Raffaella Carrà, il tuka tuka, Topo Gigio e tanto tanto altro.

Ascolteremo le più belle canzoni che hanno fatto da colonna sonora della vita di ognuno.

Uno spettacolo divertente, emozionante, coinvolgente dove lo spettatore sarà protagonista di un affascinante viaggio.
---------------------------------

Teatro Delfino – Milano

Dal 18 al 22 ottobre e dal 26 al 29 ottobre 2017

Feriali ore 21:00 – domenica ore 16:00

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Tartassati dalle tasse - Biagio Izzo alla Sala Umberto

Produzione Tradizione e Turismo - Ente Teatro Cronaca Produzione esecutiva A.G. Spettacoli BIAGIO IZZO in TARTASSATI DALLE TASSE Scritto e diretto da EDUARDO TARTAGLIA Sala Umberto – dal 5 al 17 aprile 2022 Giulio Andreotti soleva dire che l’Umiltà, che di per sé costituisce una grande virtù, si trasforma in una vera iattura quando gli Italiani la praticano in occasione della loro dichiarazione dei debiti. “Io le tasse le pagherei. Ed anche volentieri! Se solo però poi le cose funzionassero veramente!” Quante volte abbiamo ascoltato simili confidenze? E quante volte anche la nostra coscienza di pur buoni ed onesti cittadini ha segretamente partorito concetti del genere? Il problema, però, è che se poi davvero ragionassimo tutti quanti sempre così, come e perché mai le cose potrebbero veramente funzionare? Sarà costretto improvvisamente a domandarselo anche Innocenzo Tarallo, 54 anni ben portati, napoletano, imprenditore nel settore della ristorazione: il classico “self made man”, che d