Passa ai contenuti principali

SECONDA EDIZIONE DI CALVI FESTIVAL


Un mese all’insegna dello spettacolo, con teatro, cinema, musica, arte e incontri letterari, la seconda edizione di CALVIFESTIVAL si preannuncia ricca di appuntamenti tutti rigorosamente live e con ingresso gratuito. 

Con la Direzione Artistica di Francesco Verdinelli dal 5 agosto al 9 settembre 2017 a Calvi è protagonista la cultura per un Festival con tanti appuntamenti che accompagneranno cittadini e turisti per tutta l’estate.

“Un Festival dedicato alle arti dello spettacolo - afferma il Direttore artistico Francesco Verdinelli – un festival in Umbria, regione che da sempre ha dedicato grande attenzione alla cultura nelle forme più diverse. A pochi chilometri da Roma, sull’ autostrada A1 uscendo a Magliano Sabina, ad 8 chilometri dal casello, si arriva in un’oasi di pace, un luogo dove la qualità della vita è di altissimo livello, paragonabile a pochi altri paesi del centro Italia. Calvi dell’Umbria anche grazie al nostro festival è un luogo da scoprire, con le sue diverse attrattive, dagli splendidi panorami al museo del Monastero delle Orsoline, la meravigliosa Chiesa di San Francesco, un centro storico di rara bellezza. La chiesa della piazza centrale del paese progettata da Ferdinando Fuga così come lo stesso Monastero. Non secondari i tanti sentieri sempre più attrezzati per gli amanti del trekking e per meravigliose passeggiate nella natura”.

Nel cuore verde dell’Umbria il Festival di Calvi unisce quindi al turismo in una località ricca di bellezze artistiche e naturali il piacere della cultura, con un programma che spazia dal teatro al cinema, dall’arte agli incontri e ai concerti.

A inaugurare il Festival saranno Barbara De Rossi e Francesco Branchetti sabato 5 agosto alle 21.30 in piazza Mazzini con il recital di Gianni Guardigli CORO DI DONNA E UOMO, per la regia di Francesco Branchetti e le musiche originali di Pino Cangialosi. Un giro del mondo, un’immersione nelle epoche e nei luoghi che costituiscono le fondamenta della nostra realtà di oggigiorno, le voci delle donne tratteggiano un grande quadro multicolore per chiedere giustizia e pietà. Giustizia agli uomini e pietà agli dei e a Dio.

Sempre sabato 5 agosto, alle 18, si inaugura lo spazio dedicato all’Arte “Vetrina” con la Mostra Bolle dell’artista Valentina Carini. “Vetrina” resterà aperto fino a tarda notte divenendo con le mostre ospitate parte integrante del Festival.

Dall’8 all’11 agosto per Calvi Cinema nel Monastero delle Orsoline alle 21.15 per la rassegna cinematografica dedicata al nuovo cinema italiano verranno proiettati: “La pazza gioia” di Paolo Virzì (l’8 agosto), “Fiore” di Claudio Giovannesi (il 9), “Smetto quando voglio. Masterclass” di Sydney Sibilia (il 10) e “The start up” di Alessandro D’Alatri (l’11 agosto).

Il 12 e 13 agosto sarà la volta nelle vie del paese della Notte del labirinto, interessante spettacolo itinerante che trova nei vicoli e nelle piazze di Calvi la sua scenografia ideale, con artisti di strada e musicisti.

Il Monastero delle Orsoline sarà poi il teatro del Concerto di Ferragosto, la sera del 14 agosto alle 22.30, con il Coro Polifonico e la Banda Musicale dell’associazione Amici della Musica diretti dal Maestro Angelo Bruzzese. Dall’impressionismo alla popular music, dall’America al Nord Europa, l’ensemble proporrà un repertorio eterogeneo composto da diversi generi e stili musicali, uniti da un sottile fil rouge. La sera di Ferragosto (al Monastero delle Orsoline, alle 21,15) Paolo Triestino sarà di scena con EPPUR MI SON SCORDATO DI ME. Gianni Clementi scrive per Paolo Triestino un ritratto divertente, originale eppur commovente, la cui storia incontra la Storia e Lucio Battisti.

La grande musica è in programma il 18 agosto (in piazza Mazzini, alle 21.15) con Rita Marcotulli, compositrice e pianista jazz di fama mondiale che ha al suo attivo collaborazioni internazionali, vincitrice del Premio Top Jazz 2011 come migliore artista del jazz italiano.

Il 20 agosto sarà la volta per Calvi Doc (piazza Mazzini, ore 21) della proiezione del documentario su Calvi dell’Umbria con la regia di Salvatore Braca, documentarista pluripremiato, che da oltre 30 anni collabora con trasmissioni come Geo e la Grande storia. Sempre il 20 agosto, alle 21.45, torna il teatro con LA RIVOLUZIONE DELLE SEDIE, uno spettacolo di Massimiliano Aceti e Matteo Nicoletta entrambi in scena insieme a Federico Lima, con la regia di Barbara Alesse. Lo spettacolo, attraverso un turbine di ritmo e divertimento, mostra l’ipocrisia del senso di colpa dei normodotati nei confronti dei disabili e di chi vediamo diverso da noi.

La sezione Incontri si inaugura il 26 agosto (alle 18.30, nella Sala Consiliare, via Daniele Radici) con il prof. Roberto Fornara (neuropsichiatra) che analizza “La parabola dei ciechi”, uno dei più importanti quadri presenti nella sala del museo del Monastero delle Orsoline. SMOKED BLUES, lo spettacolo di danza firmato dalla coreografa Karen Fantasia, è in cartellone il 26 agosto (in piazza Mazzini, ore 21.15). Sulle note di un clarinetto si snoda una relazione d’amore… con Karen Fantasia, Francesco Ciani, Ilaria Galullo e Lavinia Colanzi.

Tra le ultime serate di CalviFestival 2017 ricordiamo il 2 settembre (alle 18.30, nella Sala Consiliare, via Daniele Radici) l’Incontro a cura di Giuseppe Bizzarro sulla prevenzione della corruzione nella Pubblica Amministrazione, un importante momento di partecipazione e informazione per la promozione e condivisione di una consapevolezza diffusa. E a chiudere il Festival il 9 settembre in piazza Mazzini alle ore 21.30 il “Gran Concerto Finale”, con la Banda della Polizia di Stato, per festeggiare in musica la seconda edizione del Festival e dare appuntamento agli spettatori e ai turisti al 2018.

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol