Passa ai contenuti principali

Terza Settimana di programmazione per Il Marconi Teatro Festival


Parte stasera la terza settimana di spettacoli al Teatro Marconi. Il Marconi Teatro Festival, una delle più grandi kermesse dell'etate 2017 a Roma, presenta altri dodici eventi, tra spettacoli, reading, presentazioni di libri, musica e danza.

Il Teatro Marconi si prepara alla sua terza settimana anche questa ricca di spettacoli di prosa, eventi letterari e musica. “Ero fiducioso, ma non mi aspettavo consensi così ampi” afferma Felice Della Corte direttore artistico del Teatro che insieme a Riccardo Barbèra, affiancati da Ilaria Ceci e Davide Sacco, ha dato vita al Marconi Teatro Festival. 

Dopo quindici giorni di programmazione gli organizzatori si reputano molto soddisfatti. Soddisfatto è anche il pubblico che sembra apprezzare l'offerta culturale proposta: sessanta spettacoli in poco più di un mese di programmazione. “Non ci culliamo dei risultati di questi primi giorni, assolutamente” dichiarano Felice Della Corte e Riccardo Barbèra “anzi siamo impegnati a dare sempre il massimo ogni giorno, ogni sera, affinché il Marconi Teatro Festival si affermi come una grande manifestazione in tutta la Capitale”.

Il 17 luglio, continua il derby iniziato lo scorso fine settimana. Spazio allo sport con ROMA – LIVERPOOL 1-1 il successo di Giuseppe Manfridi e Mister Meno 9 di Giorgio Serafini Prosperi e Giovanni Pepe con Alessio Di Clemente e la regia di Giorgio Serafini Prosperi.

Il 18 luglio, ore 19.30 le luci si accendono su una nuova presentazione di un libro: La voce delle donne,considerazioni al femminile riguardo alla violenza di genere, idea e fotografie di Sergio Battista, con la gentile partecipazione di Arianna Ninchi e Silvia Siravo. La stessa sera alle 21.00 ...Chi manca sei tu, l'omaggio a Rino Gaetano scritto e diretto da Toni Fornari con Claudia Campagnola e Marco Morandi. Mentre alle 21.45 Tacchi misti di Gloria Calderòn Kellett regia di Ferdinando Ceriani con Carla Ferraro, Valentina Martino Ghiglia, Laura Mazzi, Silvia Siravo. Sedici paia di scarpe, quattro attrici, una divertentissima e irriverente galleria di donne che chiedono solo di essere ascoltate. Un'ampia carrellata di esperienze, ironiche, graffianti, audaci, raccontate, cantate e ballate in una sequenza rapidissima di ritratti.

Nei giorni successivi: 19 luglio, ore 21.00 Women In Rock quattro storie tra musica e parole di e con Ketty Roselli. La vita e la musica di quattro grandi interpreti: Tina Turner, Janis Joplin, Etta James, Amy Winehouse, attraverso canzoni, racconti, aneddoti e video.

Alle 21.45 The senza limone di Ludovica Marineo con Luca Basile e Paolo Militerno con la regia di Siddharta Prestinari musiche originali di Paolo Gatti. La sera seguente alle ore 21.00 L'ipocrita dai racconti di Vincenzo Cerami libero adattamento teatrale di Antonio Grosso che lo vede in scena diretto da Giancarlo Fares con le musiche Nicola Piovani. L'attore si lascia travolgere dalla scrittura del più grande sceneggiatore del ‘900, Vincenzo Cerami.

Venerdì 21 luglio di nuovo la musica è la protagonista assoluta della serata con Armonia di una metamorfosi, drammaturgia, regia e scenografia Anna Maria Achilli, musiche di Bach, Corelli e Haendel con Anna Maria Achilli – voce recitante, Sonia Maurer al mandolino barocco e mandoloncello, Achille Taddeo alla viola. Alle ore 21.45 Il violino relativo di e con Riccardo Bàrbera, regia di Paolo Pasquini musiche eseguite dal vivo da Andrea Calvani al pianoforte e Giulio Menichelli al violino e con la partecipazione straordinaria in video di Massimo Popolizio. L'affascinante storia di un ipotetico incontro tra il giovane Albert Einstein e un anziano liutaio nei boschi delle Alpi che lo sfida a “razionalizzare” e a scoprire il mistero dei violini di Stradivari per analizzare il rapporto tra scienza e natura.

Il 22 luglio, ore 21.00 Letizia va alla guerra. La sposa e la puttana di Agnese Fallongo con Agnese Fallongo e Tiziano Caputo, ideazione e Regia Adriano Evangelisti. Due guerre mondiali, due grandi donne: uno stesso nome, un unico destino. Due donne del popolo, travolte entrambe dalla guerra nel loro quotidiano, si ritroveranno a sconvolgere le proprie vite e a compiere, in nome dell’amore, piccoli grandi atti di coraggio. Un ritmo incalzante in cui spesso una lacrima lascia il posto al sorriso. Alle 21.45 torna il successo di Gianni Clementi Eppur mi son scordato di me con Paolo Triestino. La storia di Antonio incontra la storia e la musica di Lucio Battisti. A quasi sessant'anni ci propone la colonna sonora della sua vita, appassionata, stupita ed amabilmente contraddittoria. Come ha fatto a scordarsi di sé? E se ci “ritorniamo in mente”, cosa vorremmo essere ancora e cosa non vorremmo più, di quello che siamo diventati?
--------------------------------

Marconi Teatro Festival

dal 4 luglio al 6 agosto 2017

Teatro Marconi

viale Guglielmo Marconi 698 e

Contatti www.teatromarconi.it - info@teatromarconi.it - Tel 06.49.53.554

Biglietti Intero 16 €; Ridotto 13 €

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol