Passa ai contenuti principali

Sorrento Incontra - La luce dei luoghi 2017


27 luglio l’apertura con il concerto di Maldestro 

direttore artistico Mvula Sungani
Dal 27 luglio al 31 agosto Sorrento si trasformerà in un palcoscenico con il Festival “Sorrento incontra – La luce dei luoghi 2017” dove le bellezze paesaggistiche, storiche e naturalistiche si fonderanno con le arti performative. Gli spettacoli si terranno in alcuni dei più suggestivi luoghi della città come il Chiostro di San Francesco, Villa Fiorentino ed il Parco Ibsen.

Sorrento Incontra, festival organizzato dal Crdl, Centro Regionale della Danza del Lazio, e sostenuto dal Comune di Sorrento, si avvale dalla scorsa edizione della direzione artistica generale del noto regista e coreografo Mvula Sungani, che come primo step ha voluto creare un format unico per tutte le iniziative programmate dal Comune di Sorrento, guidato dal sindaco Giuseppe Cuomo, nell’ambito della programmazione promossa dall’assessorato agli Eventi, retto da Mario Gargiulo, e coordinata dal dirigente del Settore Cultura, Antonino Giammarino.

Il Festival nasce da un’idea di Mvula Sungani (Regista, Coreografo e Autore collabora con i principali teatri teatri nazionali come la Scala di Milano, l'Opera di Roma, la Fenice di Venezia il Teatro Antico di Taormina, all'estero con i principali teatri di New York, Parigi, Montecarlo, Porto, Tirana. Crea per Roberto Bolle, Raffaele Paganini, Emanuela Bianchini, Mango, Ron, Francesco Renga, Marlene Kuntz, Patty Pravo, Fiorella Mannoia. In tv lavora in molte produzioni Rai ) e degli amministratori che hanno voluto creare un salotto in cui gli artisti incontrano la città e si raccontano con performances e storie, al fine di proporre alla collettività eventi particolari e unici, in nome della contemporaneità e della multidisciplinarietà.

La luce vuole essere il fil rouge di questo prestigioso percorso artistico: “La luce dei luoghi” è il titolo della rassegna che partirà il 27 luglio, espressione della luce del sole, dei colori vividi dell'estate, del calore che rende il paesaggio unico, rassegna che in autunno prenderà il nome di M'Illumino d'inverno, a richiamare le splendide luminarie che rendono la città un paesaggio onirico, il Natale, ed il calore della famiglia, che ospiterà grossi nomi del panorama artistico nazionale ed internazionale: fra gli altri Franco Battiato e Ara Malikian.
La rassegna aprirà giovedì 27 luglio ’17 alle ore 21,00 al Chiostro di San Francesco, con Maldestro, il cantautore rivelazione dell’anno vincitore nell'ultima edizione del Festival di Sanremo, del maggior numero di riconoscimenti : il PREMIO DELLA CRITICA 'MIA MARTINI' , il PREMIO LUNEZIA, il PREMIO ENZO JANNACCI, il PREMIO ASSOMUSICA e in fine il premio conferito dalla REGIONE BASILICATA per il MIGLIOR VIDEOCLIP.

Per l’occasione il cantautore si presenterà a Sorrento in una inedita versione acustica, proponendo i brani della sua discografia, tra cui l’ultimo cd “Muri di Berlino” , nel quale è contenuta “Canzone per Federica”, presentata al Festival di Sanremo 2017”.

Il programma generale della rassegna prevede ospiti del calibro di Roberto Cacciapaglia, dello straordinario performer funambolico Mattew Lee, pianista e cantante, definito dalla stampa internazionale "the genius of rock'n'roll", che con il suo Rock'n'roll ha tenuto concerti in Italia, in tutta Europa e in America, Elena Ledda, le due stelle della danza Emanuela Bianchini ed Amilcar Moret Gonzalez, i due noti attori Gianfranco e Massimiliano Gallo, l'ensemble giapponese Orchestra da camera Fukuoka Sinfonietta e l' Orchestra I flauti di Toscanini insieme a Pietro Cernuto ed i circensi del circo contemporaneo Five Quartet Trio in Bus Stop, che rappresenta una delle realtà più importanti a livello internazionale del settore. Il circo nell'immaginario collettivo è un luogo magico. Il circo contemporaneo è l'espressione più romantica dell'arte circense in quanto non contempla animali, ma è costruito su difficili esercizi acrobatici uniti a funambolici numeri di giocoleria ed a sketch divertenti, come nel Le Cirque du Soleil.

Un interessante novità è che il festival produrrà lo spettacolo multidisciplinare Danze dal Mare 3.0 interpretato da un cast di livello internazionale come l’etoile Emanuela Bianchini che ha duettato con le più grandi stelle del panorama nazionale e internazionale da Raffaele Paganini ad Alessio Carbone dell’Opera de Paris ed Amilcar Moiret Gonzales, primo ballerino di Amburgo ha ballato nelle più importanti compagnie del mondo, Elena Ledda una delle voci più belle della world music mediterranea erede di Maria Carta, vedrà le musiche originali di Mauro Palmas eseguite dal vivo dallo stesso compositore e dal suo gruppo. Le coreografie saranno di Mvula Sungani mentre la regia sarà a quattro mani dello stesso coreografo e di Antonino Giammarino. La produzione sarà rappresentata in occasione della conferenza annuale della Fondazione I.l.i.c.a che presenterà, con l'introduzione di Pino Aprile, il “Modello Sorrento” il 4 novembre prossimo al Queens Museum di New York.

“L'intento di Sorrento Incontra - spiegano gli organizzatori - è quello di produrre nel tempo spettacoli e audiovisivi per le tv, il web e i social, legati al territorio e che parlino dello stesso, capaci di diventare un potente strumento di promozione territoriale”.

Il festival verrà anticipato dal lancio dello spot “Sorrento è” in cui molti artisti famosi ospitati a Sorrento nella stagione appena conclusa esprimono il loro personalissimo pensiero sulla città. Lo spot, ideato da Mvula Sungani, è stato co-prodotto dal Comune di Sorrento e dagli Mspd Studios e girato durante l'ultima edizione di M'Illumino d'Inverno e degli Incontri Internazionali del Cinema. 
-------------------------

Sorrento Incontra

La luce dei luoghi 2017

Da giovedi 27 luglio alle ore 21,00 a giovedì 31 agosto ore 21,00 SORRENTO

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol