Passa ai contenuti principali

Il dono di Liszt - Teatro Marconi 27 luglio


Il dono di Liszt
ovvero Il Concerto diabolico

con Riccardo Bàrbera e Felice Della Corte

e Andrea Calvani al pianoforte

con l’amichevole partecipazione di Davide Sacco - Giulia Menici

assistente alla regia Agnese Ciaffei

drammaturgia Riccardo Bàrbera

regia Paolo Pasquini

Il più grande pianista del XIX secolo in visita in Italia, tra mille difficoltà, porta in scena il concerto perfetto che, per la prima volta nella storia, unisce la musica, la Divina Commedia e la sorprendente proiezione di immagini attraverso la lanterna magica

La scrittura di Riccardo Bàrbera coniuga, come di consueto, fatti storici con eventi e personaggi plausibili, e in questo caso ci fa incontrare il geniale concertista nei dintorni di Roma, mentre sta aspettando di essere ricevuto da papa Pio IX, a cui vuol chiedere una buona sistemazione come Maestro di Cappella.

In questa attesa Liszt, benché già famoso in tutta Europa, per vivere è costretto ad esibirsi. Per poterlo fare, però, deve fare I conti con pregi, difetti e astuzie degli impresari di provincia.

L’Italia appena unita ci appare infatti, nelle descrizioni dell’abate Liszt, al contempo un Paese baciato dalle Muse e un’ insidiosa trappola infernale, in cui si rischia di essere continuamente abbindolati e frodati.

Il concerto a cui infine assisteremo, oltre a riprodurre i giochi col pubblico tipici del grande musicista magiaro, si concluderà proponendoci una vera chicca: un magico, quasi diabolico concerto dedicato alla Divina Commedia.

L’opera dantesca, infatti, fu per anni un vero assillo per l’abate Liszt: già nel 1847 aveva suonato al cospetto della principessa Wittgenstein vari temi ispirati alla Commedia, infine pensò di poter sperimentare una performance sinestetica.

Ideò così una sorta di videoinstallazione ante litteram da proiettare per mezzo della lanterna magica (il Diorama, tecnologia appena inventata). a corredo delle sue creazioni musicali (tra tutte la Dante Symphonia) e di alcuni passi Della Commedia.

Purtroppo, dopo alcuni esperimenti, il nostro dovette rinunciare all’impresa “multimediale” a causa delle difficoltà tecniche e dei costi pressoché insostenibili. In questo spettacolo il visionario progetto di Liszt si realizza per davvero e rappresenta il dono che Liszt fa all’Italia poco prima di lasciarla per sempre.

Le meravigliose musiche di Franz Liszt, mirabilmente eseguite al pianoforte dal M.o Andrea Calvani, brillante concertista di chiara fama, sono protagoniste assolute di buona parte di questo concerto/spettacolo
----------------------

Il dono di Liszt

ovvero Il Concerto diabolico

con Riccardo Bàrbera e Felice Della Corte

e Andrea Calvani al pianoforte

con l’amichevole partecipazione di Davide Sacco - Giulia Menici

assistente alla regia Agnese Ciaffei

drammaturgia Riccardo Bàrbera

regia Paolo Pasquini



Marconi Teatro Festival

27 luglio 2017

ore 21

Teatro Marconi

viale Guglielmo Marconi 698 e

Contatti

www.teatromarconi.it

info@teatromarconi.it

Tel 06.49.53.554

Biglietti

Intero 16 €; Ridotto 13 €

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol