Passa ai contenuti principali

Cheryl Porter direttrice artistica del ROMA VOICE STUDIO


Centro Alta Formazione Teatro è lieto di presentare un Master dedicato al canto e alla tecnica vocale con la direzione artistica e la conduzione esclusiva di Cheryl Porter: 
Roma Voice Studio.

La cantante e vocal coach americana leader riconosciuta in ambito internazionale nel settore dell’insegnamento del canto moderno, condurrà 10 workshop da due giorni:
un fine settimana al mese per dieci mesi, che si concluderanno con una sessione straordinaria di 5 lezioni consecutive finalizzate alla preparazione di un concerto finale.

Il progetto di alta formazione e promozione personale degli allievi, partirà a Roma a settembre 2017 e si concluderà a giugno 2018. Le date dei fine settimana verranno comunicate agli allievi iscritti al master con un mese di anticipo e verranno pubblicate sulla nostra pagina facebook Centro Alta Formazione Teatro

L’intero corso si avvarrà dei testi e delle esercitazioni pratiche contenute nei programmi didattici di esclusiva proprietà della docente. L’allievo avrà inoltre l’occasione di seguire un percorso personalizzato attraverso gli esercizi online.

ROMA VOICE STUDIO


Master di canto moderno

10 workshop – un week end al mese per dieci mesi, da settembre a giugno e un

Workshop finale di 5 giorni con concerti e performance per la promozione personale degli allievi selezionati dalla direttrice artistica Cheryl Porter.

25 lezioni a numero chiuso – 125 ore di alta formazione nel canto moderno.

Testi e materiale didattico personalizzato online.

ROMA VOICE STUDIO
ECCO LE PRIME DATE:
30 settembre -1 ottobre 28/29 ottobre
11/12 novembre dalle ore 10.30.

*Le lezioni non si svolgeranno nel mese di dicembre 2017.



PRESENTAZIONE GENERALE DEL CORSO A CURA DELLA DOCENTE

Tutti noi interessati al canto moderno sappiamo, per convinzione o per sentito dire, quanto importante sia acquisire (perlomeno) le basi della tecnica del canto lirico. In quanto frutto di secoli di ricerca condotta da centinaia di insegnanti di canto illustri, la tecnica del canto classico costituisce un patrimonio di valore inestimabile che può essere applicato con successo, anche se con i dovuti accorgimenti, al canto moderno.

L’insegnante di formazione «lirica» però spesso ha la lacuna di non saper come applicare la propria tecnica al canto moderno, e quindi non potrà aiutare l’allievo in tal senso, lasciandolo così “nel limbo”: con un repertorio di canto moderno e una impostazione orientata verso il lirico, e con una gran confusione su come integrare le due cose. Al contrario, Cheryl Porter, cantante lirica di formazione (laurea in Canto Lirico presso la Northern Illinois University, Chicago) e dedicata attualmente al canto moderno, per il fatto di aver vissuto in prima persona “sulla propria pelle” il percorso di integrazione tra lirico e moderno, saprà non solo insegnare le importantissime basi della tecnica classica, spiegando anche come applicarla efficacemente e direttamente al canto moderno: – apprendimento di una tecnica robusta e solida, da applicare efficacemente e subito al Musicals, oppure Pop, Jazz, RnB, Rock, Blues, Soul, Gospel, musica leggera Italiana, etc.; – rieducazione vocale e correzione definitiva dei grandi difetti o piccoli ma tenaci vizi di impostazione (es: respirazione “pigra” o malamente impostata, acuti di petto gridati, sonorità nasale, ecc.); – cura della qualità, dell’intensità e dell’estensione dei registri di petto, di testa (falsetto) e misto; – massimizzazione della qualità e pienezza timbrica, potenziamento della proiezione sonora, ricerca del vibrato e capacità di saperlo controllare, ampliamento della estensione del range vocale verso l’alto e verso il basso dei registri allo scopo di guadagnar padronanza di una più ampia gamma espressiva; – studio approfondito dell’interpretazione vocale e della presenza di palco; – ampliamento e sviluppo del repertorio, casting Musicals, avvio alla carriera solistica.

Questi i punti salienti delle Master Class tenute da Cheryl Porter:
Come individuare e correggere i più comuni vizi di impostazione (es: respirazione mal impostata, acuti di petto gridati, sonorità nasale, ecc).

- Come individuare e correggere i più comuni errori di pronuncia del cantato in inglese.

- Potenziamento e sviluppo della emissione e della qualità del timbro.

- Trovare la “propria voce”.

- Ricerca e sviluppo del vibrato.

- Ampliamento dell’estensione dei vari registri.

- L’utilizzo dei registri vocali al servizio della interpretazione.

- Applicazione della tecnica ai vari stili e generi musicali: Classica, Jazz, Blues, Pop, Spirituals, Soul e Musicals.

- Superare l’ansia da performance.

- Presenza scenica ed elementi di tecnica di Theater Acting.

- Improvvisare con il ritmo.

- L’interpretazione e la presenza scenica.

- Uso del microfono.

- Costruzione del proprio repertorio.

- Come prepararsi per provini o concorsi.


ROMA VOICE STUDIO è un progetto

CAFT Centro Alta Formazione Teatro

Per informazioni e prenotazioni:

info@centroaltaformazioneteatro.com +39 3381758319


Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol