Il Maggiore Verbania - BEYOND WATER BORDERS.

20:54

SABATO 25 GIUGNO 2016
ORE 21.30

FONDAZIONE EGRI PER LA DANZA presenta
Compagnia EgriBiancoDanza

in

Beyond Water Borders
Oltre i confini dell’acqua

Trittico di Raphael Bianco ispirato all’acqua
Compagnia EgriBiancoDanza
direzione artistica: Susanna Egri


IDEAZIONE E COREOGRAFICA Raphael Bianco

ASSISTENTE ALLA COREOGRAFIA Elena Rolla

MAITRE DE BALLET Vincenzo Galano

DANZATORI Elisa Bertoli, Maela Boltri, Simona Bogino, Vanessa Franke, Vincenzo Criniti, Vincenzo Galano, Cristian Magurano, Alessandro Romano, Matteo Ravelli.

SPECIAL GUEST

Teatro alla Scala in Lago dei Cigni

Emanuele Cazzato

Maria Celeste Losa


Produzione Fondazione Egri per la Danza

Col sostegno di: MIBACT, Regione Piemonte, Fondazione CRT, Compagnia di San Paolo

L’acqua raccontata attraverso la danza e la danza declinata attraverso una varietà di forme e stili.

Infatti per questa prima occasione di incontro con la cittadinanza di Verbania e il suo bellissimo teatro, la Compagnia EgriBiancoDanza vuole proporre un serata all’insegna della versatilità, senza preclusione di stili e confermando il credo artistico su cui è impostata la propria attività: innovazione radicata nella tradizione. Ed è proprio in virtù di questo che la Compagnia EgriBiancoDanza ha voluto inserire nella serata anche la danza classica, quella della grande tradizione del repertorio romantico. Ecco perché sono ospiti speciali della serata, Emanuele Cazzato e Maria Celeste Losa, ballerini del Teatro alla Scala di Milano che eseguiranno due fra i più celebri pas de deux tratti dal balletto Il Lago dei Cigni: Il Cigno Bianco e Il Cigno Nero.
--------------------------------------------------

Programma

“BEYOND WATER BORDERS” (2015)

Coreografia: Raphael Bianco

Musica: Wolfgang Amadeus Mozart

Durata 20’

Da sempre i fiumi hanno diviso ma anche unificato paesi, e creato comunicazione tra culture. Beyond water Borders è un mix sonoro che raccoglie e assembla alcune delle più importanti opere di grandi compositori dell’area mitteleuropea, su cui spicca il genio incontrastato di W.A. Mozart. una sorta di “fiume sonoro” che come il Danubio attraversa aree geografiche che sono state teatro di disagio e laceranti conflitti, ma anche culla di progresso e avanzamento della civiltà per l’intera Europa. Beyond Water Borders è un inno divertito alla pace tra i popoli, che trascende ogni confine ed ogni limite etnico, alla ricerca di un’origine comune al di là di ogni eterogeneità, “navigando” sulle note di opere fondamentali per la cultura musicale recente e passata, per suggellare un cammino comune di popoli.


DA NOBIS PACEM (2006)

Coreografia: Raphael Bianco

Musica: Arvo Part

Durata 25’

Di tutt’ altra atmosfera è il balletto Da Nobis Pacem: su musiche di Arvo Pärt, compositore estone contemporaneo. Il tema è la ricerca di pace. Il balletto evoca, come sembra suggerire Pärt, il bisogno sempre crescente di rifugiarsi nel trascendente che resta l’ultima speranza di salvezza di fronte ad un mondo disincantato e violento Raphael Bianco rappresenta un’ umanità su una zattera alla deriva fra i flutti, travolta dagli eventi, che nel desiderio di una verità assoluta spera di trovare pace, non senza scontrarsi con le domande e le incertezze che la stessa ricerca di fede comporta


“AMOR DI MUNDO” (2012)

Coreografia: Raphael Bianco

Musica: canzoni di Cesaria Evora

Durata 20’

Balletto su musiche e canzoni di Cesaria Evora, cantante di Capo Verde, che è stata da sempre ambasciatrice della sua poverissima terra nel mondo. Un’artista che attraverso il canto parlava di speranza, amore e un futuro migliore, con musiche solari, malinconiche, morbide e divertenti, che mescolano il fado portoghese alle percussioni africane. In un periodo di grande incertezza, Raphael Bianco ha voluto utilizzare la voce e l’anima di un popolo povero, ma pieno di speranza, per fare sua l’idea di amore del mondo e della vita. Il balletto “Amor di mundo”, che trae il proprio titolo da una delle canzoni, è una danza dedicata alla gioia della vita e alla speranza di una nuova era felice guardando oltre le onde del mare che circondano Capo Verde.

You Might Also Like

0 commenti