Passa ai contenuti principali

CRISTIAN RUIZ in NEUROSI DELLE 7 E 47

TEATRO BRANCACCINO
DAL 14 AL 17 APRILE

KALITERA
presenta

Cristian Ruiz
in

NEUROSI DELLE 7 E 47

di Ennio Speranza

regia di Massimo Natale

Sale sul palco del Teatro Brancaccino di Roma Cristian Ruiz, protagonista, dal 14 al 17 aprile, dello spettacolo di Ennio Speranza “Neurosi delle 7 e 47” diretto da Massimo Natale.
In quest’occasione Cristian Ruiz toglie i panni da performer, d’interprete e di protagonista di tanti musical a cui ci ha abituato per vestire quelli di attore puro, solo, al centro del palco per tratteggiare e raccontare le neurosi non solo di un uomo, ma dell’uomo in generale. Una prova d’attore entusiasmante, complessa, folle. 


Note dell’autore

Un uomo aspetta un autobus. O sogna di aspettarlo. Un uomo è in preda al delirio. O sogna il suo delirio. Un uomo è in preda alle sue ossessioni. O sono le sue ossessioni che lo hanno portato al punto in cui è arrivato. Un uomo aspetta un autobus e squaderna la sua neurosi. Fino a che non si decide di compiere un atto risolutivo per mostrare a se stesso di essere capace di reagire. O forse anche questo non è che un inganno.

Neurosi delle 7.47 è una parodia ma né caricaturale né burlesca. Forse lo è , parodia, nel senso di imitazione scadente, stereotipata, grottescamente atteggiata. Neurosi delle 7.47 è allo stesso tempo gesto d’affetto e di rabbia nei confronti del teatro di Sarah Kane, e di un teatro che al momento in cui si rivela non fa altro che girare a vuoto. Un teatro zoppo, autoreferenziale, ingrippato, talmente drammatico da risultare quasi comico.

Neurosi delle 7.47 è una psicosi delle 4.48 all’amatriciana. Quindi, come dire, assai più terribile del suo modello. Neurosi delle 7.47 può essere letto, declamato, recitato, o visto recitare, assunto prima e dopo i pasti. Meglio prima.

Ennio Speranza

Note di Regia

Neurosi delle 7.47 è un viaggio. Nella follia, nell’uomo, nelle nevrosi pubbliche e private. Un gioco di specchi e di visioni. Di ansie e di certezze. Un uomo solo al centro della scena. Non intesa solo come spazio di rappresentazione. Intorno a lui immagini di se stesso, del mondo. Immagini in movimento, un caleidoscopo vorticoso e malato che rappresenta quello che è, che potrebbe essere, che appare e che potrebbe diventare. Una prova d’attore affascinante.
Il racconto di un uomo in attesa. Lui e i suoi ricordi, i suoi desideri, i suoi sogni e le sue fobie. Un uomo che è lui, ma forse anche un po’ noi.

Massimo Natale---------------------

ORARI SPETTACOLI Giovedì – Sabato ore 20.00; Domenica ore 17.30

PREZZI Intero € 15,50

TEATRO BRANCACCINO

Via Merulana, 244

Tel. 06.80687231






Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

COPPÉLIA - balletto in tre atti

Martedì 11 Aprile 2017 ore 20,45 - Teatro Manzoni NUOVO BALLETTO CLASSICO direzione artistica Cosi - Stefanescu in COPPÉLIA balletto in tre atti musica di Léo Delibes Coreografia di Marinel Stefanescu Maitre du ballet Liliana Cosi Scene di Hristofenia Cazacu Costumi di Marinel Stefanescu

CALENDAR GIRLS ritorna al Teatro Manzoni

Dal 21 al 26 Febbraio 2017 TEATRO MANZONI AGIDI e ENFI TEATRO  presentano ANGELA FINOCCHIARO e LAURA CURINO CALENDAR GIRLS di TIM FIRTH basato sul film Miramax scritto da JULIETTE TOWHIDE & TIM FIRTH Traduzione e adattamento STEFANIA BERTOLA Regia CRISTINA PEZZOLI