Passa ai contenuti principali

La Regina delle Nevi - Teatro Stabile di Potenza


Torna al Teatro Stabile di Potenza l’Associazione Ariadne/Compagnia Teatro A proponendo giovedì 7 dicembre la pièce La regina delle nevi di H.C. Andersen, grande scrittore e poeta danese all’interno della rassegna Teatro letterario. Un poema fantastico, ironico e divertente, arricchito dalla traduzione di E. Schwarz. Lo spettacolo è un vero e proprio cross-over di musica, colori, divertimento e poesia per i bambini. La regia è affidata a Valeria Freiberg. 

Una delle favole più famose del mondo "La Regina delle Nevi" è stata narrata in centinaia di versioni in gran parte del mondo. È una favola che può essere considerata una parte dell'eredità culturale di numerosi popoli. Tessuta dalle straordinarie e scintillanti atmosfere del Nord narra il miracolo di un'amicizia sincera e piena di calore umano, la solidarietà che contraddistingue i cuori dei bambini, l'azzardo, il divertimento dei giochi natalizi vicino al camino e molto altro per riflettere insieme sulle avventure della piccola Gherda.

L' "Autunno Letterario", iniziativa culturale dell’Assessorato all’Istruzione, Cultura, Turismo del Comune di Potenza, è volta a sensibilizzare la popolazione rispetto all’importanza della conoscenza e della lettura, dedica lo spazio speciale al “Teatro Letterario”, che si presenta come una piattaforma d'incontro tra giovani talenti emergenti ed il pubblico dei bambini e dei giovani, per sperimentare nuove forme di espressione artistica. È ideato e realizzato dall'Associazione culturale “Ariadne” (che si avvia a festeggiare i cinquant’anni di attività) e dalla “Compagnia Teatro A” diretta da Valeria Freiberg.

Teatro Letterario” è un titolo che manifesta un obiettivo ambizioso: apertura a nuovi linguaggi artistici e a nuove forme espressive che lanciano l'idea del teatro e della letteratura come luogo di arte, pensiero e creazione. Ma soprattutto di dialogo. “L’interesse primario della compagnia Teatro A - dichiara Valeria Freiberg - è quello di rileggere il repertorio classico ed i testi contemporanei, sensibilizzando e avvicinando i giovani alla lettura ed al teatro. Vogliamo far riflettere sull’importanza del teatro dedicato ai più giovani, che riesce ad essere tramite unico per raccontare la grande letteratura”. Come tutte le attività della vita la letteratura non è un concetto statico, ma cambia a secondo del contesto in cui è calata e delle persone che la praticano, perché ognuno costruisce un suo personale rapporto con il libro, che si evolve con il passare del tempo. Scuola e Teatro sono le istituzioni preposte per aiutare i ragazzi ad avviare questa relazione, soprattutto in Italia, dove la sconfitta dell'analfabetismo è un fatto relativamente recente.

“La lettura è un muscolo”, ha scritto Alan Bennett nel suo “La sovrana lettrice”. Per questo la manifestazione “Teatro Letterario” individua una fase cruciale dell’azione culturale “Autunno Letterario” e si estende oltre i confini di una lettura tradizionale.
È una manifestazione che desidera entrare nel vivo delle attività principali del Teatro: essere diffusore del patrimonio culturale mondiale. L'intento della manifestazione è dare origine ad un dialogo creativo in cui la formazione di abitudini di consumo, per quel che concerne il teatro e la letteratura in particolare, contribuisce alla formazione degli spettatori di domani, alla formazione dei futuri adulti.
------------------------------------------------------------------

LA REGINA DELLE NEVI 07 dicembre h 10.30 e 12

TEATRO STABILE DI POTENZA

FRANCESCO STABILE

P.zza M. Pagano, Via Teatro Stabile, PZ

Info 348-6952550

Biglietto spettacolo 8€

Commenti

  1. Volevo andare a questo spettacolo con mio figlio, ma ora sono in urgente viaggio d'affari a Palermo :(

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol